rotate-mobile
Volley A1 maschile

Anastasi: «Nessun volo pindarico, fondamentale tenere alta la concentrazione». Ricci: «Daremo sempre il massimo». VIDEO e pagelle

Il tecnico dopo la vittoria con Modena: «Obiettivo delle semifinali praticamente raggiunto, ma sarebbe importante giocare le gare decisive in casa». Intanto conferma il centrale anche per il prossimo anno

GSE_banner_322x250_statico-2

Andrea Anastasi analizza le difficoltà incontrate nella sfida vinta con Modena.

Un successo che di fatto vale la semifinale playoff per il quinto posto.

«Direi di sì. Non è stato facile perché dopo il primo set i nostri avversari hanno cambiato parecchio inserendo i ragazzi che avevano giocato poco e noi abbiamo perso la concentrazione. Poi siamo rientrati bene nel terzo, nel quarto abbiamo di nuovo faticato ma per fortuna siamo riusciti a chiuderlo ed è quello che ci serve adesso. Le semifinali praticamente sono agguantate, ma se riusciamo a giocare tutte le partite in casa è molto meglio. Saremo seri anche nelle prossime gare».

Un primo set troppo facile.

«Noi abbiamo giocato bene, eravamo ben preparati, ci aspettavamo che dopo la vittoria con Cisterna i nostri avversari facessero un po’ più di “guerra” invece oggi non ne avevano molta voglia e siamo andati un po’ in crisi noi. E’ il problema di queste partite quando hai una squadra come la nostra che ci tiene tanto e degli avversari che forse non avevano grandi motivazioni».

Un Romanò sugli scudi.

«Sono felice. Ha giocato bene, è andato male solo al servizio dove però ha trovato l’ace finale. Si sta esprimendo a buoni livelli anche se sapete che purtroppo non ha l’aiuto di Gironi infortunato. Speriamo che Fabrizio riesca a recuperare per la fine di questa settimana o per la prossima».

Recine in campo con qualche problema fisico a una gamba.

«Volevo qualcosa in più sotto il profilo dello spirito e l'ho inserito, anche se sicuramente non aveva tutta la gara perché ieri non si è allenato».

Visto che parliamo di singoli, oggi una bella partita anche da parte di Ricci, che in campionato non aveva avuto tanto spazio.

«Sono contento, perché è un giocatore che resterà qui anche il prossimo anno. Ci ha dato tanto durante la stagione dal punto di vista della professionalità, dell’impegno e dell’atteggiamento. Si merita tutta la fiducia che sta avendo».

Il prossimo obiettivo?

«Andiamo a Padova cercando di vincere. Meglio fare pochi voli pindarici, perché se perdiamo la concentrazione è pericoloso».

---

Fabio Ricci è stato fra i migliori in campo, con 10 punti e l’88 per cento in attacco.

Anastasi ha detto: il difficile in queste partite è mantenere la concentrazione.

«Ha spiegato le stesse cose anche a noi. In effetti dopo un ottimo primo set abbiamo avuto problemi nel secondo, ma poi ci siamo ripresi e abbiamo lottato bene nel finale».

Primo obiettivo raggiunto, con le semifinali praticamente in tasca, adesso bisogna guardare oltre.

«Ne abbiamo parlato negli spogliatoi, non era questo il traguardo che ci eravamo posti a inizio stagione, ma adesso è importante per noi, per la società e per tutti provare a vincere questi playoff: daremo il massimo».

Oggi a livello personale hai disputato una grande partita. In stagione regolare non hai avuto tantissimo spazio, ora hai dimostrato di essere in forma.

«Sapevo quale sarebbe stato il mio ruolo quando sono venuto qua. Ho cercato di dare una mano quando serviva; io sono contento quando giochiamo bene e quando vinciamo, indipendentemente da chi scende in campo».

---

LE PAGELLE

Brizard 6,5: inizia con un ace, si diverte trovando punti diretti, prova pure a dare spettacolo

Romanò 7+: partenza a razzo, è lui che trascina i compagni in avvio. Poi continua a correre e non rallenta mai; la battuta non gli dà le solite soddisfazioni ma trova l’ace finale

Ricci 7: è on fire, soprattutto a muro. Con Brizard si intende alla grande e trova punti anche in attacco. Il suo muro su Sapozhkov con le squadre sul 20 pari nel quarto set vale platino

Simon 6: una partita senza acuti, si prende una serata di permesso

Lucarelli 7: uno spettacolo vedere quante opzioni ha nella propria faretra. Reattivo e attentissimo anche in copertura, addirittura si improvvisa centrale andando a murare la banda avversaria

Leal 5,5: cercato pochissimo in attacco, dove comunque balbetta, fa meglio in seconda linea ma dopo due set lascia il campo

Scanferla 6+: una buona giornata in ricezione, ma non servono miracoli

Andringa 6: solita prova di sacrificio a sistemare una seconda linea che comunque funziona

Recine 6+: parte in panchina per problemi fisici, quando entra non deve strafare ma in un paio di occasioni trova punti importanti

Dias sv

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anastasi: «Nessun volo pindarico, fondamentale tenere alta la concentrazione». Ricci: «Daremo sempre il massimo». VIDEO e pagelle

SportPiacenza è in caricamento