rotate-mobile
Volley A1 maschile

Galassi pensa già in grande: «Con Piacenza vogliamo raggiungere traguardi importanti». VIDEO

Presentato ufficialmente il nuovo centrale della Gas Sales Bluenergy. «Trattativa rapidissima, sono bastate un paio di telefonate»

Per trovare l’accordo sono bastate due telefonate. «Lo volevamo fortemente, ma anche lui puntava a venire da noi» sottolinea Elisabetta Curti, presidente della Gas Sales Bluenergy. Al suo fianco Gianluca Galassi annuisce, è stato il primo acquisto in ordine di tempo di Piacenza, ha firmato un triennale e su di lui i vertici biancorossi puntano parecchio. Perché è campione del mondo in carica («l’ennesimo nella nostra squadra» ci tengono a precisare) titolo impreziosito dal premio come miglior centrale della manifestazione iridata, ma anche per il fatto che nell’ultima stagione con la maglia di Monza è arrivato a un passo dal Tricolore.

Per la sua presentazione ufficiale si sceglie una location non banale, il cuore della Gas Sales a Alseno, e fra relatori e spettatori non manca nemmeno un dirigente. Il momento è importante, Piacenza riparte per un nuovo ciclo triennale e per farlo punta su questo centrale di non ancora 27 anni che ha alle spalle una grande esperienza come confermano le otto stagioni in Superlega e le tante vittorie con l’Italia.

«Oltre alle qualità atletiche - racconta la Curti - ci hanno colpito le doti umane. Parliamo di un giocatore che ha vinto tanto con la nazionale ma vuole togliersi grandi soddisfazioni con il club e questa è una caratteristica che ci unisce e lo rende un elemento importante per la nostra squadra».

Sale un altro gradino Galassi, perché «a Monza abbiamo fatto benissimo, ma eravamo degli outsider, Piacenza invece ha le potenzialità per togliersi grandi soddisfazioni. Spero che taglieremo insieme traguardi importanti».

Poi punta l’attenzione sull’importanza del gruppo. «I miei compagni devono essere innanzitutto degli amici, perché se non si sta bene insieme diventa difficile raggiungere i risultati». Alla richiesta di Piacenza non ha potuto dire di no «perché c’è un progetto ambizioso, si vuole aprire un nuovo ciclo e per me era il momento giusto di cambiare». L’ultima stagione con Monza ha lasciato insegnamenti fondamentali: «Non bisogna mai porsi limiti e sottostare a delle etichette. Abbiamo dovuto affrontare delle difficoltà, ma siamo stati bravi a concentrarci su un allenamento alla volta. Poi noi ragazzi ci siamo detti: dove vogliamo arrivare? E abbiamo raggiunto grandi risultati. Vado via con un bellissimo ricordo».

A Romanò ha già chiesto informazioni su Piacenza: «Mi ha parlato molto bene di società e ambiente, lo stesso mi aveva detto anche Caneschi. Quanto ha inciso l’arrivo di Maar in biancorosso sulla mia scelta? Non credo che il suo arrivo sia già ufficiale».

A elogiare il nuovo arrivo anche il vicepresidente Giuseppe Bongiorni: «Con Gianluca apriamo un progetto triennale che riguarda squadra e società. In queste settimane sono state scritte tante anticipazioni sui nostri progetti, ma molte erano esattamente il contrario delle idee su cui stavamo lavorando. Galassi è un asset importante per noi, lo sarà in campo e nello spogliatoio».

La rapidità dell’accordo, sintomo della volontà del giocatore, è sottolineata sia da Hristo Zlatanov sia da Ninni De Nicolo: «E’ stata una delle trattative più semplici perché il giocatore non ha mai avuto dubbi», mentre Alessandro Fei sottolinea l’importanza «di un centrale italiano che in questi anni si è dimostrato fondamentale sia in Superlega sia a livello internazionale».

Già deciso il numero di maglia: prenderà il 12 come quello indossato dai portieri Julio Cesar e Sebastian Frey, idoli di Galassi quando giocava a calcio da estremo difensore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Galassi pensa già in grande: «Con Piacenza vogliamo raggiungere traguardi importanti». VIDEO

SportPiacenza è in caricamento