menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gabriele Cottarelli, direttore sportivo dell'Lpr

Gabriele Cottarelli, direttore sportivo dell'Lpr

Cottarelli, la nuova Lpr e il retroscena del corteggiamento a Fei

Il direttore sportivo biancorosso analizza le mosse di mercato. «Baranowicz era il nostro obiettivo principale, mentre con Fox avevamo un segreto che risaliva agli anni scorsi»

Anche Gabriele Cottarelli è sorpreso nel giorno del raduno dell’Lpr. Non si aspettava tanti tifosi a salutare la squadra il 16 agosto, così insieme al tecnico Alberto Giuliani ringrazia i sostenitori che alternano applausi ai giocatori mentre cercano un po’ di refrigerio sventolando fogli di carta a mo’ di ventaglio.

Il grosso del suo lavoro è fatto da tempo: la squadra è pronta, adesso tocca allo staff tecnico prepararla al meglio in vista dei primi impegni in programma a ottobre. Intanto il direttore sportivo biancorosso nel primo giorno della nuova stagione fa un passo indietro e analizza come si è mossa Piacenza sul mercato.

«Fin da subito - spiega - sapevamo quali giocatori avremmo perso e quali invece sarebbero rimasti. Da questo punto di vista c’è sempre stata chiarezza, per cui io e Giuliani ci siamo confrontati cercando atleti che piacessero a entrambi».

L’obiettivo principale, come in ogni squadra di pallavolo, era trovare un regista che si adattasse alle caratteristiche dei compagni e al gioco voluto dal tecnico biancorosso. «Ci siamo trovati subito d’accordo sul nome di Baranowicz, palleggiatore ancora giovane ma già esperto e con grandi qualità. Non c’è voluto molto per trovare l’accordo e portarlo a Piacenza».

Oltretutto l’arrivo di un italiano avrebbe sistemato anche un altro tassello: la possibilità di schierare Yosifov nel sestetto titolare indipendentemente dalla nazionalità sportiva di Marshall.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento