Questo sito contribuisce all'audience di

Gardini: «Fei è un giocatore immenso». VIDEO e pagelle

Il tecnico elogia tutta la squadra: «Il gruppo alla fine è emerso, così come alcuni campioni che si sono messi a disposizione nonostante problemi fisici»

L'abbraccio di Andrea Gardini ad Alessandro Fei

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Seconda vittoria casalinga consecutiva per la Gas Sales che a otto giorni di distanza replica il successo con Vibo Valentia e inserisce fra le proprie vittime anche Monza al termine di una gara infinita in cui i biancorossi hanno dovuto sempre rincorrere per poi emergere nel finale di quarto set e nel tie break.

Andrea Gardini, a voi le cose semplici non piacciono.

«Come ho detto a inizio dell’anno la squadra deve avere un carattere di resilienza, senza questo non si costruisce niente. E’ una formazione che ha diversi problemi in alcune situazioni di gioco e senza capacità di soffrire non possiamo pensare di affrontare una stagione complicata come quella attuale. Qualcosina si sta vedendo, il gruppo credo che alla fine sia emerso e poi abbiamo alcuni campioni che si sono messi a disposizione nonostante problemi fisici. Sono tutti segnali che mi fanno ben sperare per il prosieguo del lavoro che sarà ancora lungo e complicato».

Oggi decisivo l’ingresso di Yudin.

«Non avevo dubbi. E’ un ragazzo che lavora dall’inizio dell’anno con un entusiasmo incredibile e sapevo che sarebbe stato pronto. L’ho detto diverse volte, la regola degli italiani limita la possibilità di giostrare i ragazzi e questo è un peccato».

Obiettivo principale era fermare o almeno limitare Kurek. Ci siete riusciti, tanto che a un certo punto è anche uscito un po’ dalla gara commettendo qualche errore di troppo.

«Sappiamo che è un giocatore capace di grandissime cose e anche stasera in momenti importanti ha messo a terra palloni con il muro a tre piazzato, poi in altri momenti è stato un po’ più appannato. Ma lui era uno dei giocatori da fermare, in alcuni frangenti ci siamo riusciti e in altri no perché è stato bravo a trovare le contromisure».

E’ la serata di Alessandro Fei. Cosa puoi dire di lui che non sia ancora stato detto?

«E’ un giocatore immenso; quando io stavo finendo con la nazionale lui era un ragazzino che si presentava sulla scena internazionale con qualità fisiche e tecniche mostruose. Nonostante l’età il fisico ancora regge ed è un atleta che sa giocare a volley. Ha nuovamente aiutato la squadra, possiamo solo dirgli un grazie grande come una casa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Piacenza - Di Battista traccia il primo bilancio. «Ci serve solo poter lavorare con continuità e serenità»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento