rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Volley A1 maschile

Per la Gas Sales Bluenergy non ci sono appelli, sfida da dentro o fuori con Trento. Botti: «Dobbiamo esprimerci al top». VIDEO

Domenica Gara2 dei Quarti di finale play off: i biancorossi, sotto 1-0 nella serie, devono assolutamente vincere per portare la serie alla decisiva terza partita

E’ la prova di appello, l’ultima a disposizione della Gas Sales Bluenergy. I biancorossi sono con le spalle al muro dopo la sconfitta di sabato scorso: per proseguire nella serie scudetto e portare i Quarti di finale a Gara3 devono vincere domenica alle 18 al PalabancaSport contro Trento. Non importa il risultato, fondamentale è che l’ultimo pallone cada nel campo degli ospiti. Operazione non semplice, l’Itas a metà settimana ha espugnato il campo di Perugia nella semifinale di andata di Champions mettendo in mostra una pallavolo stellare, a conferma che la squadra di Lorenzetti sta attraversando un grande momento.

Però è anche vero che otto giorni fa i biancorossi per un set sono rimasti alla pari degli avversari, arrivando a un passo dall’1-0 mancato solamente per un paio di errori dei singoli. Ergo, con una Piacenza al top il divario non è enorme: certo servirà la miglior Gas Sales Bluenergy (Russell ha spiegato che gli emiliani dovranno giocare la miglior partita della stagione) ma in una gara singola il gruppo di Bernardi ha già dimostrato di potersela giocare contro ogni avversario. In tema di formazione l’unica incognita riguarda Scanferla: il libero in settimana ha ripreso ad allenarsi regolarmente con i compagni, lo staff deciderà se schierarlo dall’inizio o se dare fiducia a Catania, titolare sabato scorso.

Intanto è Massimo Botti ad anticipare il confronto fra i biancorossi e i trentini.

«Ci aspettiamo – spiega il secondo allenatore di Piacenza – una sfida molto difficile contro un avversario di altissimo livello che non scopriamo di certo questa settimana dopo la gara di Champions. Sapevamo bene che l’Itas è un gruppo ben allestito e che gioca una grande pallavolo, quindi ci siamo preparati ad affrontare la miglior versione di Trento».

In Gara1 avete avuto difficoltà soprattutto in ricezione. Dovete dovrete migliorare, oltre ovviamente alla seconda linea che però dipenderà parecchio anche dalla qualità al servizio dei trentini?

«Sabato scorso è stata una partita negativa in questo fondamentale ma non solo, perché siamo calati troppo in fretta dopo un buon primo set. Bisogna ritrovare la continuità, mantenendo un livello alto perché affrontiamo un avversario che non ci concede pause. Per quanto riguarda la ricezione è vero che contro grandi battitori a volte vai in difficoltà, ma non bisogna concedere le serie al servizio come è successo in casa loro; se siamo bravi sulla prima azione poi queste serie non arrivano».

Hai parlato di continuità, è questo uno dei problemi della squadra di inizio stagione. A volte anche nell’arco della stessa gara alternate momenti di alto livello ad altri in cui fate fatica.

«Tutte le squadre di Superlega hanno picchi di rendimento alti e possono giocare una bella pallavolo. Poi la vera differenza la fa chi riesce a mantenere questo livello il più a lungo possibile. Farlo sempre è complicatissimo, ci riescono solamente le formazioni migliori, ma se non riusciremo a esprimerci al top in questa sfida da dentro o fuori contro Trento ci troveremo a compiere l’ennesima analisi su una sconfitta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per la Gas Sales Bluenergy non ci sono appelli, sfida da dentro o fuori con Trento. Botti: «Dobbiamo esprimerci al top». VIDEO

SportPiacenza è in caricamento