menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alberto Giuliani, tecnico della Wixo Lpr

Alberto Giuliani, tecnico della Wixo Lpr

La Wixo Lpr sul campo stregato per capire se può guardare ancora più in alto

Piacenza affronta Trento, con cui in trasferta non vince da dodici partite consecutive (l'ultimo successo nel 2009). Tre punti permetterebbero ai biancorossi di sperare nel quarto posto. Dubbio Yosifov per Giuliani

E’ l’occasione giusta per capire se c’è la possibilità di salire un altro gradino. In serie positiva da cinque giornate, la Wixo Lpr domenica alle 18 affronta Trento, formazione che precede di quattro lunghezze i biancorossi in graduatoria. In caso di successo Piacenza potrebbe davvero ambire al quinto o addirittura al quarto posto (Verona è infatti appaiata alla Diatec), se invece la squadra di Giuliani tornasse in Emilia con una sconfitta, e magari il contemporaneo successo di Verona sul campo di Monza, allora i biancorossi avrebbero come unico obiettivo reale il sesto posto.

E’ un momento decisivo per il campionato della Wixo Lpr e i biancorossi ci arrivano in buone condizioni ma con il punto interrogativo rappresentato da Viktor Yosifov. Il bulgaro ha saltato la sfida vinta nettamente dai suoi compagni a Padova perché bloccato da un problema alla schiena: lo staff ha fatto di tutto per recuperarlo, ma una decisione sulla sua presenza verrà presa solamente nell’immediata vigilia del match. Non dovesse farcela, spazio a Di Martino che nel confronto infrasettimanale ha dimostrato di non aver patito il lungo periodo in panchina. Altro dubbio per Giuliani è la coppia iniziale di schiacciatori: punto fermo sembra essere Clevenot, con Marshall (positivo mercoledì) e Parodi a giocarsi l’altra casacca da titolare.

Indipendentemente da chi scenderà in campo al fischio d’inizio, e da chi entrerà a gara in corso e che spesso si è rivelato decisivo, la Wixo Lpr per conquistare i tre punti dovrà giocare una partita ad altissimo livello, confermando i passi in avanti delle ultime sfide al servizio e la consueta attenzione a muro e in attacco.

Trento dal canto suo sta testando un nuovo sistema di gioco: visto il momento non eccezionale di Luca Vettori, ex biancorosso, Angelo Lorenzetti sta riproponendo alla Diatec uno schema simile a quello proposto a Piacenza nell’anno dello scudetto, con una squadra senza opposto di ruolo e tre schiacciatori contemporaneamente in campo. Novità che ha portato un successo con Latina ma la sconfitta casalinga per mano di Perugia; probabile che il tecnico di Fano la riproponga anche contro i biancorossi.

A Piacenza serve una vittoria dicevamo, ma il campo della Diatec è tabù da anni per la Wixo Lpr: l’ultimo successo risale allo scudetto del 2009, quando in panchina c’era proprio Angelo Lorenzetti con Leo Marshall in campo. Da allora per i biancorossi sono arrivate 12 sconfitte consecutive: sarebbe il momento ideale per interrompere la serie negativa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento