menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lorenzo Bernardi mercoledì sera in casa di Trento

Lorenzo Bernardi mercoledì sera in casa di Trento

Bernardi: «In Gara1 un'occasione sprecata, ma domenica abbiamo una nuova opportunità»

Il tecnico della Gas Sales Bluenergy fra la sconfitta in casa di Trento e la sfida in programma fra tre giorni al PalaBanca. «Ai ragazzi ho detto: abbiamo dimostrato di potercela giocare alla pari»

«Vuoi sapere se è una grande occasione sprecata? Assolutamente sì». Alla sua Gas Sales Bluenergy non basta giocare oltre due set ad ottimo livello, mettere sotto per lunghi tratti la favorita Trento ed arrivare vicino al successo in Gara1 dei quarti di finale. Alla fine la squadra di Lorenzo Bernardi vede esultare gli avversari che adesso hanno due match point a disposizione, il primo da giocare domenica al PalaBanca, il secondo (eventuale) la settimana successiva nuovamente in casa. C’è rammarico per il ko di mercoledì sera, ma il tecnico biancorosso sa benissimo che negli spareggi scudetto l’errore più grande sarebbe quello di rimuginare eccessivamente sul passato. Bisogna ripartire immediatamente e farlo alla grande per prepararsi al meglio in vista del confronto di domenica.

E’ stata la migliore “metà partita” da quando sei alla guida di Piacenza?

«Diciamo che è stata la migliore contro una delle tre big. Avevamo giocato ad ottimi livelli anche contro Verona al ritorno o contro Monza, sempre nella fase discendente della stagione regolare, quella di ieri è stata la gara disputata meglio anche per l’importanza della posta in palio; per tre set abbiamo messo in campo una buona intensità e avevamo un’idea corretta di come bisogna giocare».

Ci sono stati parecchi momenti in cui sembravate avere l'incontro in mano.

«Nel primo parziale abbiamo accusato delle carenze, nel secondo e nel terzo invece il livello è stato alto, mentre nel quarto siamo rimasti vittima di alcune ingenuità importanti che ci hanno costretto a rincorrere i nostri avversari. E contro Trento è durissima recuperare nel momento in cui hai tre-quattro lunghezze di svantaggio. Poi nel tie break non abbiamo sfruttato l’occasione per portarci avanti 2-0 e ci siamo disuniti. Ed è chiaro che diventa molto difficile affrontare avversari che ti mettono sempre sotto pressione al servizio, avendo sei giocatori molto bravi nel fondamentale e che sbagliano veramente poco».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento