menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Per salvare la Wixo Lpr l'unica strada è lavorare in gruppo

Da solo nessuno è in grado di trovare la soluzione, tutte le parti in causa devono fare squadra per cercare di raggiungere un traguardo difficile. Lunedì al President l'occasione per capire a che punto siamo

L’uscita pubblica dei Lupi Biancorossi, che lamentava un preoccupante silenzio sulle sorti della Wixo Lpr, ha ottenuto l’effetto sperato, vale a dire riportare i riflettori su quanto si sta facendo per garantire un futuro alla società di pallavolo. In attesa che lunedì sera (alle 20.45 al President) i diretti interessati si chiariscano faccia a faccia, come succede sempre in queste occasioni il dibattito è stato anticipato via social. E come spesso capita c’è anche chi va un po’ fuori tema, rischiando di vanificare il lavoro febbrile che in questi giorni si sta mettendo in atto per capire se ci sono strade ancora percorribili.

Primo aspetto da sottolineare con forza: per tagliare un traguardo che oggi appare ancora lontano (il tempo per raggiungerlo è sempre meno ma comunque esiste) è necessario lavorare di squadra. Questo significa che nessuno è in grado singolarmente di ottenere un risultato positivo, ma anche che se l’operazione non dovesse andare a buon fine non esisterà un unico “responsabile”. Anche perché l’eventuale mancata iscrizione sarebbe una sconfitta per l’intera città, non solamente per Guido Molinaroli, Roberto Pighi o i Lupi Biancorossi.

Sui social il dibattito è anche relativo al ruolo della Giunta, chiamata in causa dall’ultimo appello dei tifosi piacentini. “Non rientra fra il compito degli amministratori quello di cercare sponsor per una società privata” sostengono in tanti. Considerazione innegabile. Ma è anche vero che le realtà sportive di alto livello, così come gli avvenimenti culturali di rilevanza nazionale e internazionale, portano un enorme valore aggiunto all’intero territorio, difficile da quantificare esattamente ma comunque certo. Veicolare il nome di Piacenza su giornali e televisioni, grazie a iniziative private, assicura ricadute e benefici per tutta la comunità. Proprio per questo motivo agli amministratori si chiede di svolgere un ruolo di coordinamento fra le diverse realtà che potrebbero essere interessate (e al contempo ricevere vantaggi) ad avere una squadra nella Superlega di pallavolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento