Questo sito contribuisce all'audience di

Volley - Arici: «Buon avvio, ma per crescere ci vuole calma»

Un passo alla volta, senza esaltarsi dopo una vittoria e neppure abbattersi quando (si spera il più tardi possibile) arriveranno le sconfitte. Stefano Arici è sorridente, ma non si fa contagiare più di tanto dall’entusiasmo del...

Stefano Arici, consigliere delegato dell'Lpr volley

Un passo alla volta, senza esaltarsi dopo una vittoria e neppure abbattersi quando (si spera il più tardi possibile) arriveranno le sconfitte. Stefano Arici è sorridente, ma non si fa contagiare più di tanto dall’entusiasmo del PalaBanca, che torna a festeggiare un 3-0 casalingo di Piacenza dopo quasi un anno. L’ultimo risaliva al 14 dicembre, successo su Molfetta: da allora cinque sconfitte e solo due vittorie. Il consigliere delegato di Lpr volley in questo momento più che da dirigente sportivo ragiona da imprenditore: per costruire qualcosa di importante bisogna gettare basi solide e avere pazienza, provando a migliorarsi un passo alla volta senza farsi travolgere dall’entusiasmo. Insomma, è importante restare vicino alla squadra come tifosi mantenendo però il distacco che permette di giudicare senza essere travolti dalla passione.

«Non bisogna assolutamente montarsi la testa - spiega alla fine della sfida con Milano - ma come mi diceva mio nonno “Chi ben comincia è a metà dell’opera”. Il nostro è stato un buon inizio, il campionato è lungo ma questo ottimo risultato porta fiducia».

L’ambiente che impressione le ha fatto? C’è stato a lungo il timore che Piacenza non potesse iscriversi al campionato e oggi i tifosi più caldi hanno mostrato tutto il proprio entusiasmo.
«Dovrà essere la squadra con i risultati a riportare l’euforia che c’era gli anni scorsi. Con Milano abbiamo visto che i ragazzi ci credono e si impegnano, sono convinto che il pubblico aumenterà e crescerà nel tempo».

Della squadra cosa può dire?
«Perrin è stato una sorpresa incredibile. Personalmente non pensavo fosse così forte, siamo davvero contenti di averlo con noi».

In società com’è il clima in questo momento?
«Sereno, siamo solo all’inizio, è normale che sia così. Sicuramente durante l’anno la squadra dovrà fare i conti anche con momenti di difficoltà, qualche risultato potrebbe non arrivare, ma dovremo rimanere uniti e proseguire verso il nostro obiettivo. Le grandi cose si fanno un po’ alla volta, non possiamo ottenere tutto e subito, ci vuole calma»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio Dilettanti - Si va verso lo stop definitivo per Eccellenza, Promozione, Prima, Seconda e Terza Categoria

  • Riparte il calcio giovanile professionistico: via al campionato Primavera, consentite le amichevoli fino all'Under 15

  • Nuovo Dpcm: lo sport è ancora bloccato. Piscine e palestre chiuse fino al 5 marzo, dilettanti e giovanili sempre fermi

  • Juventus U23-Piacenza 1-1: ancora un pari, Libertazzi miracoloso nel finale

  • Nuova mazzata sullo sport: chi ha il Covid deve stare fermo almeno due mesi

  • Piacenza - Serve chiarezza sul calciomercato: chi lo fa? Arriva il giovane Paolo Cannistrà

Torna su
SportPiacenza è in caricamento