menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra: Ludovico Giuliani, Francesco Pighi e Loris Manià

Da sinistra: Ludovico Giuliani, Francesco Pighi e Loris Manià

Ludovico Giuliani e quel cognome ingombrante: «Papà in palestra è solo il mio allenatore». VIDEO

Triplo salto avanti in un'estate: dalla Serie C alla Superlega. Vestirà la stessa maglia (e lo stesso numero) di Samuele Papi: «Spero di non fargli fare brutta figura»

Il paragone rischia di diventare irriverente, ma la maglia è la stessa che lo scorso anno ha indossato, almeno per una parte della stagione, Samuele Papi. Identico anche il numero, perché Ludovico Giuliani ha scelto il 6 di O’Fenomeno. «E’ uno degli idoli del volley - spiega il nuovo libero della Wixo Lpr - e sono anche marchigiano come lui. Spero di non fargli fare brutte figure visto che è uno dei campioni più forti di tutti i tempi».

Il nuovo acquisto biancorosso viene presentato nella sede di Siderpighi a Pontenure, dove a fare gli onori di casa è Francesco Pighi, amministratore delegato dell’azienda che rinnova per il secondo anno consecutivo il proprio impegno a favore della società biancorossa sponsorizzando in esclusiva la maglia del libero. «Un impegno che confermiamo; mio fratello Roberto, attuale presidente onorario, ci tiene parecchio che lo storico marchio di famiglia appaia sulle maglie della Wixo Lpr». Poi, rivolto a Giuliani, lo “ammonisce” in modo scherzoso: «Ricordati chi aveva questa casacca lo scorso anno. Mi raccomando, fanne buon uso». Seduti al fianco di Pighi ci sono i due tutor di Ludovico: Loris Manià, il titolare del ruolo, e Gabriele Cottarelli, direttore sportivo biancorosso. Entrambi sottolineano le qualità del diciannovenne che in estate ha compiuto un triplo salto in avanti, passando dalla Serie C di San Severino (dove giocava come schiacciatore) alla Superlega. «Nelle prime amichevoli - spiegano in coro - ha stupito favorevolmente per la grande carica agonistica e per l’elasticità che mostra in difesa, dove nel corso del campionato potrebbe risultare utile. Ha un cognome ingombrante - prosegue Cottarelli - che all’inizio ti può aprire la strada, ma poi dovrà essere Ludovico a dimostrare il proprio valore».

Avere un padre come tecnico lo mette in una posizione particolare, ma il nuovo libero biancorosso divide subito le due strade. «In palestra è il mio allenatore, una volta che siamo fuori dal palasport torna a essere mio papà. Anche grazie a lui quest’anno capirò se davvero la pallavolo può diventare la mia vita. Le prime impressioni? Bellissime, è il sogno di tutti arrivare in Superlega; adesso devo imparare tutto, ma so che avendo un insegnante come Manià parto già avvantaggiato».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento