rotate-mobile
Volley A1 maschile

La Gas Sales Bluenergy non si ripete: i campioni d'Italia si regalano un 3-0

I biancorossi non replicano la bella prova di domenica scorsa e cedono di fronte a una Lube che si dimostra più solida nonostante le assenze. Adesso trasferta a Perugia, contro la squadra che Piacenza troverà in semifinale di Coppa Italia

Il pericolo che qualcuno temeva si materializza già dai primissimi punti. Piacenza dovrebbe volare sulle ali dell’entusiasmo dopo la qualificazione alla Final four di Coppa Italia, Civitanova avere sulle spalle il peso dell’eliminazione subita domenica. Niente di tutto questo: l’approccio dei biancorossi è di quelli da dimenticare, tanto che dopo cinque minuti o poco più si capisce già che per i biancorossi sarà una gara ad handicap, con la Lube in grado di portarsi avanti 1-0 senza neppure faticare.

LA GARA PUNTO A PUNTO

Il primo neo è l’approccio, quello successivo arriva una mezzoretta più tardi. La Gas Sales Bluenergy è brava a reagire e a comandare la seconda frazione, ma quando arriva a giocarsi i palloni decisivi ancora una volta si dimostra una squadra che non ha nulla di cinico e di spietato. La formazione implacabile di domenica scorsa è un ricordo, prima Brizard e compagni consentono alla Lube di pareggiare, poi non sfruttano due palle per portarsi sull’1-1 e quindi cedono di fronte a Lucarelli. Nessuno vuole sminuire le qualità di una Civitanova che pur limitata da tante assenze è comunque una squadra ricca di campioni e di personalità, però la squadra che i tifosi hanno ancora negli occhi è rimasta al PalaPanini. A parte il pessimo abbrivio nulla di particolarmente eclatante, nessun errore marchiano da parte del gruppo, nessun crollo neppure una volta sotto 2-0. Però se si vuole giocare almeno alla pari contro queste avversarie che sono ai vertici della classifica è necessario mettere in campo qualcosa in più in tutti i fondamentali, a iniziare dalla difesa che tre giorni fa era stata decisiva.

Bernardi, lo aveva lasciato intendere già dopo la vittoria in Coppa Italia, ha dato fiducia a Stern inserendolo fin dal primo punto e tenendolo in campo per oltre due set prima di dare spazio a Lagumdzija, ma da titolare lo sloveno non ha ripetuto le eccellenti ultime prestazioni. Ancora una volta, come in altre occasioni nel corso dell’annata, l’impressione è che non siano i singoli a trascinare la squadra ma il contrario: quando il gruppo è in serata positiva allora si esaltano anche i protagonisti, altrimenti diventa dura reggere il confronto con avversarie del calibro di Civitanova. Non basta un Recine ancora su ottimi livelli, così come non è sufficiente Rossard che nel secondo set attacca con il 71 per cento ma nel primo è un fantasma o un Brizard meno brillante delle ultime apparizioni.

Adesso bisogna fare attenzione, perché domenica arriva una trasferta proibitiva in casa della capolista Perugia, che questa sera ha battuto Padova 3-0 e sarà l’avversaria di Piacenza nelle semifinali di Coppa Italia il 5 marzo a Bologna. Una Gas Sales Bluenergy poco coraggiosa rischia di essere annientata, servirà la squadra sbarazzina vista in più di un’occasione per provare a giocare lo scherzetto agli umbri.

PIACENZA-CIVITANOVA 0-3

(17-25, 28-30, 21-25)
GAS SALES BLUENERGY PIACENZA: Brizard 3, Rossard 8, Caneschi 5, Stern 9, Recine 9, Holt 7, Catania (L), Russell 1, Antonov 0, Scanferla (L), Tondo 0, Lagumdzija 5. N.E. Cester, Pujol. All. Bernardi
CUCINE LUBE CIVITANOVA: De Cecco 1, Santos De Souza 9, Diamantini 8, Zaytsev 18, Yant Herrera 7, Simon 8, Sottile 0, Balaso (L), Marchisio (L), Garcia Fernandez 1. N.E. Ambrose, Penna. All. Blengini

ARBITRI: Curto e Zavater
NOTE - Spettatori: 1200. Incasso: 11400 Durata set: 23', 37', 27'; tot: 87'

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Gas Sales Bluenergy non si ripete: i campioni d'Italia si regalano un 3-0

SportPiacenza è in caricamento