Volley A1 maschile

Gas Sales Bluenergy, con Trento arriva un passo indietro

Biancorossi deficitari in ricezione e a muro e con un atteggiamento da dimenticare. Gli ospiti vincono 3-0 dopo essere rimasti sempre avanti e aver passeggiato nel secondo set

E’ un deciso passo indietro quello della Gas Sales Bluenergy: il 3-0 conquistato da Trento al PalaBanca mette in mostra una formazione peggiore rispetto a quella di mercoledì a Cisterna ma anche di domenica scorsa contro Perugia. E’ la scoperta dell’acqua calda, ma per tenere testa a squadre di questo spessore ci vuole un diverso atteggiamento e soprattutto una prova di squadra di alto livello. Invece Piacenza ha problemi in entrambi i settori: crolla in modo vertiginoso nel secondo set (perdere un parziale a 13 non ha scusanti) e soprattutto non riesce mai a innescare nello stesso momento tutti i propri punti di forza. A Cisterna alla prova incolore di Grozer aveva fatto da contraltare una prestazione-monstre di Russell; al PalaBanca è il tedesco a rifarsi prendendo per mano la squadra, ma contro avversari del calibro di Trento non può bastare la buona prova del singolo.

RIVIVI LA GARA PUNTO A PUNTO

Invece per il resto in casa biancorossa non si vede quasi niente. La ricezione crolla sotto i colpi di Abdel-Aziz e dei battitori avversari, che sono specialisti di ottimo livello ma contro i quali è necessario cercare qualche soluzione alternativa. Invece Piacenza non ci prova nemmeno e si fa trovare priva di un qualsiasi “Piano B”, costretta a rincorrere per tutto l’incontro. In un’ora e un quarto i biancorossi sono stati avanti solamente 3-1 nel primo set, vedono sempre le spalle degli avversari. Trento, reduce da due sconfitte consecutive, mostra un grande carattere e soprattutto fa capire che se l’atteggiamento è quello giusto allora anche le qualità tecniche vengono evidenziate e servono per dimenticarsi i momenti di difficoltà.

Ma non c’è solo la ricezione sotto la lente: in tre set la Gas Sales Bluenergy non trova un solo muro punto (contro i sette degli avversari) e solamente nel finale di terzo set i biancorossi riesconoper un breve periodo almeno a toccare gli attacchi ospiti rendendo rigiocabili alcuni palloni. Troppo poco, perché se i problemi nascono dalla regia di un valido Giannelli allora vanno messi in preventivo, ma in molti casi si è visto un atteggiamento scomposto anche su palloni scontati. Si sparava di aver fatto qualche passo in avanti in tema di continuità invece contro Trento si è visto che di fronte ad avversari di qualità la questione è ancora totalmente da risolvere.

Bernardi a fine partita insiste sull’aspetto mentale e in effetti i problemi maggiori sembrano essere proprio quelli, anche se non bisogna sottovalutare alcune attuali carenze tecniche piuttosto evidenti. Mercoledì arriva Civitanova, un’altra delle big, e domenica Piacenza viaggia verso Modena. I passi in avanti devono arrivare in fretta.

PIACENZA-TRENTO 0-3

(22-25, 13-25, 21-25)

GAS SALES BLUENERGY PIACENZA: Clevenot 8, Polo 3, Grozer 16, Russell 8, Candellaro 3, Hierrezuelo 2; Scanferla (L), Antonov 1, Izzo, Botto. Ne: Tondo, Shaw, Fanuli (L).  All. Bernardi

ITAS TRENTINO: Lucarelli 8, Lisinac 10, Abdel-Aziz 20, Kooy 13, Podrascanin 6, Giannelli 1; Rossini (L), De Angelis. Ne: Cortesia, Argenta, Sperotto e Sosa Sierra. All. Lorenzetti

ARBITRI: Sobrero e Vagni

NOTE: Spettatori: 498. Durata set: 28’, 23’, 27’. Tot. 78’.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gas Sales Bluenergy, con Trento arriva un passo indietro

SportPiacenza è in caricamento