rotate-mobile
Volley A1 maschile

Gas Sales Bluenergy, con l'Itas c'è in palio la semifinale scudetto: serve la partita perfetta

Domenica alle 18.30 i biancorossi provano a sfatare il tabù Trento, dove non vincono da tredici anni

Un tabù la Gas Sales Bluenergy l’ha già sfatato: quello di battere Trento che nei nove confronti precedenti con la squadra biancorossa (da quando esiste la nuova società) aveva sempre vinto. Adesso è il momento di lasciarsene alle spalle un altro, che dura da più tempo: superare l’Itas in trasferta. Non succede dal maggio 2009, quando i biancorossi alzarono al cielo il tricolore; sono passati tredici anni e sarebbe il caso di interrompere anche questa infinita serie negativa. Volete altri numeri? Eccoli: Trento nella storia ha giocato quattordici partite di spareggio come quella che l’attende domenica e in casa li ha vinti tutti. Tranne uno, quello del maggio 2009.

Insomma, il passato conterà poco o niente domenica alle 18.30 quando la Gas Sales Bluenergy si troverà dall’altra parte della rete la formazione di Lorenzetti. Chi vince prosegue la corsa verso lo scudetto e torna in campo giovedì a Civitanova, chi perde avrà tempo di ripensare agli errori commessi fino a domenica prossima, quando giocherà nel girone che assegna il quinto posto e un pass per la Challenge.

Sono tante le incognite per le due formazioni. A iniziare da Trento, che dopo aver giocato sedici set in una settimana (giovedì ha vinto con Perugia al golden set in Champions League) saprà solo all’ultimo momento se avrà a disposizione Matey Kaziyski, fermato tre giorni fa da un problema al ginocchio. Eventualmente non un’assenza qualsiasi, perché si tratta del capitano e del trascinatore dei trentini, che però proprio in Champions contro Perugia hanno dimostrato di saper vincere anche senza il proprio uomo più esperto. Certo che la sua assenza obbligherebbe Lorenzetti a modificare il modulo: non più tre schiacciatori contemporaneamente sul terreno di gioco ma un sistema classico con Lavia-Michieletto in posto quattro e Pinali opposto. Chi pensa che in questo caso si tratterebbe di una Trento indebolita forse dimentica Gara1, quando con lo stesso Pinali fra i titolari l’Itas chiuse con un netto 3-0 la prima sfida della serie.

Una cosa possiamo darla per certa: in campo non ci sarà una Itas appagata dalla qualificazione alla finale di Champions. Impossibile sperare in qualche regalo, se Piacenza vorrà la semifinale scudetto dovrà conquistarsela giocando una partita perfetta.

Da capire anche cosa si inventerà lo staff biancorosso per arginare la forza, soprattutto al servizio, dei padroni di casa. In Gara2 Bernardi ha proposto il cambio Under fra Catania e Recine con grande continuità e Russell titolare. Lo statunitense è risultato il migliore e dovrebbe essere confermato, da capire se dallo spogliatoio biancorosso uscirà qualche altra sorpresa per provare a mettere in difficoltà gli avversari.

«Gara 3 sarà una partita secca – spiega Oleg Antonov, schiacciatore di Piacenza - di quelle belle da giocare e da vivere. Troveremo Trento che arriva dalla semifinale di Champions League vinta al golden set contro Perugia. Per esperienza so che non è facile giocare ogni tre giorni e sempre arrivare al tie break, però prima di pensare se troveremo Trento stanca o distratta, comunque una squadra molto attrezzata, dobbiamo pensare a noi stessi. Restiamo concentrati su di noi, di certo andiamo a Trento per riprovarci. In Gara 2 sono riuscito a mettere in campo una buona prestazione, così come tutta la squadra che ha giocato molto bene in fase di break-point. Il match si potrebbe decidere al servizio e cercheremo di avere un equilibrio in questo fondamentale. In Gara 2 abbiamo fatto una grande rimonta, quindi sarà una gara difficile più dal punto di vista mentale perché tutto è possibile. Fra tutte le partite o serie che ho giocato nella mia carriera, la partita di Gara 2 la inserisco nella mia personale top five. Queste partite sono più facili da giocare che da vedere dalla panchina, perché lì soffri e non puoi fare nulla».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gas Sales Bluenergy, con l'Itas c'è in palio la semifinale scudetto: serve la partita perfetta

SportPiacenza è in caricamento