menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Gas Sales Bluenergy più forte anche della sfortuna: Ravenna cede 3-1

Pessimo primo set, poi nel terzo si fa male Grozer (probabile distorsione ala caviglia), ma da quel momento di difficoltà Piacenza trova la forza per reagire alla grande

Da una parte si esulta, perché visto come era andato il primo set c’era il timore che Piacenza potesse sprofondare e a quel punto sarebbe stato difficile trovare la forza per risollevarsi in breve tempo. Dall’altra prima di tirare un sospiro di sollievo bisogna attendere qualche ora per capire l’entità dell’infortunio a Georg Grozer, uscito dal PalaBanca in stampelle dopo essere rimasto vittima di una probabile distorsione alla caviglia mentre arretrava in previsione di un attacco. Troppo importante l’opposto tedesco per non rimanere in apprensione, anche se proprio dal momento in cui lui esce dal campo la Gas Sales Bluenergy trova la forza di reagire meritandosi il 3-1 con Ravenna.

Pensare che, dopo un avvio da brividi («ho già qualche idea su come intervenire» spiega un Bernardi abbastanza minaccioso a fine partita), era stato proprio Grozer a dare la scossa, con una seconda frazione da assoluto protagonista e 11 punti a tabellino. Poi, dal terzo parziale, emerge il carattere della squadra e la forza di chi entra dalla panchina. Antonov si è appena presentato in campo per uno spento Clevenot e risponderà in modo più che positivo, ma è Iacopo Botto l’esempio dello spirito biancorosso. “Dimenticato” per qualche partita, viene inizialmente schierato in diagonale a Baranowicz, anche se ovviamente non gioca da opposto, e non sbaglia niente, diventando anche trascinatore in attacco. E’ lui l’esempio da seguire e si merita un applauso per la capacità di farsi trovare pronto dopo un lungo periodo a seguire le partite dalla zona delle riserve.

Poi c’è anche un altro ingresso che illumina la Gas Sales Bluenergy. E’ quello di Mohammed Mousavi: appena arrivato a Piacenza ha il tempo di svolgere un paio di allenamenti e poi viene scaraventato in campo nel momento più caldo della gara. Lui risponde alla grande: non si allena da sei settimane, ma le sue qualità gli permettono comunque di diventare grande protagonista con tre muri e l’80 per cento in attacco. Adesso bisognerà dargli il tempo di entrare in forma, ma sarà sicuramente un’arma importante a disposizione di Bernardi. Che a fine partita convoca immediatamente i suoi ragazzi negli spogliatoi, probabilmente per sottolineare quel primo set che non si deve ripetere. Verissimo, ma intanto la crescita della squadra prosegue, così come continuano ad arrivare punti importanti in classifica. Domenica si viaggia verso Perugia, probabilmente non ci sarà Grozer, ma dopo la vittoria con Ravenna i biancorossi hanno qualche certezza in più.

PIACENZA-RAVENNA 3-1

(19-25, 25-21, 25-21, 25-22)

GAS SALES BLUENERGY PIACENZA: Clevenot 4, Polo 11, Grozer 14, Russell 19, Candellaro 4, Baranowicz 2; Scanferla (L), Izzo 1, Antonov 3, Mousavi 7, Tondo, Botto 7. Ne: Fanuli (L). All. Bernardi

CONSAR RAVENNA: Pinali 13, Loeppky 10, Mengozzi 5, Redwitz, Recine 15, Grozdanov 13; Kovacic (L), Batak, Giuliani (L), Arasomwan 3, Pirazzoli, Giuliani (L), Zonca, Koppers 4. Ne: Stefani. All. Bonitta

ARBITRI: Goitre e Piana

NOTE: Durata set: 28’, 33’, 36’, 32’. Tot. 129’.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento