Questo sito contribuisce all'audience di

Volley - Lpr, a Trento con novità in formazione?

Tencati in dubbio, se non dovesse farcela spazio a Yosifov al centro e Parodi schiacciatore, a prendere il posto di uno fra Marshall e Clevenot

Trento e Perugia nel giro di tre giorni. Di certo non l’avvio di 2017 più morbido possibile per Piacenza, dopo l’esordio nel nuovo anno con il convincente successo in Coppa Cev di fronte a Innsbruck. In campionato la corsa della formazione di Giuliani riparte dal palasport che da oltre otto anni non regala una soddisfazione alla squadra biancorossa. L’ultimo successo in Trentino risale allo scudetto del maggio 2008; da allora undici confronti e altrettante sconfitte per l’Lpr, capace in sole due gare di arrivare fino al tie break.

Già questo sarebbe sufficiente per sottolineare la difficoltà della sfida in calendario domenica alle 18.00. Ma oltre ai precedenti negativi, almeno in trasferta, gli emiliani devono anche fare i conti con un avversario che scenderà in campo con il dente avvelenato per la sconfitta subita all’andata, che attualmente ha 14 punti in più dei biancorossi, in classifica è alle spalle della capolista Civitanova e ha vinto cinque degli ultimi sei incontri di Superlega.  Oltretutto nelle ultime due uscite l’Itas ha anche ritrovato uno Stokr a buoni livelli, arma in più per la formazione di Lorenzetti che già dispone di parecchi elementi in grado di fare male. 

TENCATI IN FORSE, RIVOLUZIONE IN VISTA?

Avversario da bollino rosso dunque, con Giuliani che deve anche fare i conti con un problema di formazione. Tencati negli ultimi giorni si è allenato a singhiozzo e domenica, salvo sorprese, non dovrebbe essere della partita. Se il centrale non dovesse farcela, Piacenza sarebbe obbligata a una mini rivoluzione: Yosifov in campo da titolare al centro e Parodi schierato dal primo punto in posto quattro. Una modifica che però costringerebbe il tecnico a lasciare fuori uno fra Marshall e Clevenot: spazio dal fischio d’inizio al francese che si sta dimostrando una delle sorprese più interessanti del campionato oppure all’italo-cubano in ripresa dal problema al ginocchio ma non ancora al top?

UNA GIORNATA RICCA DI INSIDIE

La cosa certa è che la giornata non favorisce i biancorossi: Verona, quattro punti più avanti, ospita Ravenna, mentre Monza (che segue i biancorossi a due lunghezze) è impegnata in casa con il fanalino di coda Sora. Il rischio è che nella serata di domenica Piacenza, se non ottenesse un risultato positivo, veda scappare quelle che attualmente sono le dirette concorrenti per una posizione alle spalle delle big. Il tempo per recuperare comunque c’è tutto, l’importante è proseguire il processo di crescita anche in vista dell’impegno di Coppa Italia mercoledì in casa di Perugia. Quella sì una sfida da dentro o fuori dal quoziente di difficoltà elevatissimo: chi vince si qualifica per la Final four di Bologna. Non appena cadrà l’ultimo pallone a Trento i biancorossi inizieranno a pensare al successivo importantissimo appuntamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte il calcio giovanile professionistico: via al campionato Primavera, consentite le amichevoli fino all'Under 15

  • Piacenza-Pro Vercelli 1-1: Della Morte trova il pari nel finale su errore di Bruzzone

  • Nuovo Dpcm: lo sport è ancora bloccato. Piscine e palestre chiuse fino al 5 marzo, dilettanti e giovanili sempre fermi

  • Piacenza - Serve chiarezza sul calciomercato: chi lo fa? Arriva il giovane Paolo Cannistrà

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva almeno il pareggio. Male Bruzzone, il centrocampo non gira

  • Niente da fare per la Gas Sales Bluenergy, Modena espugna il PalaBanca

Torna su
SportPiacenza è in caricamento