Questo sito contribuisce all'audience di

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gardini anticipa la sfida a Cisterna: «Un avversario tosto, noi continuiamo a lavorare per trovare il feeling giusto»

Il tecnico della Gas Sales Bluenergy prima dell'esordio in Coppa Italia: «Siamo un gruppo completamente nuovo, il lavoro per portare tutti in condizione non è semplice». E sulla formula della competizione: «La più sbagliata possibile»

 

Finalmente si gioca. Dopo uno stop infinito, lungo oltre sette mesi, la pallavolo torna in campo partendo dalla Coppa Italia. Riapre anche il PalaBanca: non totalmente ma visto i tempi che corrono i 768 spettatori sono comunque tanta manna. La rinnovata Gas Sales Bluenergy Piacenza ospita Cisterna nella prima giornata del gironcino di Coppa Italia che vede in campo anche Ravenna e Padova, con due posti disponibili per i quarti di finale della competizione. A poche ore dall’esordio tocca ad Andrea Gardini fare il punto della situazione in vista della sfida casalinga di domenica.

Come è andato l’ultimo allenamento congiunto che vi ha visto prepararvi insieme a Milano?

«Senza dubbio - spiega il tecnico biancorosso - meglio rispetto a quello di sabato scorso, evidentemente eravamo tutti più concentrati mentre nell’ultima occasione non avevamo sfruttato al meglio l’opportunità per testare situazioni che ci servivano. Con Milano ho visto molta più lucidità; fatte salve alcune cose ancora da sistemare la squadra ha interpretato molto meglio la seduta».

Domenica finalmente si torna a giocare dopo sette mesi di stop. Quali sono le tue sensazioni?

«Più che altro sono concentrato sulla situazione della squadra. Essendo un gruppo completamente nuovo abbiamo qualche problemino di adattamento. Quello era da mettere in preventivo, il problema più grave sono i ritardi di condizione, con giocatori arrivati in tempi diversi alcuni dei quali erano rimasti fermi molto tempo. Il lavoro per portare tutti in condizione non è semplice».


A che punto siamo in percentuale con lo sviluppo di questa Gas Sales Bluenergy?

«Non ne ho idea. Continuiamo a lavorare per crescere e per trovare il feeling giusto, ma soprattutto cerchiamo un’interpretazione di gioco che sia uguale per tutti, perché alcuni ragazzi arrivano da campionati diversi e con idee differenti. Le qualità di ognuno devono finire a disposizione della squadra, di un gioco con un’unica idea».

La formula della Coppa Italia non permette di sbagliare, la prima gara con Cisterna è già una sorta di sfida da dentro o fuori e una sconfitta porterebbe la strada in salita.

«Credo che tutte le sconfitte portino le strade in salita. La formula è sicuramente la più infelice che si potesse trovare perché fa differenze relative alla stagione scorsa che non è stata nemmeno conclusa e poi mette immediatamente in palio dei pass per una manifestazione importante con le squadre che spesso non sono completamente formate».

Che tipo di formazione è Cisterna? Una squadra che insieme a voi ha dato vita a un mercato importante e che ha tra i punti di forza l’ex biancorosso Giulio Sabbi.

«Un avversario di buonissimo livello. Quest’anno se si escludono le tre top Perugia, Civitanova e Trento, e poi vedremo come si comporterà Modena, la Superlega propone un gruppo di squadre che si equivale. Bisognerà capire chi riuscirà prima degli altri a creare una condizione interessante e a presentarsi in forma nei momenti decisivi. Ci saranno pochissime situazioni semplici nel corso della stagione».

Quando ci si affronta a inizio anno non ci sono termini di paragone, ma secondo te dove si deciderà la partita?

«Vincerà chi gioca meglio a pallavolo»

Potrebbe Interessarti

Torna su
SportPiacenza è in caricamento