Questo sito contribuisce all'audience di

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tondo: «Adesso siamo più sereni, ora speriamo di vedere la vera Piacenza»

Il centrale della Gas Sales Bluenergy verso la sfida con Perugia: «Sarà compito nostro restare in campo il più possibile reggendo in ricezione perché loro hanno dei talenti mondiali»

 

A meno di tre giorni dal big match contro Perugia, la Gas Sales Bluenergy ancora non sa quanti spettatori potrà far entrare al PalaBanca. Mentre la società prosegue i contatti con i vertici della Regione nella speranza di avere il via libera come era successo in Coppa Italia con Cisterna, la squadra prosegue la preparazione in vista del primo di una lunga serie di big match. Domenica alle 18 arrivano gli umbri, che hanno già messo in bacheca il primo trofeo stagionale battendo Civitanova nella finale di Supercoppa, replicando poi il successo anche all’esordio in Superlega contro Vibo Valentia. Una Perugia dunque già in buone condizioni, mentre Piacenza per ora è convalescente: dopo tre stop consecutivi (e il cambio dell’allenatore) è arrivata la vittoria alla prima giornata di campionato. Il bottino pieno ha permesso ai biancorossi di prepararsi al nuovo appuntamento con maggiore serenità, come spiega Alessandro Tondo, centrale della Gas Sales Bluenergy.

Un precampionato con poche apparizioni, poi hai iniziato a ritagliarti spazio fino a diventare importante nella prima vittoria con Ravenna. Come stai vivendo questa fase iniziale della stagione?

«Non è stato l’avvio che tutti ci auguravamo. Abbiamo iniziato la stagione un po’ sotto tono, a livello personale sono contento di aver dato una mano alla squadra; l’obiettivo mio e quello del gruppo è farsi trovare sempre pronti. Non possiamo negarlo, in questa fase siamo tutti un po’ in difficoltà, ma stiamo reagendo e ci concentriamo sul lavoro per crescere a livello individuale e per migliorare gli automatismi. Ovviamente siamo molto contenti del successo contro Ravenna, speriamo sia il primo passo di un lungo percorso»

Con i rimagnoli è stata una vittoria fondamentale soprattutto per il morale. Si vede un nuovo spirito in palestra in questi giorni?

«Certamente sì. La vittoria di domenica è stata importantissima, in questo periodo conquistare i tre punti è stato fondamentale e già si vede anche nel lavoro di tutti i giorni. Ora speriamo di sfruttare al meglio questa onda»

Domenica si è visto che quando giocate con serenità riuscite ad esprimere un potenziale di ottimo livello. La vera Piacenza pensi che sia quella del quarto set?

«Credo che la vera Piacenza ancora debba emergere; come ha detto Bernardi non siamo bellissimi da vedere ma almeno siamo stati efficaci. Il meglio deve ancora venire»

Tre punti contro Ravenna sono fondamentali per affrontare più tranquillamente la corazzata Perugia. Che partita vi aspettate?

«Una sfida lunga e difficile. Anzi, sarà compito nostro restare in campo il più possibile reggendo in ricezione perché loro hanno dei talenti mondiali. Sarà un confronto interessante»

Adesso siete attesi da un ciclo di fuoco, con Perugia, Cisterna in trasferta tre giorni dopo, poi Trento e Civitanova in casa e il viaggio a Modena. Come bisogna affrontare questi 20 giorni di fuoco?

«Sapevamo che l’inizio sarebbe stato durissimo. Probabilmente nessuno si aspettava un avvio così complicato. In questo momento dovremo stare ancora più tranquilli e sereni, soprattutto giocando la nostra pallavolo».

Potrebbe Interessarti

Torna su
SportPiacenza è in caricamento