Questo sito contribuisce all'audience di

Volley - L'Lpr vince al tie break contro Milano

Piacenza si conferma la bestia nera di Milano e vince al tie break il terzo confronto consecutivo contro la squadra meneghina. Non bastano tuttavia i due punti per garantire ai ragazzi di coach Giuliani il primo posto nel girone che delinea il...

Alberto Giuliani, tecnico dell'Lpr
Piacenza si conferma la bestia nera di Milano e vince al tie break il terzo confronto consecutivo contro la squadra meneghina. Non bastano tuttavia i due punti per garantire ai ragazzi di coach Giuliani il primo posto nel girone che delinea il tabellone dei playoff di Challenge. Chiude quindi in testa la Revivre Milano che andrà ad affrontare Latina nei quarti, mentre Piacenza, con la concomitante vittoria di Ravenna su Monza, chiude al secondo posto e rimane in attesa di conoscere la prossima avversaria.

BUONE SENSAZIONI - E’ un successo che conferma le buone sensazioni già evidenziate contro Ravenna, rimane però il rammarico per una vittoria da tre punti che durante il quarto set è sembrata essere a portata di mano. Eppure l’inizio non era stato dei migliori, con una prima frazione nella quale gli errori - soprattutto in battuta - erano stati tanti da una parte e dall’altra, ma che alla fine Milano si è aggiudicata solo per aver sbagliato un po’ meno rispetto ai biancorossi. Giuliani aveva provato a a cambiare qualcosa a metà del primo set togliendo Zlatanov e Tavares per inserire Ter Horst e Coscione, ma non è bastato per invertire la rotta di una frazione nata sotto una cattiva luce. Bella invece la reazione nel secondo e terzo set della squadra di coach Giuliani, con l’Lpr trascinata da un muro molto ben piazzato e dalle buone performance di Ter Horst e Luburic che a fine gara racimoleranno uno score di 16 palloni messi a terra ciascuno. La Revivre fatica soprattutto in ricezione e nel quarto set - dopo l’espulsione di Boninfante per proteste - va in crisi di nervi e sembra capitolare cedendo il passo a una Lpr che s’impone con un granitico 25-13.

ORGOGLIO REVIVRE E TIE BREAK - Qui i padroni di casa hanno uno scatto d’orgoglio nella quarta frazione e, trascinati da Skrimov e Marretta, dopo un set equilibrato e giocato punto a punto prolungano la sfida al tie break e blindano così la leadership nel girone.
Alla fine di un match lungo ed equilibratissimo (ben oltre le due ore di gioco), l’ace di Luburic consegna all’Lpr la vittoria al termine di un tie break che serviva solo agli emiliani per poter conquistare il secondo posto nel girone.
Marcello Astorri

REVIVRE MILANO - LPR PIACENZA 2-3
(25-23, 20-25, 23-25, 25-22, 15-17)
REVIVRE MILANO: Milushev 11, Alletti 2, Sbertoli 2, Skrimov 23, Russomanno, De Togni 6, Baranek 1, Boninfante, Georgiev 7, Marretta 20, Tosi (L), Rivan (L). Ne: Gavenda, Burgsthaler. All. Monti
LPR PIACENZA: Coscione 1, Kohut 13, Ter Horst 16, Perrin 15, Lampariello, Zlatanov 1, Luburic 16, Tencati 6, Tavares, Cottarelli, Papi (L). Ne: Sedlacek, Patriarca. All. Giuliani

IL FILM DELLA PARTITA

Tie break - Muro vincente di Lpr: 1 a 2 Piacenza. Georgiev manda sul muro il servizio, rende il favore Perrini (3-4 Lpr). L'attacco di Marretta porta Milano sul 5 pari. Continua a resistere l'equilibrio. L'errore di Skrimov riporta avanti Piacenza. Sbaglia Ter Horst, ma con il punto di Perrin si va al cambio campo sull'6-8. Ace di Baranek su Ter Horst (8-9), Milano poi si porta in parità (9-9). Timeout Giuliani. Ace di Kohut per Piacenza, la squadra di Giuliani prova a scappare. Skrimov però mette a terra il 10 a 11. Mani out di Marretta ed è parità. Luburic d'astuzia si guadagna il dodicesimo punto. Muro di Marretta: 13 pari. Si va ai vantaggi: sbaglia Perrin, ma sbaglia anche Sbertoli. Milano poi pareggia sul 15 pari. Piacenza vince al tie break, aggiudicandosi con l'ace di Luburic il quinto set. Piacenza si classifica seconda nel girone preparatorio ai playoff di challange. Milano (prima) affronterà Latina.

Quarto set - Secondo punto consecutivo di Kohut. Siamo 3 a 1 per Piacenza. Arriva pure l'ace di Luburic. Muro di Piacenza su Milushev, è 5 a 7 Lpr. C'è Ter Horst per l'8-11, i biancorossi scappano avanti. Milushev porta Milano a -2. Muro di Georgiev ed è -1. Poi due ace di Skrimov portano Milano avanti al timeout tecnico. Regna l'equilibrio, è lotta punto a punto: Skrimov segna, ma Marretta sbaglia ed è 16 pari. Il video check toglie un punto a Piacenza per darlo a Milano: 17 a 19. Mani fuori di Marretta: Milano avanti due punti (22 a 20). Perrin ci crede e mette a terra il punto 21. Zlatanov spedisce sulla rete il servizio che vale il 25 a 22 per Milano. Si va al tie break.

Terzo set - Luca Monti chiede il video check, ma viene confermato il punto del 2 a 4 per il mani fuori di Luburic sul muro di Georgiev. Muro vincente di Tencati: è 3 a 6 Piacenza. C'è il muro di Sbertoli (5-6), ma Ter Horst prima e il muro di Luburic su Marretta poi, portano gli ospiti al +3 (5-8). Piacenza sta dominando il terzo set, è 12 a 5 Lpr al timeout tecnico. Intanto a Milano saltano i nervi: espulso Boninfante per qualche parola di troppo all'arbitro. Lpr che prende il largo, errore Milushev: 8 a 18. Ace di Ter Horst per il 9 a 22, Milano non ci prova nemmeno più. Con il punto di Perrin si chiude un set senza mai storia (13 a 25).

Secondo set - Altro errore di Skrimov, Piacenza avanti 1 a 4 in avvio di set. Monti chiama il timeout. L' errore di Luburic e il punto di Marretta portano sotto Milano. Ter Horst segna il 7 a 9. Marretta guida il break di Milano, è sorpasso: 12 a 11 al timeout tecnico. Piacenza si riporta avanti, ma è sempre Marretta che si riconquista il servizio sul 15 a 16. C'è Luburic per il 15 a 17. Bel primo tempo di Kohut: 20 a 16 per Piacenza. Milushev segna il 18 a 22. Piacenza sempre avanti. Luburic poi chiude con una diagonale vincente e porta il conto dei set vinti sull'1-1 (21 a 25).

Primo set - Milano avanti 4-2 in avvio di gara. Ora mani fuori di Luburic che vale il 4-3 per la formazione di casa. Marretta mette a terra il sesto punto per Milano. C’è il timeout chiamato da Alberto Giuliani. Invasione di Sbertoli che porta Piacenza a -1. Marretta sbaglia e siamo in parità. L’ace di Kohut vale il sorpasso su Milano, così Luca Monti chiama il timeout. Sbertoli sbaglia ed è 9 a 9. Milushev segna e si va al timeout tecnico sul 12 a 9. Ricezione in difficoltà per la Lpr: doppio ace di Marretta e 14-9. Poi Piacenza reagisce e grazie a un errore di Milushev si porta sul 14-11. Georgiev regala un punto prezioso a Piacenza che si riporta a -1 (17-16). l'attacco di Skrimov vale il 20 a 18, Ter Horst però trova il punto numero 19. Il servizio di Perrin però è out. Ter Horst attacca e aggancia il 23 pari, ma Luburic sbaglia ed è primo set point Milano. Skrimov con un mani-out conquista il set (25-23).

Aggiornamento - Piacenza così in campo contro Revivre Milano: Kohut, Perrin, Zlatanov, Luburic, Tencati, Tavares, Papi (L) All. Giuliani. Dopo il minuto di silenzio per il minuto di silenzio per gli attentati di Bruxelles, inizia la partita al PalaBorsani.

Lpr in campo al PalaBorsani per la sfida a Milano, ultima gara del girone che porterà ai play off di Challenge. La formazione di Giuliani vincendo da tre punti potrebbe anche chiudere in testa la pool, a patto che Monza non batta Ravenna.
Dalle 20-30 segui la diretta su www.sportpiacenza.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Piacenza - Di Battista traccia il primo bilancio. «Ci serve solo poter lavorare con continuità e serenità»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento