menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Yosifov e Marshall a muro durante l'ultima gara in casa di Monza

Yosifov e Marshall a muro durante l'ultima gara in casa di Monza

Wixo Lpr, confronto di fuoco con la Lube: sesto posto da difendere

I biancorossi obbligati a vincere se non vogliono perdere posizioni in chiave play off. Parodi: «Sarà fondamentale partire bene»

Inutile presentare l’avversario, è sufficiente fare il nome della Lube per capire quale sia l’entità dell’impegno che domenica alle 18 attende al PalaBanca la Wixo Lpr. In una settimana in cui si è parlato più delle vicende societarie che di quanto succedeva in campo, i biancorossi sono riusciti a portare a casa cinque punti risalendo al sesto posto in classifica, raggiungendo dunque quello che era l’obiettivo dichiarato da qualche tempo. Adesso però arriva il difficile: due giornate di fuoco per respingere gli assalti di una Milano che, sulla carta, ha un cammino molto più semplice. La formazione di Giuliani è attesa da Civitanova e, domenica prossima, Verona in trasferta, i meneghini affronteranno il fanalino di coda Castellana Grotte e chiuderanno la stagione regolare con Latina. Non ci sono paragoni e oltretutto i biancorossi devono anche guardarsi dal possibile ritorno di Ravenna, due punti più indietro ma impegnata in casa con Monza e, nell’ultima giornata, a domicilio di una Perugia già sicura del primo posto.

«Ben vengano due test così ostici, è il modo migliore per prepararci ai play off» ha sentenziato Michele Baranowicz al termine del confronto infrasettimanale con Monza. Di certo Piacenza non potrà scendere in campo facendo dei conti: i biancorossi sono già certi dell’approdo ai play off ma per difendere la sesta posizione dovranno solamente vincere, obiettivo difficilissimo di fronte a una formazione che in tutto il campionato ha subito solamente quattro stop. E’ anche vero peraltro che nel confronto diretto all’andata la Wixo Lpr sfiorò il colpaccio, arrivando anche a condurre 2-1 prima di venire sconfitta al tie break. Insomma, serve un’impresa ma non un miracolo, di fronte a una delle formazioni più forti non solamente della Superlega ma dell’intero panorama europeo, che al PalaBanca presenterà il ritorno di Marco Camperi, per tre stagioni sulla panchina biancorossa in qualità di vice allenatore e, dopo l’addio di Radici, anche di head coach.

Per quanto riguarda la formazione di Piacenza non dovrebbero esserci dubbi, con Baranowicz in regia, Fei opposto, Alletti e Yosifov centrali, Clevenot e Marshall schiacciatori e la coppia Manià-Giuliani liberi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento