rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Volley A1 maschile

Volley - Un brutto Copra Elior cede a Castellana

Non ci si faccia ingannare dai parziali, tutti combattuti: il 3-1 (25-23, 25-23, 25-27, 25-21) di Castellana Grotte sul Copra Elior è ben più netto di quanto dicano i numeri. I padroni di casa sono stati superiori ai piacentini per quasi tutto...

Non ci si faccia ingannare dai parziali, tutti combattuti: il 3-1 (25-23, 25-23, 25-27, 25-21) di Castellana Grotte sul Copra Elior è ben più netto di quanto dicano i numeri. I padroni di casa sono stati superiori ai piacentini per quasi tutto l’incontro e solo un paio di fiammate della squadra di Luca Monti hanno messo momentaneamente in dubbio l’esito della gara. Se il calo sia dovuto a una stanchezza fisica di alcuni protagonisti, costretti a un tour de force fra campionato e Challenge, oppure a un calo mentale dopo aver giocato al massimo per tante settimane dovrà scoprirlo lo staff tecnico nei prossimi giorni.

DIFESA - Il prima possibile, perché mercoledì c’è il ritorno dei quarti di Coppa con il Minsk, quindi arrivano due impegni fondamentali in Italia: la trasferta di Perugia e la sfida casalinga ai campioni del Mondo di Trento. Piacenza ha l’obbligo di difendere il terzo posto fino all’ultima giornata e le due lunghezze di vantaggio su Cuneo sono comunque un bel tesoretto da proteggere. Dopo aver conquistato ventuno punti nelle ultime otto gare una frenata non deve far accendere l’allarme, a patto di dimostrare fin dai prossimi appuntamenti che si tratta di un episodio isolato.

DEFICIT - A Castellana Grotte il Copra Elior è stato deficitario in quasi tutti i fondamentali: molto male a muro, almeno fino all’ingresso di un super Tencati (5 punti nel fondamentale, come al solito bravissimo), in grossa difficoltà anche al servizio. Ma soprattutto i biancorossi non sono riusciti ad arginare Giulio Sabbi, di gran lunga il migliore, risultato decisivo in tutti i momenti chiave dell’incontro. Pur giocando ben al di sotto dei propri livelli Piacenza ha avuto l’opportunità di vincere sia il primo sia il secondo set. Quello iniziale con il sestetto di Monti avanti 21-19 prima di andare a sbattere contro il muro avversario, la frazione successiva al termine di un’incredibile rimonta iniziata sul 7-15 e concretizzata a quota 22. Ma a questo punto, quando tutto lasciava presagire a uno sprint a braccia alzate dei biancorossi, ecco il nuovo allungo dei padroni di casa per il secondo 25-23 della gara.

CAMBI - Monti le ha provate tutte: fuori un inconcludente Papi e spazio a un discreto Maruotti (poco cercato, ma con il 71 per cento in attacco), dentro il già citato Tencati per Holt e soprattutto cambio in regia con Corvetta a prendere in mano la squadra al posto di De Cecco. Poi sprazzi nel doppio cambio anche a Vettori, ma tutte le modifiche sono riuscite solo a mettere un po’ di paura agli avversari, senza però modificare in modo consistente la qualità del gioco.
Vinto ai vantaggi il terzo set (grazie anche a uno Zlatanov due volte strepitoso in difesa), la gara è nuovamente girata a favore di Castellana, partita con un parziale di 5-1 nel quarto. La lunga rincorsa non raggiunge mai il risultato sperato, con i padroni di casa a conquistare i meritati tre punti e i piacentini con l’amaro in bocca per un’occasione sprecata.

SOLIDO - Il terzo posto resta comunque solido, con Cuneo scontato vincitore su Verona ma ancora a due punti, mentre la strada per raggiungere la seconda posizione diventa molto più complicata. Realisticamente adesso l’obiettivo è difendere con i denti la posizione alle spalle di Trento e Macerata. Poi, ai play off, servirà la vera Piacenza per mettere paura agli avversari.

BCC-NEP CASTELLANA GROTTE - COPRA ELIOR PIACENZA 3-1 (25-23, 25-23, 25-27, 25-21)
BCC-NEP CASTELLANA GROTTE: Ricciardello, Paparoni (L), Falaschi 6, Dolfo 4, Sabbi 26, Ferreira 12, Yosifov 9, Cester 10, Casoli 5. Non entrati Menzel, Elia, Ferreira. All. Gulinelli
COPRA ELIOR PIACENZA: Marra (L), Corvetta 2, Papi 1, Fei 16, Simon 14, Zlatanov 12, Holt 3, Tencati 7, Maruotti 5, Vettori 1, De Cecco 1. Non entrati Latelli, Tavana. All. Monti
ARBITRI: Sampaolo, Saltalippi
NOTE - durata set: 26', 29', 31', 29'; tot: 115'.

LE INTERVISTE - MARUOTTI: «LA STANCHEZZA? NON PUO' ESSERE UN ALIBI». CORVETTA: «DECISIVO IL FINALE DI SECONDO SET»

Gabriele Maruotti è stato chiamato a prendere il posto di Samuele Papi, chiudendo la gara con Castellana con 5 punti e il 71 per cento in attacco.
«Abbiamo tante partite nelle gambe, ma non può essere una giustificazione per la nostra sconfitta, perché una squadra ben attrezzata come la nostra deve saper stare in campo domenica e mercoledì senza accusare più di tanto, ma soprattutto giocando meglio di come abbiamo fatto con Castellana».
Qual è stata la chiave della gara?
«Avremmo potuto fare nostro il primo set, invece ci è mancato qualcosa. Probabilmente fossimo passati in vantaggio sarebbe stato tutto un altro incontro. Poi loro sono stati bravi, hanno fatto cose incredibili e meritano i complimenti, anche se noi dobbiamo prenderci le nostre colpe».
La panchina è stata chiamata in causa in modo massiccio.
«Penso non sia arrivata una risposta negativa, anche se il risultato avremmo dovuto portarlo a casa. Ci aspettano sei gare in 18 giorni, serve l’aiuto di tutti».
Adesso cosa vi aspettate?
«Il periodo è intenso, ma è quello che ci aspettavamo a inizio stagione. Dobbiamo ripartire e giocare ogni partita al massimo».

Queste invece le parole di Antonio Corvetta: «Forse la chiave della partita è stato il finale di secondo set dove abbiamo sprecato delle buone opportunità. Credo che nell’economia della gara sia stato quello il momento decisivo. Stanchezza per l’impegno in Coppa? Per noi non deve essere un problema. Castellana è stata brava a tenere il campo ma noi potevamo fare di più».

La gara set per set
Aggiornamento quarto set - Castellana-Piacenza 3-1 (25-23, 25-23, 25-27, 25-21). La mancanza di continuità di Piacenza si evidenzia con l’avvio brivido del quarto parziale: 5-1 Castellana e poi l’errore in pipe di Zlatanov regala il 6-2 ai locali che doppiano Piacenza a quota 10. Ci vuole l’ace di Fei per riportare il Copra Elior in partita, ma i biancorossi sono sempre costretti a rincorrere: 8-11. Poi ci pensa il solito stratosferico Sabbi (in attacco e con un muro su Zlatanov) a scavare un solco importante fino al 13-8. Piacenza risale, finalmente Simon spara il servizio in campo a non in rete e piazza due ace per il 13-14. Ma Yosifov risponde per le rime allungando proprio al servizio 18-14, quindi è ancora più pesante la battuta vincente di Falaschi del 21-16. Entra Holt al servizio per Tencati e la sua serie in battuta è positiva: 19-21. Ma è difficile recuperare in ogni set: Monti inserisce Vettori per Corvetta in prima linea ma Sabbi trova ancora un muro out per il 23-20 prima che Castellana chiuda conquistando tre punti meritati.

Aggiornamento terzo set - Castellana-Piacenza 2-1 (25-23, 25-23, 25-27). Monti tiene in campo il sestetto a cui per un soffio non riusciva la rimonta incredibile, dando fiducia a Corvetta in regia con Maruotti e Tencati in campo e la coppia Papi-Holt in panchina. Ferreira mette a terra la palla dell’8-6 Castellana, poi ci pensa Tencati a muro a firmare la parità a 9. Ma Piacenza non riesce ad essere continua, soprattutto in attacco. E soprattutto i biancorossi faticano enormemente a muro su uno scatenato Sabbi. Ma se l’opposto di Castellana riesce a mettere a terra con continuità il pallone anche di fronte al muro a tre piazzato significa che c’è anche qualche responsabilità dei piacentini. Al rientro in campo dopo il 16-14 Castellana, Monti inserisce De Cecco e Vettori per Fei e Corvetta e quando si chiude il doppio cambio l’opposto titolare mette a terra il muro del 17 pari ripetendosi poi per il 20-20 su Dolfo. Ancora una volta si arriva allo sprint e ancora una volta Sabbi è immarcabile: 23-22 Castellana. Ma il muro di Tencati regala per la prima volta il set ball a Piacenza con il 24-23. Zlatanov compie due miracoli in difesa andando a prendere la palla in tribuna, ma Castellana pareggia a 25, poi il Copra Elior trova il muro del 27-25 che allunga la gara.

Aggiornamento secondo set - Castellana-Piacenza 2-0 (25-23, 25-23) Castellana parte come aveva terminato il secondo set e vola subito 8-5. Poi Papi viene murato per il 10-6 locale e lascia il posto a Maruotti. Ma serve a poco, perché gli attaccanti troppo spesso sbattono contro il muro degli avversari che in pochi scambi si trovano avanti 12-7. Monti cambia anche in regia; dentro Corvetta per De Cecco, ma subito Simon si vede respingere l’attacco per il 15-7 di una Bcc Nep che sembra passeggiare contro il Copra Elior. Il parziale emiliano di 4-0 porta ossigeno a Zlatanov e compagni e Gulinelli prova a fermare immediatamente il ritorno biancorosso chiamando tempo. Ci riesce, anche se gli ospiti guadagnano un altro punto prima dello stop sul 16-12. Dentro Tencati per Holt che mura subito conquistando il 18-16 prima che l’ace di Corvetta riporti Piacenza a meno 1. Poi entra Dolfo e piazza l’ace del 21-18 che sembra rovinare la rimonta biancorossa. Ma un attacco out dei locali permette a Piacenza di sperare: 21-22, quindi Fei al servizio termina la rincorsa agguantando Castellana a un sospiro dal termine del parziale. Sbagliano tutti al servizio e l’errore di Zlatanov consegna il primo set point a Castellana: 24-23. E si chiude con un errore di Maruotti in attacco.


Aggiornamento primo set - Castellana-Piacenza 1-0 (25-23). L’ace di De Cecco vale il 7-5 Copra Elior, poi la partita è equilibrata fino al 13-12 biancorosso, quando gli ospiti allungano 15-12 e si portano al secondo tempo tecnico avanti di due lunghezze. Poi però Piacenza non sfrutta un paio di occasioni in rigiocata e Yosifov pareggia i conti. L’errore di Sabbi regala il 18-17 agli ospiti, in una sfida in cui si registrano tanti sbagli al servizio. Entra Tencati per De Cecco con l’obiettivo di alzare il muro, ma Simon spara in rete la battuta rendendo inutile l’ingresso del piacentino. A muro però ci pensa Holt, che ferma Ferreira e porta un mini break importante: 21-19, ma anche Castellana respinge il tentativo di Papi per la parità a 21 a cui segue il tempo di Monti. Poi tocca a Fei e Holt subire i due muri che portano al sorpasso dei padroni di casa fino al 23-21 e quindi al definitivo 25-23.

Squadre in campo a Castellana Grotte per la sfida tra i padroni di casa e il Copra Elior. Una gara tra formazioni in gran forma: si affrontano le uniche due squadre della A1 capaci di conquistare nove punti nelle ultime tre gare.
Monti manda in campo il sestetto consueto, con De Cecco in regia, Fei opposto, Holt e Simon al centro, Zlatanov e Papi di banda e Marra libero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley - Un brutto Copra Elior cede a Castellana

SportPiacenza è in caricamento