menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luburic in attacco nella gara contro Trento (f. legavolley.it)

Luburic in attacco nella gara contro Trento (f. legavolley.it)

Volley - Lpr, a Verona una reazione è d'obbligo

Due set vinti nelle ultime tre partite danno l’idea del momento che sta attraversando Piacenza. Perché ci sta che Civitanova e Trento siano superiori ai biancorossi (Padova no, quello è un discorso a parte), non si capisce invece come faccia una...

Due set vinti nelle ultime tre partite danno l’idea del momento che sta attraversando Piacenza. Perché ci sta che Civitanova e Trento siano superiori ai biancorossi (Padova no, quello è un discorso a parte), non si capisce invece come faccia una squadra che dovrebbe fare della grinta una delle proprie caratteristiche principali a perdere cinque set su nove senza superare quota 20. E’ questo che preoccupa in casa Lpr, l’incapacità di reagire di fronte ai momenti di difficoltà, la voglia di restare aggrappati alla partita, di lottare anche nel momento in cui gli avversari si allontanano e sembrano irraggiungibili. La Piacenza attuale, ancora alla ricerca di garanzie tecniche, dovrebbe fare leva su questi aspetti che invece sono i primi a mancare.

RISOTTO - Dopo tre battute d’arresto consecutive la formazione di Giuliani viaggia verso Verona, dove a un orario insolito (in campo alle 12, alla fine la società scaligera ha previsto il risotto per tutti) affronta un’altra delle formazioni che puntano in alto in campionato. La squadra di Giani fino a questo momento è stata superata solamente da Modena e ha già in archivio successi importanti come quello ottenuto in trasferta a Perugia. Un ostacolo duro da affrontare, ma la Piacenza attuale non deve preoccuparsi di cosa succede dell’altra parte della rete, concentrandosi esclusivamente sul proprio campo. Obbligatorio provare a conquistare punti per non staccarsi dalle prime otto in classifica, ma sarà fondamentale soprattutto dimostrare che l’Lpr è in grado di reagire.

CARATTERE - Servirà un primo importante passo sul piano del carattere, che di conseguenza inciderà anche sull’aspetto tecnico. Da capire quali saranno le scelte di Giuliani in tema di formazione; il tecnico a Trento ha sorpreso tutti inserendo Papi e Tencati nella squadra titolare, chissà se a Verona presenterà qualche altra novità o schiererà il sestetto consueto. Ter Horst scalpita e potrebbe essere utilizzato sia da opposto (dove però Luburic è in crescita, anche se paga la mancanza di continuità) sia da schiacciatore, dove entrerebbe in concorrenza con Perrin, Zlatanov e Papi. Il fatto è che cambiando un solo elemento, dovunque lo si metta, difficilmente l’inerzia dell’Lpr verrà modificata. E’ necessario un deciso cambio di rotta e Piacenza deve mostrarlo già a partire da Verona.
Domenica dalle 12 segui la diretta su www.sportpiacenza.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento