Questo sito contribuisce all'audience di

Volley - Il Copra se la gioca, ma Kazan vince 3-0

La qualificazione non è mai stata in dubbio, quella era scontata da tempo. La prestazione no e stavolta Piacenza scarta una bella sorpresa per i propri tifosi. Lotta su ogni pallone, anche su quelli che si deformano per la potenza con...

Zlatanov contro il muro di Kazan

La qualificazione non è mai stata in dubbio, quella era scontata da tempo. La prestazione no e stavolta Piacenza scarta una bella sorpresa per i propri tifosi. Lotta su ogni pallone, anche su quelli che si deformano per la potenza con cui vengono colpiti dal Kazan: li rincorrono fin sulle tribune e poi provano a rispedirli nel campo avversario con forza e intelligenza. Il confronto tecnico e, soprattutto, fisico, è impari, il divario troppo evidente. Così alla fine vincono i russi 3-0, ma l'aspetto più importante sono gli applausi che i biancorossi ricevono dai tifosi sia durante la gara sia al termine del confronto con lo Zenit. Per il momento questo aspetto è più che sufficiente, al risultato si potrà pensare quando di fronte la formazione di Radici si troverà avversari almeno alla portata. Questo Kazan non lo è, né per Piacenza e, probabilmente, nemmeno per nessun'altra compagine italiana.

REAZIONE - L'altro aspetto importante è la reazione dei giocatori e del tecnico a fine gara: tutti si aspettano che vengano sottolineati gli aspetti positivi, viste le recenti prestazioni da dimenticare, invece ognuno ha un rammarico più o meno grande. Sintomo che la buona prova non basta, c'è fame di vittorie e un Copra così carico potrà tornare presto a mangiare sulle tavole italiane.
La gara è totalmente divisa in due: quella che si gioca fino a quota 20, con le formazioni spesso vicine nonostante Kazan scappi sempre per prima e Piacenza viva su qualche guizzo, e gli ultimi scambi, in cui gli ospiti dominano sempre. Non potrebbe essere altrimenti quando hai un Mikhailov che attacca con il 68 per cento e Leon, partito in panchina, che impressiona per l'altezza, la potenza e la velocità con cui colpisce la palla.

ATTEGGIAMENTO - Piacenza risponde con una prova molto positiva al servizio e una difesa attenta, diretta da un super Mario Junior. Massari gioca una gara tutta sostanza e Zlatanov trascina i compagni nei momenti più complicati. Non basta per vincere nemmeno un set, ma questo almeno è l'atteggiamento giusto. Si riparte da qui.

PIACENZA – KAZAN 0-3
(22-25, 22-25, 19-25)
COPRA PIACENZA: Massari 6, Ostapenko 2, Poey 10, Zlatanov 11, Alletti 3, Tavares 2; Mario Junior (L), Tencati 1, Papi 3, Kohut 3, Marra (L), Ter Horst 1 All. Radici
ZENIT KAZAN: Marouf, Anderson 1, Ashchev 3, Mikhailov 17, Sivozhelez 4, Apalikov 7; Salparov (L), Leon 13, Poletaev, Kobzar. Ne: Gutsalyuk e Spiridonov. All. Alekno
ARBITRI: Delikostidis (Gre) e Ormonde (Por)
NOTE: Spettatori 1500, incasso 11600. Durata set: 27’, 26’, 25’; tot. 78’

La gara punto a punto
Aggiornamento - Il Copra non si arrende nemmeno quando il terzo set sembra deciso e con un colpo di reni di Zlatanov arrivano 17-18. Poi però i biancorossi si spengono e subiscono l'allungo finale dei russi che chiudono con l'errore di Zlatanov per il 25-19.

Aggiornamento - Piacenza protesta anche per un paio di decisioni arbitrali dubbie che permettono a Kazan di allungare, poi la serie al servizio di Zlatanov permette al Copra di respirare prima del 16-11 che arriva con un errore al servizio del capitano

Aggiornamento - Mikhailov attacca il 7-6 e il successivo 8-6 che porta le squadre al time out dopo una bella difesa di Mario Junior. Ancora l'opposto russo trova il diagonale del 12-7

Aggiornamento - Kazan tira fortissimo, ma Piacenza è sempre lì, con Poey che trova il 18-19 e ha anche l'occasione per rigiocare la palla del doppio vantaggio ma viene murato per il 20-18 con i russi che mettono a terra anche il succesivo 21-18. Gli ospiti non si fermano più: il diagonale di Mikhailov vale il 23-18. Zlatanov mette l'ace del 21-24, Alletti e Tencati murano il 22-24 su Sivozhelez che poi mette a terra l'ultimo punto del 25-22

Aggiornamento - Ace di Poey su Anderson per il 12-12, replica su Leon per il vantaggio Piacenza, poi anche il terzo servizio riporta la palla nel campo di Piacenza ma Zlatanov sbaglia l'appoggio e Kazan non perdona. Poi ancora il capitano mette a terra il 14-13, Mario Junior difende oltre le transenne ma Kazan è avanti 16-15

Aggiornamento - Leon spedisce fuori la pipe del 5-5, poi Massari trova il tocco del muro per il vantaggio piacentino. Ma ancora una volta i russi trovano una risposta dal servizio: ace di Apalikov su Zlatanov e vantaggio ospite 8-7

Aggiornamento - Il Copra insegue ma rimane in partita, con Ostapenko che trova la veloce del 17-18. Poi però Kazan allunga e per i padroni di casa si fa dura, con i russi a condurre 23-19 grazie a un attacco toccato dal muro su cui Mario Junior non arriva. Tavares mura una bordata di Leon e firma il 22-24. Mikhailov chiude con il 25-22

Aggiornamento - Il Copra ci prova, ma basta un'indecisione per vedere Kazan scappare. Ostapenko non chiude una palla che torna direttamente nel campo di Piacenza e i russi lo castigano con il 14-11. Poi tocca a Poey trovare l'ace del 14-15 sul neo entrato Leon prima di mandare fuori la palla del 16-14

Aggiornamento - Piacenza parte forte e nonostante le difese di Kazan i biancorossi si portano subito 4-1 con Alekno che chiama subito tempo. I russi cambiano immediatamente ritmo e al primo stop sono avanti 8-7

Aggiornamento - Radici manda in campo Tavares in regia, Poey opposto, Alletti e Ostapenko al centro, Massari e Zlatanov di banda con Mario Junior libero

Squadre in campo per il riscaldamento al PalaBanca, dove alle 20.30 si affrontano Copra e Kazan per l'andata dei play off a 12 di Champions. Impresa durissima per i biancorossi contro una delle formazioni favorite per il successo finale.
Dalle 20.30 segui la diretta su www.sportpiacenza.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Eccellenza, Promozione e Prima: stop alle Coppe. Seconda e Terza: la stagione sarà completa

  • Terminate le videoconferenze con le società di calcio dilettantistico: fino al 3 dicembre impossibile prendere decisioni

  • Un Piacenza decimato dal Covid ha ripreso gli allenamenti, difficile che venga rinviata la gara con la Giana Erminio

  • Il Bertocchi diventa un campo all'inglese: erba artificiale, tribuna ampliata e coperta

  • Miozzo (Cts): «Palestre, piscine e centri sportivi non riapriranno per Natale»

  • Piacenza, cinque nuovi positivi. Il dg Scianò: «Situazione difficile, ci prendiamo 48-72 ore prima di decidere»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento