menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una Gas Sales Bluenergy tutto carattere conquista tre punti fondamentali contro Vibo Valentia

Gli ospiti sono avanti per un set e mezzo, poi Piacenza trascinata da un super Russell ribalta la gara e tiene vivo l'obiettivo di chiudere al quinto posto

Tre punti guadagnati con le unghie e con il carattere. Bernardi al termine dice che è la vittoria di tutta la squadra e cita anche il preparatore De Lellis; è grazie a lui se Grozer resta in campo tre set e mezzo con soli dieci giorni di allenamento nelle gambe. Piacenza aveva assoluto bisogno di vincere lo scontro diretto con Vibo Valentia, ma dopo un parziale e mezzo in pochi avrebbero puntato qualche euro sulla vittoria dei biancorossi. Un avvio difficile quello dei padroni di casa, in una prima frazione ricca di errori da ambo le parti con la Gas Sales Bluenergy che trovava risposte solamente da un Russell autore di una prova fantastica. E’ lui l’assoluto protagonista di Piacenza, il giocatore a cui affidarsi anche sui palloni più complicati.

LA GARA PUNTO A PUNTO

E lo statunitense non aspetta altro, si carica e mette a terra anche alcuni palloni su cui anche Vibo non può far altro che applaudire. Piano piano al suo fianco cresce tutta la squadra, Grozer schierato a sorpresa titolare dopo un primo set per trovare il ritmo riprende a picchiare come di consueto e quando arriva un aiuto a Russell ecco che tutta la squadra inizia a girare. «Quel primo set? Purtroppo non riusciamo ad allenarci sei contro sei, utilizziamo parte delle gare anche per trovare il ritmo» spiega Clevenot alla fine. Non è una giustificazione, ma una spiegazione assolutamente sensata quando vedi che anche oggi la Gas Sales Bluenergy ha undici giocatori in distinta, con Fanuli che indossa la maglia da giocatore “classico” per subentrare in caso di bisogno mentre Polo e Antonov sono in tribuna e Tondo è rimasto a casa. Ci si potrebbe anche nascondere dietro queste giustificazioni, alzare le braccia e lasciare via libera a Vibo Valentia dando definitivamente l’addio a una delle prime cinque posizioni in classifica. Piacenza non lo fa e anche in questo dimostra di essere una squadra caratterialmente in grande crescita: resta aggrappata alla partita, quando serve la mette anche sul piano della battaglia (ovviamente sportiva), poi nel momento in cui riesce a girare l’incontro dalla propria parte non molla più la presa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento