menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un attacco di Hernandez contro Padova

Un attacco di Hernandez contro Padova

Tencati: «Fondamentale chiudere il discorso sesto posto». Manià: «Bisognava vincere e ci siamo riusciti». Pagelle e VIDEO

Il centrale e il libero sottolineano anche i problemi di Piacenza: inspiegabile giocare un primo set così

Tre muri, 8 punti, una bella prova pur partendo dalla panchina. Per Luca Tencati la partita con Padova da un punto di vista personale ha tanti aspetti positivi, considerazione fondamentale in vista del momento decisivo della stagione.

«Oggi era importante chiudere il discorso sesto posto, ce l’abbiamo fatta e siamo contenti. Poi dovevamo far ritrovare il campo a Marshall, che era fuori da un po’ di tempo, e di conseguenza anch’io ho dovuto giocare un po’. Complessivamente siamo stati protagonisti di una gara altalenante, siamo partiti molto male e non ci spieghiamo un avvio così, poi abbiamo dovuto fare i conti con un brutto black out nel quarto. Per il resto direi che abbiamo controllato agevolmente la gara».

Non è la prima volta che dovete fare i conti con un avvio ad handicap. Solo un caso o c’è una spiegazione?

«Nella pallavolo non c’è niente di casuale, soprattutto quando le situazioni si ripetono. Un motivo non ce lo siamo dati, ma questa è una nostra colpa. Ci sta partire male contro avversari di prima fascia, ma in una sfida con una formazione più abbordabile e oltretutto in un momento in cui per noi era fondamentale trovare subito i punti per chiudere il discorso sesto posto è stato un peccato».

Per quanto ti riguarda eri rimasto in panchina nelle ultime gare, sei entrato nel secondo set  riuscendo a essere protagonista di una grande partita.

«Abbiamo preso un po’ di ritmo anche io e Marshall. E’ un periodo un po’ strano, giochiamo tanto e chi non è impiegato fatica perché ci alleniamo poco. Non è facile tenere la forma, ma oggi è stata una partita importante così come lo saranno le prossime due per trovare il ritmo giusto da parte di tutti i componenti della rosa».

Ricezione, coperture, difese, la prestazione di Loris Manià è stata intensa, ben oltre i cinque set disputati.

«Al di là del risultato c’è il rammarico per un primo set in cui siamo partiti molto male; abbiamo ricevuto abbastanza bene ma non riuscivamo a mettere per terra la palla forse anche a causa di una battuta un po’ lenta. Comunque bisognava vincere e ci siamo riusciti, ottenendo la certezza del sesto posto al termine della regular season. Adesso prepariamoci fisicamente e mentalmente per le prossime partite, considerato che giocheremo ogni tre giorni».

Si sapeva che gli ultimi confronti sarebbero serviti come preparazione per le gare che decideranno la stagione. Siete concentrati principalmente su questa fase dell’annata?

«Senza dubbio. Adesso abbiamo ancora due gare prima del termine della regular season: noi scendiamo sempre in campo per vincere, ma queste sfide dovremo viverle come una sorta di allenamento in vista dei quarti di Coppa Cev e dei play off».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento