rotate-mobile
Volley A1 maschile

Milano scuce la Coppa Italia della maglia della Gas Sales Bluenergy

Piacenza rimonta due volte e ha anche cinque match point a disposizione, ma i lombardi chiudono 22-20 al tie break e volano alla Final four di Bologna

GSE_banner_322x250_statico-2

Due tentativi, due bocciature. Alla seconda gara a eliminazione diretta la Gas Sales Bluenergy inciampa nuovamente e dopo essere stata sconfitta in ottobre in Supercoppa da Civitanova replica in Coppa Italia contro Milano.

LA GARA PUNTO A PUNTO

Il 3-2 subito per mano dei lombardi sicuramente lascia ferite più difficili da rimarginare nella squadra biancorossa. Perché Piacenza era la detentrice della Coppa Italia e vedersi scucire la coccarda tricolore dal petto senza nemmeno avere la possibilità di andarsi a giocare l’atto finale è molto doloroso. Ancora di più perché la sconfitta arriva di fronte al proprio pubblico, in un ambiente che la società aveva fortemente voluto molto caldo per spingere la squadra di Anastasi almeno fino a Bologna, dove invece a fine mese i biancorossi faranno da spettatori.

Come capita a volte quando si parla di pallavolo diventa complicato analizzare una partita che termina 22-20 al tie break. Anche perché la Gas Sales Bluenergy ha anche avuto a disposizione ben cinque palloni per chiudere il match senza riuscire a sfruttarli, un po’ per bravura di Milano e in parte anche per qualche imprecisione in casa piacentina. Con l'Allianz va in scena una sfida in cui i padroni di casa partono dominando, poi passano lo scettro agli avversari che chiudono senza problemi la prima frazione e si portano avanti 9-3 nella seconda con la squadra di Anastasi in completa confusione. Poi il tecnico trova dalla panchina un super Gironi e un Andringa chiamato a sistemare la seconda linea e riacciuffa una partita che sembrava destinata a chiudersi in tempi rapidissimi. Invece si sale sulle montagne russe e dopo due ore e 10 minuti è Milano che può festeggiare.

Certo, non è stata una debacle come quella contro Civitanova, ma quando si arriva a giocare partite secche conta solamente il campo in cui cade l’ultimo pallone. Finisce in quello di Piacenza, che chiude subendo due murate, ma soprattutto a far pensare sono i nove errori commessi nel tie break (contro i cinque degli avversari) alcuni dei quali davvero evitabili. Poi è ovvio che se una di quelle cinque occasioni a disposizione per chiudere l'incontro fossero state sfruttate saremmo qui a parlare di una squadra dal grande carattere, capace di ribaltare una partita che sembrava persa rimontando due volte lo svantaggio contro la formazione probabilmente più in forma del momento. Ma non è successo, allora bisogna leccarsi le ferite e adesso cambiare immediatamente rotta perché in dieci giorni ci sono due appuntamenti fondamentali in Champions League e se la Gas Sales Bluenergy non centrasse neppure quelli allora rimarrebbe un solo traguardo stagionale.

Chiusura con un’analisi tecnica che non vuole essere una giustificazione ma deve comunque far riflettere: a questi livelli Piacenza non può permettersi di regalare due dei suoi migliori attaccanti agli avversari. Leal è fuori da tempo e ancora non si allena con i compagni, Romanò fatica a rientrare in condizione e contro Milano ha giocato complessivamente meno di un set. I due sostituti Recine e Gironi sono stati all’altezza, l’ingresso di quest’ultimo ha cambiato la partita, ma un conto è avere a disposizione “anche” loro, un conto “solo” loro. Anche questo va tenuto in considerazione in un giudizio che comunque, al di là dei protagonisti, visto il risultato non può che essere negativo.

PIACENZA-MILANO 2-3

(16-25, 25-20, 21-25, 25-23, 20-22)

GAS SALES BLUENERGY PIACENZA: Caneschi 5, Romanò 2, Recine 15, Simon 11, Brizard 4, Lucarelli 24; Scanferla (L), Gironi 18, Andringa 2, Alonso 2. Ne: Ricci e Dias. All. Anastasi

ALLIANZ MILANO: Ishikawa 19, Loser 15, Reggers 19, Kaziyski 15, Piano 4, Porro 5; Catania (L), Mergarejo, Dirlic, Zonta, Vitelli 1. Ne: Colombo (L), Starace, Innocenzi. All. Piazza

ARBITRI: Cesare e Giardini

NOTE: Spettatori: 2500. Incasso 18500. Durata set: 24’, 24’, 26’, 29’, 27’. Tot. 130’. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano scuce la Coppa Italia della maglia della Gas Sales Bluenergy

SportPiacenza è in caricamento