Questo sito contribuisce all'audience di

Volley - L'Lpr torna al successo: 3-1 a Molfetta

Da quando l’Expriva si guadagna l’1-0 in campo c’è solamente Piacenza; i biancorossi non permettono più agli avversari di respirare e li sotterrano sotto una valanga di ace e di muri.

Il brivido corre lungo la schiena nel finale di primo set, quando Piacenza depaupera un vantaggio consistente (17-13) e si vede superare al fotofinish da Molfetta. Tre sconfitte alle spalle e una simile rimonta subita potrebbe ridurre ai minimi termini le certezze dei biancorossi. Proprio a questo punto Piacenza mostra tutto il proprio carattere e diventa padrona della partita puntando sul fondamentale peggiore della prima frazione, il servizio. Da quando l’Expriva si guadagna l’1-0 in campo c’è solamente l’Lpr; i biancorossi non permettono più agli avversari di respirare e li sotterrano sotto una valanga di ace e di muri.

LA VITTORIA DI SQUADRA
I padroni di casa dominano puntando sulla squadra: Hernandez va a sprazzi (chiuderà comunque con 17 punti), Marshall è in panchina a curarsi il ginocchio, Papi resta nella zona delle riserve con la maglia da giocatore “classico” e non quella di libero, anche Tencati deve fare i conti con qualche problema fisico. Però Piacenza dopo cinque minuti di sbandamento fa il bello e il cattivo tempo al PalaBanca. Hierrezuelo si sbizzarrisce a rete (ma quanto si diverte?) e soprattutto inventa soluzioni impensabili in regia, Clevenot si merita l’ennesimo riconoscimento di miglior giocatore, Yosifov è una furia a muro e al servizio, Alletti attacca poco ma senza sbagliare e poi diventa l’incubo di Molfetta con la battuta. L’elenco prosegue con Parodi che trova coraggio e continuità e con un Manià che indica la strada in difesa, ben presto seguito da tutti i compagni. Poi entra Tzioumakas e in due scambi prima mura Sabbi e quindi mette palla a terra; a quel punto si capisce che battere questa Lpr per Molfetta sarà impossibile.

LA REAZIONE NEL MOMENTO PIU' DIFFICILE
«Abbiamo accusato la partita di Verona» dirà Giuliani a fine gara. Però Piacenza è stata bravissima a reagire nel momento di maggiore difficoltà, nella fase più pericolosa della partita, quella in cui se non ti scrolli di dosso le paure rischi di finire nel burrone e di non venire più fuori. Invece i biancorossi nel dirupo ci gettano Molfetta, che non trova più certezze e inizia a sbagliare a ripetizione, rendendo finalmente il compito dell’Lpr un po’ più semplice. I tre punti permettono alla squadra di Giuliani di tornare ad alzare la testa, superando anche Monza (battuta da Verona) in classifica. Ma non c’è un attimo per riposarsi e festeggiare: mercoledì 4 si torna in campo per la sfida di Cev con Innsbruck e Piacenza vuole restare in lizza il più a lungo possibile anche in Europa.

LPR PIACENZA - EXPRIVIA MOLFETTA 3-1
(23-25, 25-14, 25-17, 25-18)
LPR PIACENZA: Hierrezuelo 10, Clevenot 15, Alletti 6, Hernandez Ramos 17, Parodi 9, Yosifov 11, Zlatanov 0, Manià (L), Tzioumakas 2. N.E. Marshall, Cottarelli, Papi, Tencati. All. Giuliani
EXPRIVIA MOLFETTA: Pontes Veloso 0, De Barros Ferreira 9, Polo 5, Sabbi 22, Olteanu 8, Leite Costa 2, Porcelli (L), De Pandis (L), Del Vecchio 1, Partenio 0, Vitelli 1. N.E. Hendriks, Jimenez. All. Gulinelli
ARBITRI: Saltalippi, Tanasi
NOTE - durata set: 28', 23', 22', 23'; tot: 96'.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio Dilettanti - Si va verso lo stop definitivo per Eccellenza, Promozione, Prima, Seconda e Terza Categoria

  • Riparte il calcio giovanile professionistico: via al campionato Primavera, consentite le amichevoli fino all'Under 15

  • Nuovo Dpcm: lo sport è ancora bloccato. Piscine e palestre chiuse fino al 5 marzo, dilettanti e giovanili sempre fermi

  • Juventus U23-Piacenza 1-1: ancora un pari, Libertazzi miracoloso nel finale

  • Nuova mazzata sullo sport: chi ha il Covid deve stare fermo almeno due mesi

  • Piacenza - Serve chiarezza sul calciomercato: chi lo fa? Arriva il giovane Paolo Cannistrà

Torna su
SportPiacenza è in caricamento