rotate-mobile
Volley A1 maschile

Smerilli e Husaj: «L'offerta di Piacenza non si rifiuta»

«Proviamo a dare un po’ di colore alla nostra nuova stagione» esordisce il direttore generale Gabriele Cottarelli alla presentazione ufficiale del libero Lorenzo Smerilli e dello schiacciatore Gazmend Husaj. La sede...



«Proviamo a dare un po’ di colore alla nostra nuova stagione» esordisce il direttore generale Gabriele Cottarelli alla presentazione ufficiale del libero Lorenzo Smerilli e dello schiacciatore Gazmend Husaj. La sede scelta è quella del colorificio Saiani, sponsor storico della società biancorossa («ricordo il primo abbonamento con Gardini in foto e dietro il nostro sconto per i tifosi» sottolinea Giuseppe Cavalli) che per l’occasione lancia anche un nuovo prodotto ecocompatibile denominato “Volley free”.

LA SPIA - Fari puntati sui nuovi arrivi. Per Smerilli garantisce Cottarelli: «L’ho avuto con me due stagioni a Verona, so cosa può dare come giocatore e come persona, abbiamo impiegato cinque minuti a trovare l’accordo. Ha spiccate qualità difensive e poi - ride - conosce bene Macerata, dove è nato e dove ha giocato, dunque nei momenti caldi potremo avere una “spia” in casa».
Il direttore generale spende belle parole anche per Husaj, volto meno conosciuto del nuovo Copra Elior. «E’ il miglior giocatore albanese e in queste prime settimane con noi sta dimostrando di essere un atleta di ottimo livello. Ha una grande voglia di emergere e sono sicuro che potrà dare un grande contributo sia in campionato sia in Champions».
L’entusiasmo dei due giocatori è musica per le orecchie di Luca Monti e del suo secondo Davide Delmati, intervenuti alla presentazione insieme al preparatore atletico Alessandro Guazzaloca. «Un’offerta che arriva da Piacenza - spiegano in coro i due atleti - non si può rifiutare».

ENTUSIASMO - Smerilli prosegue: «Gli addetti ai lavori ci inseriscono fra le favorite, il presidente sostiene che puntiamo ad arrivare in fondo in tutte le competizioni. In queste prime settimane ho visto uno staff preparato e una grande voglia di lavorare, i presupposti per fare strada ci sono tutti. Il mio ruolo? So di essere il secondo libero, devo dare tutto in allenamento per tenere alto il livello della preparazione. E ovviamente se ci sarà bisogno dovrò farmi trovare pronto».
Poi la palla passa a Husaj, kosovaro di nascita ma con passaporto sportivo albanese: «Arrivare in Italia è la migliore decisione che potessi prendere. Avevo offerte anche da Turchia, Francia e Cina, dopo l’esperienza dell’anno scorso in Qatar, ma conosco la forza di Piacenza e quando mi hanno contattato non ho avuto dubbi. Le mie caratteristiche? Ho un buon salto, una buona potenza e una forte personalità. Quando mi pongo un obiettivo faccio di tutto per raggiungerlo».

AZIENDA SPORTIVA - E mentre Guazzaloca, ingaggiato anche nel ruolo di traduttore per Husaj, parla di una squadra «forte, che lavora con grande concentrazione a si applica sia a livello fisico sia tecnico», Giuseppe Cavalli ne approfitta per lanciare il suo nuovo prodotto.
Lo fa in un ambiente sportivo, considerata la sponsorizzazione ormai decennale con il Copra ma anche forte di un socio, Massimiliano Saiani, pugile già campione italiano dei mediomassimi.
«Abbiamo festeggiato i 40 anni di attività, siamo radicati ma abbiamo dalla nostra un’arma in più: l’entusiasmo. La nostra vernice, che mettiamo in vendita da oggi, ha una formulazione nuova, ecocompatibile, che riduce enormemente le componenti ritenute dannose. Abbiamo preparato una latta grigia, come la maglia del Copra Elior, con il tappo rosso, altro colore di Piacenza».
L’obiettivo, trasparente, è dare una “mano di bianco” a tutti gli avversari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Smerilli e Husaj: «L'offerta di Piacenza non si rifiuta»

SportPiacenza è in caricamento