Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Botti: «La partita con Monza sarà la più importante della stagione regolare». VIDEO

Il vice allenatore della Gas Sales Bluenergy: «Per mettere in difficoltà i nostri avversari dovremo far funzionare bene il cambiopalla»

 

Un week end davanti alla televisione a seguire la Final Four di Coppa Italia ma con la testa già concentrata sulla prossima settimana, quando la Gas Sales Bluenergy si troverà di fronte Monza (mercoledì in trasferta) e Milano (domenica al PalaBanca) nelle ultime due gare della stagione regolare. Partite fondamentali per definire il futuro biancorosso: chiudere fra le prime cinque in classifica significherebbe innanzitutto aver centrato l’obiettivo di inizio stagione e quindi garantirsi un cammino nei play off sicuramente meno proibitivo.

Massimo Botti sa bene che in questa fase dell’anno la tensione si alza, i traguardi sono a portata di mano ma bisogna andarseli a prendere. Così il vice allenatore biancorosso non nasconde l’importanza delle prossime partite, a iniziare da quella di mercoledì in casa dei brianzoli.

Una domenica di stop poi due incontri in quattro giorni per decidere il futuro della Gas Sales Bluenergy. Come arrivate al momento più importante della stagione regolare?

«Direi abbastanza bene. Siamo in crescita – spiega Botti - stiamo recuperando i reduci dal Covid e da qualche tempo a questa parte riusciamo a prepararci al completo. Abbiamo gli strumenti giusti per arrivare pronti all’appuntamento».

Comunque vada a finire, prima dell’inizio dei play off le squadre avranno a disposizione due settimane, per le classificate dal sesto all’undicesimo posto, o addirittura un mese per chi chiuderà fra le prime cinque. Uno stop così lungo in una stagione già di per sé molto strana potrebbe incidere anche sui risultati?

«Questo non lo so, però credo che la programmazione non sia stata fatta in modo corretto e non si sia tenuto conto del periodo che stiamo attraversando. Le incognite legate al coronavirus possono incidere in maniera determinante sui risultati; si è voluto accontentare un po’ tutti togliendo le retrocessioni e questo ha inciso nella cattiva programmazione».

Possiamo dire che la partita di mercoledì contro Monza sarà la più importante di tutto il campionato?

«Direi di sì».

All’andata i brianzoli furono l’unica formazione, big escluse, capace di battervi al PalaBanca. Cosa dovrete fare per mettere in difficoltà i vostri avversari?

«Dal punto di vista tecnico far funzionare il cambiopalla, sul quale stiamo concentrando praticamente da tutta la stagione. E’ una fase in cui, considerate anche le modifiche in corso d’opera, non si finisce mai di lavorare. Abbiamo strumenti e mezzi per fare bene, dovremo essere efficienti mercoledì contro Monza».

Hai vissuto tutta la stagione di Piacenza, cosa è cambiato secondo te dall’inizio a oggi?

«Tutto, sembrano due stagioni in una. Significa che la società e l’ambiente vogliono arrivare ai risultati prefissati a inizio annata, questo ci dà grande motivazione per arrivare bene fino al termine».

Chiudiamo con un tuffo nel passato: nel week end a Bologna va in scena la finale di Coppa Italia. Che ricordi hai del bellissimo trionfo di due stagioni fa quando la Gas Sales era in A2?

«Un palazzetto pieno, un’atmosfera fantastica, situazione che a tutti manca tantissimo. Ricordo una vigilia molto tribolata con tante problematiche fisiche risolte all’ultimo momento. E il risultato positivo è stato festeggiato alla grande, come meritava la prima vittoria nella storia di questa società».

Potrebbe Interessarti

Torna su
SportPiacenza è in caricamento