menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Elisabetta Curti consola Botto e Tondo al termine della gara con Modena (f. Trongone)

Elisabetta Curti consola Botto e Tondo al termine della gara con Modena (f. Trongone)

Elisabetta Curti: «E' stata una stagione durissima, ma la squadra merita comunque 7»

La presidentessa della Gas Sales Bluenergy: «Ce ne sono capitate di tutti i colori, ma questo ci ha fortificato». E annuncia: «Grozer lascia Piacenza. Le voci di addio a Scanferla? Le escludo, il prossimo anno giocherà ancora con noi»

La prima reazione è stata negativa e non poteva essere altrimenti. «Penso sia umano. Speravamo di entrare in Europa e questa eliminazione brucia» spiega Elisabetta Curti, presidente della Gas Sales Bluenergy. Il 3-0 ottenuto da Modena al PalaBanca mette fine alla stagione biancorossa con qualche giorno di anticipo sulla finale dei play off di Challenge in calendario domenica. «Però bisogna anche essere razionali e obiettivamente, visto la situazione in cui ci siamo presentati, potevamo anche aspettarcelo. CI abbiamo provato, non eravamo al massimo a causa di tante difficoltà e quella di Modena è stata una vittoria meritata».

Se chiedessimo un bilancio della stagione a poche ore dal termine dell’annata?

«Di primo acchito come voto darei un 6 stiracchiato. Ma ragionando a mente fredda non possiamo dimenticare che si trattava della nostra prima vera stagione in Curti facciamo squadra perpiacenza-4Superlega ed è stato comunque un anno anomalo, senza pubblico, con pochissimi contatti diretti, in cui bisognava concentrarsi anche su aspetti esterni al volley. Dal punto di vista mentale è stato faticoso; noi abbiamo avuto mesi pieni di sfortuna, ma comunque siamo qui e ci abbiamo provato fino in fondo, chiudendo sesti la stagione regolare appaiati alla quinta in classifica e vincendo il girone di qualificazione ai play off di Challenge».

Con queste premesse il voto cambia?

«Credo che le attenuanti ci siano e allora dico che meritiamo 7. Leggo tante critiche, ma non dimentichiamoci che siamo la società più giovane di Superlega. Il 6 stiracchiato è da tifosa che si aspettava la qualificazione in Europa, il 7 arriva dopo un’analisi a mente fredda».

Il sesto posto è un altro passo in avanti dopo la promozione e la decima posizione in un’annata, come quella scorsa, comunque non terminata.

«Non abbiamo vinto niente, ma abbiamo imparato tanto e questo ci servirà per migliorare ulteriormente. Questa stagione è stata molto dura, ce ne sono capitate di tutti i colori, abbiamo riassunto quello che altri club hanno vissuto in dieci anni e questo ci ha fortificato, tanto che stiamo già lavorando con attenzione per il futuro. Negli ultimi giorni qualcuno mi ha detto: ti vedo un po’ abbattuta. Penso sia umano, quando prendi tante sberle dici: ma cosa abbiamo fatto di male. Ma l’entusiasmo non è mai mancato e siamo pronti a ripresentarci ai blocchi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento