rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022

Romanò: «Soddisfatto di questa prima parte di stagione da titolare. Un privilegio giocare accanto a tanti campioni». VIDEO

Il campione del mondo analizza la sua prima volta nel sestetto da protagonista. «La forma ideale non c’è ancora, le fatiche estive si sentono. Ma l’importante è arrivare al top fra qualche mese»

GSE_banner_322x250_statico-2E’ nella top ten dei bomber di Superlega, in quella degli attacchi vincenti e nei migliori cinque battitori di tutto il campionato. L’inizio di stagione di Yuri Romanò è da applausi; al rientro da campione del mondo l’opposto della Gas Sales Bluenergy si è immediatamente calato nella nuova realtà risultando fra i più costanti nel gruppo a disposizione di Lorenzo Bernardi.

«Il primo bilancio è positivo - spiega Romanò - stiamo lavorando su tanti aspetti, siamo partiti quasi da zero in quanto eravamo quasi tutti nuovi. Adesso iniziano a vedersi i primi risultati del lavoro, da qui in poi dobbiamo ancora migliorare sperando che la nostra sia una crescita costante».

Avete avuto qualche problema anche a causa di tanti infortuni, le difficoltà iniziali erano in preventivo?

«Senza dubbio sì. Con tanti ragazzi nuovi è normale che non tutto funzioni al meglio perché è necessario trovare gli automatismi corretti. Fra qualche tempo verrà tutto più semplice».

Nonostante tutto in Superlega siete potenzialmente secondi in classifica in un campionato equilibratissimo. A parte Perugia tutte le altre squadre sono molto vicine.

«E’ una Superlega bella, abbiamo visto da questo inizio che bisogna attendersi molti risultati a sorpresa perché tutte le squadre sono ben attrezzate e in ogni campo vogliono ottenere punti. E' necessario rimanere sempre sul pezzo e puntare ad avere maggiore continuità possibile per rimanere davanti agli altri».

A livello personale come sta andando la tua prima stagione da titolare?

«Bene. Sono soddisfatto; è un privilegio giocare la prima volta nel sestetto a fianco di grandi campioni che mi aiutano sia in allenamento sia in partita. E’ una bella occasione per crescere».

Da più parti si diceva: chi ha giocato il Mondiale avrà qualche problema a inizio stagione a causa di un’estate particolarmente intensa. Tu invece non sembri risentirne.

«Un po’ si sente, soprattutto fisicamente. La forma ideale non c’è ancora, ci stiamo lavorando tutti e credo sia normale. L’importante è arrivare al top fra qualche mese».

Video popolari

Romanò: «Soddisfatto di questa prima parte di stagione da titolare. Un privilegio giocare accanto a tanti campioni». VIDEO

SportPiacenza è in caricamento