Questo sito contribuisce all'audience di

Champions - Copra sconfitto da Costanza al tie break

Chissà se Simeonov ha qualcosa contro Piacenza. Ogni volta che si presenta al PalaBanca fra sorrisi e saluti ai suoi ex tifosi riesce sempre a creare problemi enormi al Copra. Stavolta addirittura trascina il Costanza al successo, al termine di...

Ostapenko e Le Roux provano a fermare Simeonov a muro (cev.lu)
Chissà se Simeonov ha qualcosa contro Piacenza. Ogni volta che si presenta al PalaBanca fra sorrisi e saluti ai suoi ex tifosi riesce sempre a creare problemi enormi al Copra. Stavolta addirittura trascina il Costanza al successo, al termine di un incontro iniziato in discesa per i biancorossi e poi proseguito fino al tie break solamente grazie alla grinta e alla costanza dei padroni di casa, autori di una prova altalenante dopo tre successi consecutivi in campionato. Alla fine i rumeni escono in trionfo per il successo 3-2 (25-16, 22-25, 25-27, 25-22, 12-15) e per la prima volta superano una squadra italiana in Champions League.

PERCORSO - L’inattesa battuta d’arresto complica il cammino dei ragazzi di Radici. Il tecnico avversario Stoev in sala stampa spiega che «Piacenza rimane favorita». Può essere, ma adesso fra due settimane in casa del Roeselare bisognerà vincere per evitare di giocare le tre gare successive con l’acqua alla gola. Dopo tre gare in cui i biancorossi hanno mostrato di essere in crescita costante arriva un passo indietro in casa Copra. Almeno a partire dalla seconda frazione, visto che il primo set parla esclusivamente piacentino. Poi a Simeonov, unico in grado di impensierire i padroni di casa in avvio, si affiancano Janic e Petkov sempre più positivi. Vermiglio non trova grandi risposte in attacco dai centrali (Kohut chiuderà con il 31 per cento, Ostapenko al 44 ma sostituito negli ultimi due set da Tencati) così si appoggia sul solito Le Roux, che comunque subisce 7 fra murate e errori, e su uno Zlatanov trascinatore per lunghi tratti della gara.

CARATTERE - Avanti 1-0 i piacentini si trovano a rincorrere dopo aver perso il terzo set ai vantaggi soprattutto a causa di qualche errore di troppo in difesa e in rigiocata. Ma il momento peggiore arriva a metà della quarta frazione, avanti 7-2 i padroni di casa si vedono superare dagli avversari fino al 15-12, con Radici che inizia a chiedere aiuto alla panchina inserendo Massari e Tencati. Qui Piacenza mostra il lato migliore: non sarà brillante ma è concreta e riesce a portare la partita al tie break appoggiandosi sulle spalle di capitan Zlatanov. Poi al quinto basta un’accelerazione di Costanza per decidere la gara; fra quindici giorni si torna in campo a Roeselare, dove Piacenza oltre a confermare grinta e determinazione avrà l’obbligo di ridurre al minimo il numero degli errori nei momenti clou.

PIACENZA – COSTANZA 2-3
(25-16, 22-25, 25-27, 25-22, 12-15)
COPRA PIACENZA: Papi 10, Ostapenko 6, Le Roux 21, Zlatanov 17, Kohut 9, Vermiglio 3; Mario Jr (L), Massari 3, Tencati, Ter Horst 1. Ne: Marra (L) e Tavares. All. Radici
TOMIS COSTANZA: Stancu 3, Simeonov 25, Petkov 17, Spinu 10, Zhekov 2, Janic 20; Rosic (L), Tanasescu, Laza 2, Pavel 1. Ne: Stoian e Aciobanitei. All. Stoev
ARBITRI: Markov (Rus) e Voudouris (Gre)
NOTE: Spettatori 2400, incasso 12200. Durata set: 23’, 27’, 32’, 29’, 19’; tot. 130’

La gara punto a punto
Aggiornamento - Janic trova il diagonale all'incrocio delle righe per l'11-9 Costanza, Le Roux riporta Piacenza a meno 1, Ter Horst regala l'11-12 ma il Copra continua a rincorrere anche quando Kohut manda in rete l'11-13. Ter Horst subisce il muro dell'11-14 quindi Costanza chiude 15-12.
Aggiornamento - Al cambio campo Costanza è avanti 8-5, poi Piacenza risale 7-8 con Spinu che non si intende con Zhekov

Aggiornamento - Il solito Simeonov firma il pari a 4, poi i biancorossi si distraggono lamentandosi con l'arbitro e l'ex biancorosso trova il vantaggio prima che Le Roux commetta fallo di seconda linea per il 6-4 rumeno prima che un altro errore, stavolta di Massari, porti gli ospiti avanti 7-4

Aggiornamento - Dopo aver rincorso a lungo Le Roux pareggia a 20 e il diagonale di Zlatanov vale il 21 pari poi Simeonov manda out il 22-21 e Petkov sbaglia il 23-21, poi Piacenza chiude 25-22 portando la gara al tie break

Aggiornamento – Le Roux viene murato e i rumeni raggiungono la parità a 11 prima che il solito Simeonov trovi il vantaggio ospite dopo essere stati soto anche 7-2. Vermiglio serve Papi murato per il 13-11 ospite. Dentro Massari per Papi, ma Jacopo subisce l'ace del 15-12. Piacenza reagisce, ma al secondo tempo tecnico è sotto 16-14

Aggiornamento – La partenza di Piacenza è migliore dei due set precedenti. C’è Tencati in campo per Ostapenko e due volte Zlatanov non si preoccupa del muro a tre firmando il 7-2 e quindi ancora il capitano spara il diagonale dell'8-4. Ma COstanza risale e Radici chied etempo sull'8-6

Aggiornamento - Muro di Zlatanov su Simeonov, fino a questo momento trascinatore del Costanza, e pareggio a 22. Ter Horst entra per alzare il muro ma Le Roux manda fuori il servizio anche se si rifà nell'azione successiva pareggiando a 23. Janic guadagna il primo set point annullato da Papi. La difesa piacentina non sembra impeccabile sul 25-24 rumeno, ma Janic pesta la linea sul servizio per il 25 pari. Poi Costanza allunga e chiude 27-25

Aggiornamento - Due errori marchiani dei biancorossi e Costanza si porta 19-17 con radici che prova a scuotere la squadra durante il time out. Dentro Massari per Zlatanov e Tencati per Ostapenko, ma porta i suoi avanti 21-18. Petkov manda out il 20-21 e sbaglia (di poco) anche ils ervizio del 21-22

Aggiornamento – Zlatanov gioca sul muro per il 12-11, quindi Kohut firma il doppio vantaggio e ancora Zlatanov dalla seconda linea regala il 15-12 ai padroni di casa. Ma con l'ace di Zhekov i rumeni sono ancora pari, poi Vermiglio trova il 16-15 Piacenza

Aggiornamento – A 6 le squadre sono ancora spalla a spalla, poi Simeonov trova il vantaggio con Janic che piazza l’ace su Papi per l’8-6 che porta le squadre allo stop tecnico

Aggiornamento – Costanza con il servizio di Stancu che mette in seria difficoltà la ricezione biancorossa arriva a condurre 20-15, poi Piacenza risale fino al 18-20 di Le Roux. La rimonta si spegne sull'ace di Petkov che porta Costanza a un passo dal pareggio nel conto dei set: 23-19. Il solito Le Roux trova le mani del muro per il 22-24 ma Costanza chiude 25-22

Aggiornamento – Ostapenko dopo un set e mezzo senza incidere mura a uno la pipe di Costanza per il 15-17, ma l’ace su Mario vale il 19-15 ospite con Radici che ferma il gioco

Aggiornamento – Erroraccio a muro di Le Roux per l’11-9 ospite, con Piacenza che in avvio di secondo set non è più fluida come nella prima frazione. Acneh gli ospiti non sono perfetti e un attacco out permette al Copra di riportarsi 11-12. Ma ancora una volta Costanza accelera portandosi al tempo tecnico con il 16-12 di Simeonov

Aggiornamento – Costanza mette per la prima volta la testa avanti sul 5-3, ma l’ace di Kohut vale subito il pareggio. Poi Janic con l’aiuto del nastro trova la battuta del 7-5 Costanza. Muro e errore rumeno e le squadre sono ancora appaiate, quindi Ostapenko invade per l’8-7 Costanza

Aggiornamento – Papi dalla seconda linea firma il 17-10 che mette in discesa il cammino dei biancorossi in un set condotto dal primo punto. Kohut mura Simeonov e Piacenza vola 20-12. Le Roux trova il diagonale strettissimo che regala il primo set point ai padroni di casa concretizzato con il 25-16 arrivato grazie all’errore al servizio di Simeonov

Aggiornamento - Piacenza ha un altro passo e Costanza oltretutto commette troppi errori per impensierire i padroni di casa, che si vedono regalare il 16-9 da un fallo di formazione sulla propria battuta

Aggiornamento – Un’indecisione in difesa permette ai rumeni di riportarsi a meno 1: 8-9. Ma subito Piacenza accelera nuovamente e con Ostapenko mette a terra il 12-8 e quindi il lungolinea di Zlatanov vale il 13-8

Aggiornamento - Piacenza parte bene e il muro di Kohut porta i biancorossi avanti 5-2 con Stoev che chiama subito tempo. Vermiglio mura a uno al termine di un’azione lunghissima e Piacenza conduce 8-5

Aggiornamento - Radici manda in campo il sestetto consueto: Vermiglio in regia, Le Roux opposto, Ostapenko e Kohut al centro, Papi e Zlatanov di banda con Mario Junior libero.

Squadre in campo al PalaBanca per l’esordio stagionale di Piacenza in Champions League. La formazione di Radici affronta i rumeni del Costanza nella prima gara del girone A. Passa il turno la migliore classificata (le altre formazioni sono i belgi del Roeselare e gli svizzeri del Lugano) e sei delle migliori sette seconde dei vari raggruppamenti.
Segiu il live su www.sportpiacenza.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Eccellenza, Promozione e Prima: stop alle Coppe. Seconda e Terza: la stagione sarà completa

  • Spadafora: «Abolito il vincolo sportivo per giovanili e dilettanti». Sibilia: «Si minaccia l'esistenza del calcio»

  • Per gli Interprovinciali confermato il programma attuale, i Provinciali dovrebbero terminare la fase locale prima di Pasqua

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Giana Erminio-Piacenza: 2-0, terza sconfitta consecutiva per i biancorossi

  • Piacenza - Per Simonetti, Pedone, Galazzi e Ghisleni è una partita da dimenticare. Le pagelle

Torna su
SportPiacenza è in caricamento