Questo sito contribuisce all'audience di

Volley - Lpr, vediamo di che pasta sei fatta

Due partite, zero punti, un solo set vinto, un parziale perso a 9 (record negativo nella storia di Piacenza); per l’Lpr è il momento di svoltare, evitando di cadere in una depressione che lo scorso anno si rivelò letale. Certo il calendario non...

Leo Marshall e Hristo Zlatanov, coppia di schiacciatori biancorossi
Due partite, zero punti, un solo set vinto, un parziale perso a 9 (record negativo nella storia di Piacenza); per l’Lpr è il momento di svoltare, evitando di cadere in una depressione che lo scorso anno si rivelò letale. Certo il calendario non aiuta, mettendo di fronte ai biancorossi ancora in convalescenza una Verona capace di partire con il piede giusto: doppia vittoria 3-0 e primo posto in classifica. Però è anche vero che a inizio stagione la Calzedonia era una di quelle squadre con cui Piacenza avrebbe dovuto giocarsela per le posizioni appena alle spalle delle favoritissime. Se Perugia e Civitanova, avversarie delle prime due giornate, erano anche sulla carta un gradino superiore alla compagine di Giuliani, l’appuntamento del PalaBanca (si gioca alle 18.00) deve far vedere di che pasta è fatta l’Lpr.

RITORNA LEO MARSHALL
L’attesa è alta anche per il ritorno di Leo Marshall, idolo indiscusso dei tifosi, che torna a giocare in biancorosso a oltre sei anni di distanza dall’ultima apparizione. L’impossibilità di schierarlo da italiano è un’assurdità dei regolamenti, ma a questo penserà la società nei prossimi giorni. Adesso Piacenza deve concentrarsi esclusivamente sulla partita e soprattutto deve puntare a conquistare punti importanti, anche perché i prossimi appuntamenti sono la calda trasferta in casa di Molfetta e poi un turno di riposo per gli impegni mondiali di Trento. Ergo, il rischio è quello di arrivare a fine ottobre trovandosi alla disperata ricerca di agguantare posizioni di classifica accettabili.

LE OPZIONI DI GIULIANI
Il tesseramento di Marshall da straniero obbliga Giuliani a fare i conti con il numero di italiani in campo. Nell’amichevole con Cantù il tecnico biancorosso ha schierato inizialmente il cubano insieme a Papi nel sestetto, con Yosifov e Tencati al centro, Hierrezuelo e Hernandez in diagonale e il recuperato Manià libero. Oltre a un possibile inserimento di Zlatanov per Papi, l’unica altra ipotesi attendibile prevede l’utilizzo dei due centrali italiani Tencati e Alletti con la coppia di schiacciatori stranieri Marshall-Clevenot e Yosifov sacrificato in panchina. Non è nemmeno da escludere che il tecnico cambi a gara in corso e chissà che dare vita a una formazione camaleontica non possa trasformarsi in un’arma in più per Piacenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio Dilettanti - Si va verso lo stop definitivo per Eccellenza, Promozione, Prima, Seconda e Terza Categoria

  • Riparte il calcio giovanile professionistico: via al campionato Primavera, consentite le amichevoli fino all'Under 15

  • Juventus U23-Piacenza 1-1: ancora un pari, Libertazzi miracoloso nel finale

  • Nuovo Dpcm: lo sport è ancora bloccato. Piscine e palestre chiuse fino al 5 marzo, dilettanti e giovanili sempre fermi

  • Piacenza - Serve chiarezza sul calciomercato: chi lo fa? Arriva il giovane Paolo Cannistrà

  • La Gas Sales Bluenergy rischia il crollo, va sotto 2-0 poi recupera e batte Padova al tie break

Torna su
SportPiacenza è in caricamento