Questo sito contribuisce all'audience di

Piacenza, adesso o mai più: con Trento serve l'impresa

Nel ritorno dei quarti di finale di Cev i biancorossi devono vincere 3-0 o 3-1 e anche il successivo Golden set. Zlatanov: «Nulla è perduto, daremo il massimo per proseguire il nostro cammino»

Hristo Zlatanov, capitano biancorosso

E’ l’ultima occasione per Piacenza di conquistare un trofeo. I biancorossi lo sanno, così come sono consapevoli di quanto sarà dura la montagna da scalare. Già la salita era complessa alla vigilia del doppio confronto con Trento, nella gara di andata l’Lpr si è complicata la vita da sola, lastricando di ghiaccio l’intero percorso.

Tocca a capitan Hristo Zlatanov suonare la carica, facendo capire a tutto l’ambiente che Piacenza non ha alcuna intenzione di scostarsi di fronte all’arrivo della Diatec (mercoledì alle 20.30 a Trento): se la squadra di Lorenzetti vuole conquistarsi la semifinale di Coppa Cev dovrà guadagnarsela lottando fino all’ultimo pallone. «Piacenza sa bene – afferma deciso capitan Zlatanov – come si può rimontare; abbiamo già ribaltato il risultato dell’andata e vinto al Golden set con Macerata nel 2014. Sappiamo che è una cosa possibile, ma per farlo dovremo presentarci all’appuntamento al top. Nulla è perduto, daremo il massimo per proseguire il cammino in Coppa Cev; è vero che giochiamo in trasferta e il fattore campo è importante, ma penso che sia l’ultima cosa di cui dobbiamo preoccuparci. Il nostro obiettivo è rimanere concentrati e uniti fin dall’inizio puntando a mettere in difficoltà i padroni di casa nei momenti salienti del match».

PIACENZA DEVE VINCERE QUATTRO SET

Il 3-0 subito all’andata costringe l’Lpr a conquistare complessivamente quattro set perdendone al massimo solamente uno. Per proseguire il cammino europeo infatti i biancorossi dovranno vincere 3-0 o 3-1 e aggiudicarsi anche il successivo Golden set. Con qualsiasi altro risultato sarà Trento a qualificarsi, mentre Piacenza saluterà l’appuntamento continentale a un passo dalle semifinali.

Dopo l’eliminazione subita nei play off scudetto per mano di Perugia la squadra di Giuliani ha avuto una settimana intera per preparare la sfida a Trento; da tempo l’Lpr non aveva così tanti giorni per concentrarsi su un solo appuntamento e questo potrebbe essere un aspetto positivo.

Per quanto riguarda la formazione Giuliani non dovrebbe modificare la squadra utilizzata in Europa, dove non esistono limitazioni agli stranieri: in campo dunque Hierrezuelo in regia, Hernandez opposto, Alletti e Yosifov centrali, Marshall e Clevenot di banda con Manià libero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mercoledì dalle 20.30 segui la diretta su www.sportpiacenza.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il nuovo Dpcm chiude Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria da lunedì

  • Nuovo Dpcm, c'è l'incognita degli allenamenti nei Dilettanti. Nei professionisti tornano gli stadi chiusi

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Terza e (forse) Seconda Categoria, le uniche che non hanno avuto problemi

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Vigolo e Bobbiese: pari nel derby. Ziano e Gragnano in vetta

  • Piacenza-Olbia: 1-1 il missile di Corradi al 90' vale il pareggio

  • Lecco-Piacenza 2-4: un super Corradi lancia i biancorossi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento