rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024

Fei: «Non abbiamo niente da perdere, con Perugia daremo battaglia». VIDEO

Il dirigente biancorosso ha vissuto da grande protagonista (e con il premio di Mvp) le ultime due vittorie di Piacenza in Coppa Italia. «Se dovesse esserci bisogno - scherza - sono pronto a scendere in campo»

“Come vincere la Coppa Italia”. Potrebbe essere uno di quei libri motivazionali tanto in voga adesso o anche una video-spiegazione pubblicata su youtube. Si può scegliere la formula, ma di certo sull’autore non ci sarebbero dubbi: Alessandro Fei. L’attuale direttore sportivo della Gas Sales Bluenergy è stato protagonista in campo degli ultimi due trionfi biancorossi: da centrale conquistò la coccarda tricolore al PalaDozza nel 2014 battendo in finale Perugia, da opposto alzò il trofeo di A2 (con Massimo Botti in panchina) nel 2019, la prima vittoria assoluta della nuova società. Non solo, perché in entrambe le occasioni Fei ottenne anche il premio come Mvp delle finali, ulteriore riconoscimento in una carriera zeppa di vittorie sia con il club sia con la nazionale.

Se ti dico 9 marzo 2014 ti ricorda qualcosa?

«Assolutamente no».

Se aggiungo PalaDozza?

«C’era qualche finale?» ride.

Piacenza-Perugia, primo successo dei biancorossi in Coppa Italia con il centrale Alessandro Fei premiato come miglior giocatore.

«Era stata una bella partita, poi visto che avevo ricevuto anche il riconoscimento individuale ho ricordi ancora migliori. Splendide sensazioni, è un po’ che ci mancano e speriamo che prima o poi ritornino».

Facciamo un balzo in avanti: 2019, da opposto e con un dito rotto hai trascinato la squadra alla vittoria della manifestazione di A2 meritando ancora una volta l’Mvp.

«Le ultime Coppe Italia a cui abbiamo partecipato qualcosa siamo riusciti a portare a casa, speriamo sia di buon auspicio per Roma. Ci attende una partita molto difficile contro una formazione che fino a ora ha sempre vinto. Andiamo con lo spirito di chi non ha niente da perdere ma con l’intenzione di giocare una grande battaglia».

Cosa cambia rispetto a un incontro di campionato?

«E’ una sfida secca che dà l’accesso a una finale e sicuramente scendi in campo in modo più combattivo. In campionato hai la possibilità eventualmente di rifarti, in questo caso invece c’è in palio una gara che assegna un trofeo importante di fronte a un palazzetto pieno».

In tanti hanno detto che sarà decisiva la battuta. La tua opinione qual è?

«Nel volley devi servire bene e costringere gli avversari a staccare la palla da rete così per te tutto diventa più semplice. Se batti male hai poche possibilità di vincere, a meno che tu non sia uno squadrone impostato su muro e difesa».

Piacenza come sta in questo momento?

«Come spirito stiamo bene, nonostante la sconfitta in casa di Civitanova abbiamo la consapevolezza di essere una grande squadra che sa giocare a pallavolo. Per quanto riguarda il fisico qualche problema c’è: Leal non sta benissimo e per noi è un giocatore fondamentale. Non siamo contenti di quello che è successo, ma ormai è capitato, andiamo a giocarcela lo stesso».

Se dovessi dire qualcosa al gruppo prima della partita che parole sceglieresti?

«Direi che siamo una grande squadra e lo abbiamo dimostrato. Andiamo a giocare contro un’altra formazione di livello assoluto e non abbiamo niente da perdere. Tutti i nostri ragazzi,  titolari e non, hanno già partecipato a queste manifestazioni e sanno cosa significa vincere. L’entusiasmo e la voglia di conquistare un successo potrebbero fare la differenza».

Se ci fosse bisogno tu saresti pronto a dare una mano scendendo in campo?

«Ovvio. Però ci sarebbe bisogno di un po’ di allenamento».

Video popolari

Fei: «Non abbiamo niente da perdere, con Perugia daremo battaglia». VIDEO

SportPiacenza è in caricamento