menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra: Cavalli (Saiani), Sedlacek, Francesco Cottarelli e lo zio Gabriele

Da sinistra: Cavalli (Saiani), Sedlacek, Francesco Cottarelli e lo zio Gabriele

Volley - Sedlacek: «Puntiamo alle semifinali scudetto»

Allo stesso tavolo sono seduti due estremi: i giocatori più giovani nella rosa dell’Lpr e lo sponsor più anziano (come militanza). Da una parte Giuseppe Cavalli in rappresentanza del Colorificio Saiani, che mostra con...



Allo stesso tavolo sono seduti due estremi: i giocatori più giovani nella rosa dell’Lpr e lo sponsor più anziano (come militanza). Da una parte Giuseppe Cavalli in rappresentanza del Colorificio Saiani, che mostra con orgoglio le tessere dei dodici anni di Serie A della società biancorossa mettendo in evidenza la prima, con il logo della sua società stampato dietro alla foto di Gardini. Dall’altra Marko Sedlacek e Francesco Cottarelli, giovani su cui l’Lpr punta per il futuro.

Nella sede di San Bonico fa anche bella mostra di sé la rumorosissima campana che Cavalli, grande tifoso biancorosso, esibisce nelle occasioni più importanti per sostenere la squadra. «Ogni anno - spiega - ribadiamo il nostro affetto alla società, del gruppo partito dodici anni fa forse siamo rimasti solamente noi. Abbiamo diverse sponsorizzazioni in ambito sportivo, però con Guido Molinaroli è nato e si è sviluppato un sodalizio particolare. Come tutti anche noi dobbiamo fare dei sacrifici, ma con lo staff biancorosso ci siamo sempre trovati bene e se possiamo garantiamo volentieri il nostro contributo».
Poi Cavalli amplia il discorso e difende con orgoglio il ruolo suo e di tante realtà locali: «Tanti medi e piccoli sponsor hanno fatto la storia del Copra. Se la società oggi esiste ancora è anche perché in questi anni molte aziende come la nostra hanno dato una mano. Sia chiaro, lodiamo enormemente i grandi sponsor, ma riconosciamo il ruolo importante che hanno svolto i più piccoli».

Poi i riflettori sono puntati su Sedlacek e Cottarelli, 38 anni in due, entrambi classe 1996. Lo schiacciatore alza subito il tiro: «L’obiettivo? Dobbiamo arrivare almeno in semifinale scudetto». Alle spalle ha esperienze con le nazionali giovanili croate, l’avventura con il Mladost Zagabria e l’ultimo anno nel campionato francese di A2 con il Rennes. «Sono in una bella squadra e con un allenatore preparato - le sue prime parole da biancorosso - oltretutto ho al mio fianco Papi e Zlatanov che sono i migliori giocatori italiani degli ultimi anni e per me saranno degli ottimi insegnanti». Intanto di lui si dice un gran bene in attacco e a muro, mentre deve migliorare in ricezione.
Al suo fianco c’è Francesco Cottarelli, per il quale garantisce lo zio Gabriele. Avrebbe avuto l’occasione di fare il grande salto verso il beach volley, convocato in raduno permanente dalla nazionale, ma ha preferito tentare l’avventura nell’indoor, dove vanta un paio di stagioni in B2 a Isola della Scala. Palleggiatore, a Piacenza si è iscritto alla facoltà di Management e marketing e il primo giudizio sulla nuova avventura è molto positivo: «Mi sto trovando molto bene, con l’Lpr voglio far vedere quanto posso dare a questo livello. Realisticamente dobbiamo puntare ai play off, poi una volta conquistati vedremo cosa potrà arrivare. E per quanto mi riguarda ho davanti un esempio come Coscione, per me uno stimolo in più».

AMICHEVOLI CON IL FRIEDRICHSHAFEN - Intanto prosegue la preparazione in vista dell’esordio in campionato previsto per il 25 ottobre. La prossima settimana la formazione di Camperi affronterà due volte in amichevole i i tedeschi del Friedrichshafen; i test sono previsti per martedì 13 alle 18 e mercoledì 14 alle 15.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento