Questo sito contribuisce all'audience di

Via ai play off: con Civitanova sfida impossibile? La Wixo Lpr pensa proprio di no

I precedenti dicono che Piacenza ha sempre eliminato la Lube. La serie ridotta dei quarti di finale (si gioca due gare su tre) rende tutto più incerto

Il muro di Piacenza nell'ultima gara giocata contro Civitanova

Se ci si limitasse a guardare la classifica si potrebbe anche evitare di scendere in campo domenica alle 18 all’Eurosuole Forum: Civitanova ha chiuso la regular season al secondo posto, Piacenza al settimo, con la Lube capace di conquistare ben 22 punti e 7 vittorie in più degli emiliani. Ma dire che nei play off si riparte da zero è tanto scontato quanto vero e poi la Wixo Lpr ha alcuni appigli importanti su cui appoggiarsi per sperare. Il primo è legato a questa stagione: i due confronti diretti sono finiti entrambi al tie break e in tutte e due le occasioni i biancorossi erano riusciti addirittura a portarsi avanti 2-1 prima di subire la rimonta della formazione di Medei. Il secondo è statistico: nelle tre occasioni in cui le due squadre si sono trovate di fronte nei play off (due in campionato e una in Champions League) Piacenza è sempre riuscita ad eliminare gli avversari. Vero, si trattava di rose completamente differenti e l’ultimo precedente risale al 2013, ma intanto la storia in questo caso è dalla parte di Fei e compagni. Poi i numeri dicono anche che quello del 2013 è stato l’ultimo successo degli emiliani prima di subire undici sconfitte consecutive, ma a questi numeri i tifosi e i giocatori biancorossi preferiscono non dare importanza.

Sottolineare il valore di Civitanova sarebbe inutile: è una delle squadre candidate allo scudetto, ha una rosa profonda e capace di sopperire ad assenze o a momenti di black out, ma come hanno sottolineato Alessandro Fei e Leo Marshall molto dipenderà da come si svilupperà gara1. Se Piacenza riuscirà a mettere pressione agli avversari è possibile che la tensione in casa Lube aumenti fino a diventare complicata da gestire. E in una serie dei quarti di finale in cui per qualificarsi bisogna vincere due partite sbagliare la prima potrebbe rivelarsi un errore fatale.

La Wixo Lpr anche domenica scorsa contro Verona ha dimostrato di essere una squadra impossibile da prevedere: come è successo per tutto il campionato alterna momenti di gioco scintillante ad altri di buio. Scontato affermare che per sperare di ottenere un risultato positivo i periodi difficili dovranno essere ridotti al riscaldamento e al dopopartita.

In campo scenderà inizialmente la formazione collaudata, con Baranowicz in regia, Fei opposto, Alletti e Yosifov centrali, Clevenot e Marshall schiacciatori con Manià e Giuliani liberi. Ma mai come in questa occasione dovranno farsi trovare pronti anche tutti i giocatori che inizieranno dalla panchina, perché in una sfida così importante può diventare fondamentale anche una sola battuta o l’ingresso per un muro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domenica dalle 18 segui la diretta su www.sportpiacenza.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il mondo della pallavolo piange Osvaldo Tarasconi

  • Covid19 - I dati di martedì 31 marzo: 27 morti a Piacenza, il totale sale a 543. E' ancora un giorno di dolore

  • Covid19 - I dati di venerdì 27 marzo: 25 morti a Piacenza, il totale sale a 447. Venturi: «Calano i contagi»

  • Maradona, Bruno Conti, Baresi e il Piacenza tutto italiano. Il capitano Settimio Lucci ci racconta 20 anni di carriera

  • De Joannon all’attacco: «Ho dato la mia disponibilità per dare una mano. Da medico voglio combattere il coronavirus»

  • Magnacavallo, primario del Pronto Soccorso: «Vediamo una diminuzione degli accessi, la situazione inizia a essere più gestibile»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento