Questo sito contribuisce all'audience di

Lo scudetto di Piacenza soffia su undici candeline: il 17 maggio 2009 lo storico tricolore biancorosso

La vittoria al tie break in casa di Trento diede il via a una lunga serie di festeggiamenti in tutta la città

Era una domenica anche quel 17 maggio 2009 entrato nella storia. Undici anni dopo un indimenticabile amarcord permette di pensare positivo a un territorio che cerca di lasciarsi lentamente alle spalle il dramma coronavirus. Piacenza festeggia l’anniversario dello scudetto, di un momento entrato nella storia sportiva di una città che si riunì oltre mezzanotte in piazza Cavalli per iniziare una festa durata giorni. Ai pochi (ma solo per ragioni di spazio e di biglietti) che avevano seguito la squadra a Trento si aggiunsero migliaia di tifosi e appassionati pronti per un pomeriggio a sedersi davanti alla televisione per non mancare all’appuntamento più importante.

GUARDA LA PUNTATA DI GENTE DI SPORT CON I PROTAGONISTI DI QUELLA FANTASTICA VITTORIA

Una vittoria che arrivò nel modo più difficile: in casa di Trento che si portò avanti 2-0 in Gara5 e poi anche 11-9 e 13-11 nel tie break prima che capitan Hristo Zlatanov, sotto gli occhi del presidente Guido Molinaroli e del tecnico Angelo Lorenzetti, decise che era il momento di dare una svolta a un ciclo ricco di soddisfazioni ma ancora povero di vittorie regalando il primo tricolore alla Piacenza della pallavolo.

Quell’indimenticabile sfida, oltre due ore e venti minuti di una partita rimasta ancora oggi fra le gare più emozionanti e spettacolari della pallavolo italiana, diede il via a una settimana di festeggiamenti in tutta la città. Ogni giorno un appuntamento: da uno sponsor, nella sede del quotidiano La Cronaca, in piazza Cavalli dove venne organizzata una cena gratis per tutti i piacentini. E ogni volta a far compagnia ai giocatori arrivavano centinaia e centinaia di persone a portare entusiasmo e voglia di condividere un momento indimenticabile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Adesso, a undici anni di distanza e con cuore e mente ancora poco propensi a festeggiare, anche un ricordo ci permette di pensare al futuro in modo positivo facendo leva sul passato. Piacenza sta tornando grande e in attesa di rientrare al PalaBanca (si spera il prima possibile) godiamoci il piatto in assoluto più gustoso proposto dal volley biancorosso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppa Italia - Piacenza sconfitto 1-2, il Teramo sbanca il Garilli senza fatica

  • Il Piacenza chiude il precampionato con un pareggio contro la Virtus Verona. Cosa va e cosa non va

  • Piacenza-Virtus Verona: 1-1, a Siani risponde Bridi

  • La Gas Sales Bluenergy va a singhiozzo, Padova vince 3-1. Biancorossi fuori dalla Coppa Italia

  • Gardini: «Amareggiato per la situazione, ma sono certo che la Gas Sales Bluenergy farà una grande annata»

  • Omicidio a Lecce, ucciso l'arbitro Daniele De Santis. Aveva arbitrato il Piacenza quattro volte negli ultimi anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento