Questo sito contribuisce all'audience di

Volley - Piacenza, l'ennesima occasione sprecata

 Adesso ci si può aggrappare solamente all’aritmetica. E’ l’unico filo, peraltro sottilissimo, che tiene il Copra agganciato ai play off, perché la sconfitta in casa di Molfetta di fatto spegne le piccole speranze che i biancorossi erano stati...

Poey e Ostapenko a muro contro Molfetta
 Adesso ci si può aggrappare solamente all’aritmetica. E’ l’unico filo, peraltro sottilissimo, che tiene il Copra agganciato ai play off, perché la sconfitta in casa di Molfetta di fatto spegne le piccole speranze che i biancorossi erano stati bravi a crearsi con il successo di domenica scorsa contro Latina. La sfida in casa dei pugliesi (con 9 Lupi Biancorossi a seguire la squadra) è lo specchio dell’intera stagione di Piacenza: tante occasioni mai sfruttate, rimpianti e rammarico che emergono ripensando a tutta la gara. Il Copra perte bene e si porta subito avanti, anche se rischia nel finale dopo una frazione condotta con un buon carattere; subisce il ritorno di Molfetta ma domina il terzo parziale. Sono avanti prima 1-0 e quindi 2-1 i biancorossi, ma non appena i pugliesi nel quarto parziale si guadagnano un piccolo break di vantaggio manca anche una minima reazione. Vincere in casa del sestetto di Di Pinto è complesso, nelle ultime cinque gare ci è riuscita solo Modena, ma gli errori dei biancorossi sono comunque troppi, a iniziare dalle imprecisioni in appoggio per arrivare fino alle indecisioni in difesa sui palloni appoggiati dall’Exprivia al centro del campo e passando per alzate spesso difficili da attaccare.

RAMMARICO - Molfetta potrebbe già essere soddisfatta del 2-2, perché anche perdendo il tie break lascerebbe comunque il Copra a cinque lunghezze di distanza quando mancano tre giornate alla conclusione e, al limite, gli emiliani potrebbero fare la corsa su Ravenna che ha una gara in più. Per questo quando Piacenza parte a razzo nel set corto guadagnando prima il 5-1 grazie al servizio e quindi l’8-4, la speranza di conquistare almeno due punti si fa sempre più concreta. Poi però, inspiegabilmente, ancora una volta i biancorossi crollano. Subiscono un parziale di 5-0 e permettono ai padroni di casa di portarsi avanti: nonostante tutto hanno una nuova occasione di arrivare a condurre 13-12 ma Zlatanov viene murato, quindi sul match point ancora una volta le ingenuità di Piacenza sono macroscopiche.

ERRORI - Così non bastano i 24 punti di Poey e i 16 di Zlatanov (complessivamente fra i più positivi), perché proprio i due attaccanti più cercati e prolifici riassumono bene il motivo della sconfitta. Il cubano subisce anche 7 muri a cui vanno aggiunti 3 errori, il capitano è vittima di 5 ace subiti su 9 ricezioni totali che lo lasciano all’11 per cento in seconda linea. Purtroppo in casa biancorossa non c’è nessuno che gioca bene dal primo all’ultimo pallone e a questo punto dell’annata il Copra, vista la situazione in cui si è cacciato, non può permetterselo. 

EXPRIVIA NELDIRITTO MOLFETTA - COPRA PIACENZA 3-2
(23-25, 25-19, 21-25, 25-18, 15-13)
EXPRIVIA NELDIRITTO MOLFETTA: Candellaro 12, Noda Blanco 14, Sket 8, Del Vecchio, Romiti (L), Bossi 13, Hierrezuelo 6, Porcelli (L), Despaigne Jurquin 14, Torres 23, Piscopo. Non entrati Spirito, Blagojevic. All. Di Pinto
COPRA PIACENZA: Alletti 11, Marra (L), Poey 24, Papi 10, Da Silva Pedreira Junior (L), Massari 1, Zlatanov 16, Ostapenko, Tencati 8, Kohut 2, Rodrigues Tavares 4. Non entrati Ter Horst, Meoni. All. Camperi
ARBITRI: Zavater, Bartolini
NOTE - Spettatori 1416, incasso 3515, durata set: 29', 30', 30', 25', 19'; tot: 133'. 

LE PAGELLE
Tavares 5: troppo impreciso per meritare la sufficienza. E’ lampante (e anche scontato) che Poey e Zlatanov siano i terminali offensivi da cercare maggiormente, ma in qualche occasione probabilmente esagera. Il problema è che non può riposare nemmeno un istante perché non c’è un cambio nel suo ruolo
Poey 6: lo specchio della squadra, a tratti eccellente, in alcune occasioni da bocciare. I suoi 24 punti sono preziosissimi, ma nel tie break prima massacra Molfetta con il servizio, poi subisce le due murate decisive
Alletti 6: non è più efficace come qualche settimana fa in attacco, ma è anche vero che riceve due palloni a set e non è semplice
Tencati 6: parte alla grande piazzando tre muri nella prima frazione, poi nel fondamentale sparisce a lungo. Ha grande libertà in attacco e ne approfitta
Papi 6: il suo compito è tenere a galla la ricezione e lo fa bene, anche se Molfetta a tratti tira fortissimo al servizio. Pure lui come i compagni è altalenante a rete, ma nel complesso i risultati sono sufficienti
Zlatanov 6: molti alti e bassi, come per tutta la squadra. A tratti è il trascinatore della squadra, quando mette a terra anche palloni difficilissimi, qualche volta viene “dimenticato” da Tavares. Però è pesantissimo il muro subito in rigiocata sul 12 pari del tie break. E poi la ricezione è da dimenticare, con 5 errori su 9 colpi complessivi
Mario Junior 5: parte bene in ricezione e comunque nel fondamentale non è male. Però sbaglia alcuni appoggi elementari che pesano parecchio e troppo spesso si fa trovare fuori posizione in difesa
Marra 6,5: si merita i soliti applausi. Una garanzia che spesso indica la strada ai compagni
Kohut: sv
Ostapenko: sv
Massari: sv


La gara punto a punto

Aggiornamento - Kohut, in campo per Tencati, trova il 10-10 ma Despaigne gioca con il muro per il 12-10. Poey mura due volte e riporta il Copra 12-12 ma Zlatanov subisce a sua volta il muro del 13-12 quindi Alletti pareggia a 13. Il muro a tre di Piacenza non ferma Despaigne, poi Piacenza commette incredibili ingenuità anche sul match point e chiude 15-13 aggiudicandosi il tie break.

Aggiornamento - Arriva anche l'ace di Alletti e Piacenza conduce 8-4. Anche Hierrezuelo trova la battuta vincente, poi sbaglia Tavares e Molfetta è a meno 1: 7-8. Quindi Poey viene murato due volte e i padroni di casa si portano a condurre 9-8

Aggiornamento - Per due volte Zlatanov aggiusta palloni difficili e firma il 3-1 Piacenza, quindi doppio ace di Poey per il 5-1. Il diagonale di Zlatanov vale il 6-3

Aggiornamento - Papi trova il mani e fuori ma Molfetta è ancora avanti 20-16. Entra Ostapenko al servizio ma i padroni di casa mettono a terra il 22-17, quindi Massari viene murato per il 23-17 e Despaigne trova il 25-18

Aggiornamento - Nuovo ace di Torres su Zlatanov per il 14-10, Poey replica per il 14-12. Poi ancora un errore di Mario Junior e Molfetta mette a terra il 19-13 che sembra spegnere le speranze di Piacenza; c'è grande confusione nel campo biancorosso

Aggiornamento - Piacenza sbaglia troppo: un appoggio di Mario Junior finisce nel campo di Molfetta, poi arriva un altro errore grave che permette a Molfetta di trovare l'8-5. I padroni di casa adesso sbagliano poco e si portano a condurre 12-8

Aggiornamento - Torres manda in rete la battuta del 22-16 Copra, Poey scatenato trova il 23-17, Alletti firma il primo set point di Piacenza. L'opposto cubano manda fuori il 20-24, quindi Papi consegna il 25-21 e il 2-0 al Copra

Aggiornamento - Molfetta trova un aiuto dal nastro al servizio e poi in rigiocata trova con Despaigne il 13-16, quindi Hierrezuelo manda in rete la battuta del 17-13 Piacenza, quindi Zlatanov in pipe mette a terra il 18-13 e trova anche il successivo 20-14

Aggiornamento - Zlatanov dopo un secondo set in cui viene chiamato poco in causa mette a terra due diagonali che portano le squadre allo stop tecnico con Piacenza avanti 12-7, poi uno scatenato Poey scaraventa a terra il 14-8

Aggiornamento - Poey parte alla grande al servizio: doppio ace e 5-1 biancorosso. Un attacco di Poey viene dato out dagli arbitri con i biancorossi che chiedono un tocco, ma lo stesso cubano trova il 9-5

Aggiornamento - Piacenza sbaglia troppo in difesa e non riesce a recuperare il mini break di svantaggio, così quando Alletti viene murato i padroni di casa conducono 21-18. Ace di Sket su Zlatanov per il 23-19, quindi replica al servizio per il set point Molfetta che concretizza sull'errore di Poey per il 25-19 che regala l'1-1 ai pugliesi

Aggiornamento - Papi non mette a terra una rigiocata e subisce il muro su quella successiva e Molfetta si porta a condurre 15-13 con Camperi che ferma subito il gioco. Ace di Alletti per il 15-16, ma Torres allunga ancora, quindi la veloce di Tencati vale il 17-18

Aggiornamento - In avvio il set non ha padroni, con Zlatanov che trova il miracolo dell'8-8 e quindi mura Torres per il vantaggio biancorosso, Marra strepitoso in difesa permette a Alletti di Alletti di firmare l'11-10 e il punto successivo è un errore di Noda Blanco su cui però Alletti commette invasione, quindi Sket trova l'ace su Zlatanov per il 12-11 Molfetta

Aggiornamento – Molfetta sbaglia parecchio al servizio e regala il 19-14 al Copra e il successivo 22-18. L’imprecisione di Mario Junior in ricezione permette ai padroni di casa di risalire 20-22, quindi Poey subisce il muro del 21-22. Ancora Mario Junior si rifa con una ricezione eccellente che permete a Kohut, appena entrato, di mettere a terra il 23-21. Papi mura per il set point, Poey subisce quello del 23-24 dopo due palle set annullate ma Despaigne con il servizio regala l’errore del 25-23 a Piacenza che si porta avanti 1-0

Aggiornamento – Il muro su Papi porta Molfetta a meno 1: 12-13. Diventa protagonista Tavares: colpo di seconda intenzione e battuta vincente per il 15-12, poi Tencati allunga ulteriormente con un doppio muro per il 17-12

Aggiornamento - Le squadre procedono appaiate in avvio, poi arriva il primo break con il muro a uno di Tencati su Piscopo, quindi Poey mette a terra l'8-5 e Di Pinto ferma il gioco. Molfetta risale, ma ancora due muri (il secondo di Zlatanov) regalano il 10-7 biancorosso quindi Alletti mette a terra il 12-9

Aggiornamento - Camperi inserisce Tencati nel sestetto con Ostapenko in panchina. Per il resto giocano Tavares in regia, Poey opposto, Alletti è l'altro centrale con Papi e Zlatanov di banda e Mario Junior libero

Due ore, poco più o poco meno, per sapere se il Copra potrà continuare a sognare o se dovrà dire addio alla speranza di qualificarsi per i play off. Squadre in campo a Molfetta, dove l'anticipo del sabato propone lo scontro diretto fra i biancorossi e i padroni di casa, che precedono Piacenza in classifica di sei lunghezze. Se non vuole rendere inutili le ultime giornate di Superlega la squadra di Camperi è costretta a vincere da tre punti.
Segui la diretta su www.sportpiacenza.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Eccellenza, Promozione e Prima: stop alle Coppe. Seconda e Terza: la stagione sarà completa

  • Terminate le videoconferenze con le società di calcio dilettantistico: fino al 3 dicembre impossibile prendere decisioni

  • Un Piacenza decimato dal Covid ha ripreso gli allenamenti, difficile che venga rinviata la gara con la Giana Erminio

  • Il Bertocchi diventa un campo all'inglese: erba artificiale, tribuna ampliata e coperta

  • Miozzo (Cts): «Palestre, piscine e centri sportivi non riapriranno per Natale»

  • Il Piacenza fa la conta per la sfida di mercoledì contro la Giana Erminio. Sono 14 gli indisponibili

Torna su
SportPiacenza è in caricamento