menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Volley - Molinaroli: «Sabato giochiamo a porte chiuse» - 1

Volley - Molinaroli: «Sabato giochiamo a porte chiuse» - 1

Volley - Molinaroli: «Sabato giochiamo a porte chiuse»

L’annuncio arriva a sorpresa, il giorno dopo la vittoria in gara1 di semifinale scudetto contro Perugia: «Per sabato, quando è in programma gara3, non ci saranno biglietti in vendita. Si giocherà a porte chiuse». Parole di Guido Molinaroli...

L’annuncio arriva a sorpresa, il giorno dopo la vittoria in gara1 di semifinale scudetto contro Perugia: «Per sabato, quando è in programma gara3, non ci saranno biglietti in vendita. Si giocherà a porte chiuse».
Parole di Guido Molinaroli, numero uno del Copra Elior, che ha già iniziato a mettere in pratica le sue intenzioni: oggi sarebbe dovuta partire la prevendita e invece dei tagliandi nessuna traccia. Il motivo della decisione? La scelta della Lega di fissare gara3 di semifinale sabato pomeriggio alle 17.30 per esigenze televisive. Le dirette Rai, da inizio campionato, sono due a settimana, una il sabato pomeriggio e una la domenica, sempre alla stessa ora. Non è un segreto per nessuno che il sabato (così come nei turni infrasettimanali) si perdano spettatori, soprattutto quando inizia la bella stagione.

IL POMERIGGIO NO - «Non capisco perché noi dobbiamo scendere in campo sabato e Modena domenica, ma non sta a me giudicare. Però alle 17.30 è improponibile. Abbiamo chiesto di posticipare alle 20.30, ma a quell’ora la Rai trasmette la partita femminile, bisognava chiedere l’inversione ma non se ne è fatto niente, anche se ancora non si sa quale gara andrà in tv». In serata poi sul sito della Lega femminile è arrivata l’ufficializzazione della sfida Novara-Gorgonzola.
Ci va giù duro Molinaroli e l’obiettivo è la Lega: «Si vuole la Superlega, ma poi si pensa solo alla televisione e non alle società che possono riempire gli impianti».

MINACCIA? - La prima cosa che viene in mente è che si tratti di una minaccia per iniziare le trattative, ma Molinaroli nega: «Non c’è più spazio per le trattative, le abbiamo fatte quando era scoppiato il caos Supercoppa e la Lega aveva preso impegni in cambio della rinuncia a nostre azioni legali che poi non ha mai rispettato. Ragionando in questo modo si distrugge la pallavolo».
Ormai il numero uno del Copra Elior è un fiume in piena: «Questa mia azione è una guerra aperta alla Lega? No, semplicemente significa che non ascoltano le esigenze delle società e quelle dei tifosi. Oltretutto io dai diritti tv non vedo niente, ho molto più interesse ad avere il PalaBanca pieno».
Chiaro che questa scelta danneggerebbe, oltre ovviamente alle casse della società, i sostenitori biancorossi, da sempre vicini alla squadra. Molinaroli lo sa bene, ma cerca la battuta per sdrammatizzare: «Li facciamo risparmiare. La Lega vuole la par condicio, saranno tutti davanti alla televisione».

EVENTO - Poi giustifica ulteriormente la sua scelta: «Avevo proposto anche di rinunciare alla diretta per giocare di sera, creando problemi agli sponsor. Volevo che gara3 si trasformasse in un evento per la città, non me l’hanno permesso. Sono giorni che i miei dirigenti cercano una soluzione con la Lega ricevendo solamente pesci in faccia».

E la chiusura lascia intendere che non si tratta di una “sparata” fine a se stessa. «Se pensano che sia un bluff devono solo mettermi alla prova e aspettare sabato. Sono il primo presidente che rinuncia volontariamente a un incasso».
Il conto alla rovescia è appena iniziato e di sicuro darà il via a contatti e telefonate roventi, quali saranno i risultati lo sapremo fra qualche giorno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento