rotate-mobile
Volley A1 femminile

Volley - Sansonna: «Mettiamo un punto e ricominciamo»

Stefania Sansonna tiene a battesimo la prima conferenza stampa ufficiale della campionesse d'Italia, al primo giorno di scuole dentro al PalaBanca dopo i test e le visite mediche di mercoledì e giovedì. Gianni Caprara prima di...



Stefania Sansonna tiene a battesimo la prima conferenza stampa ufficiale della campionesse d'Italia, al primo giorno di scuole dentro al PalaBanca dopo i test e le visite mediche di mercoledì e giovedì. Gianni Caprara prima di iniziare l'allenamento a porte aperte - con qualche decina di appassionati e tifosi - raduna le ragazze in cerchio, un breve di discorso e poco dopo scatta ufficialmente la missione 2013-2014 della Rebecchi Nordmeccanica. Migliorarsi sarà davvero difficile, altrettanto ripetersi, tuttavia nelle parole delle giocatrici c'è già un mantra ossessivo, sintomo chiaro di come i lavori sulla psiche siano iniziati ben prima di questo 23 agosto. Lo si capisce dalle parole di Stefania Sansonna, che affronta i taccuini in modo tanto filosofico quanto stringato. «Io sono una guerriera, se sono rimasta è perché sento di poter dare ancora molto a questa squadra e sarò sempre in prima linea nella guerra ai palloni. Non voglio né pensare né parlare di riconfermare ciò che si è fatto, perché così sembra di volgere lo sguardo al passato e non penso che questo debba essere il nostro spirito. Fino a metà maggio la nostra storia è stata la Coppa Italia, l'argento in Cev e lo scudetto. Bene, dal giorno dopo abbiamo messo subito un punto, questa è un'altra squadra e dobbiamo dimostrare nuovamente tutto». Il ché è comunque difficile perché a tutti piace a andare a caccia delle campionesse. «Il segreto si chiama umiltà, quando ce l'hai allora non ti va via la fame, hai ancora voglia di lottare per vincere».

«Nella passata stagione non abbiamo vinto in sei, ma in dodici, e così deve essere anche quest'anno. E' impensabile poter affrontare un'annata così lunga, con così tanti impegni tra Champions League, campionato e coppa solamente col sestetto di partenza. La forza della squadra era ed è tuttora nella panchina lunga e di qualità. E poi c'è Gianni Caprara, che è il nostro vero valore aggiunto. Con giocatrici di questo calibro non serve e non puoi inventarti molto o insegnare, lui l'anno scorso ci ha dato ordine e certezze in allenamento, due aspetti che poi ti porti in campo quando giochi e i risultati si sono visti». Ma come dice Stefania Sansonna è giusto mettere un punto su quello che è stato: e allora guardiamo il futuro? «Saremo noi le nostre principali avversarie, chiaro che ogni partita sarà storia a sé, però spetta a noi come persone concentrarci e lavorare per vincere nuovamente. Virginia Poggi? Ha il favore dell'età e la fortuna di essere in una squadra con giocatrici di alto livello, è nel posto giusto per imparare a fare il libero: deve solo volerlo».

Uno dei colpi di mercato di Giorgio Varacca è invece Elisa Manzano. «Peccato che non ha risposto al telefono per due giorni - dice ridendo il direttore generale - quando gli volevo proporre di venire qui». Elisa ride e poi spende parole al miele: «E' stata una chiamata inaspettata e ho accettato al volo con una gioia immensa, darò il mio massimo contributo a muro». Chiude la serie di interventi la slovacca Ivana Bramborova ex Pavia e Novara, schiacciatrice che arriva con i gradi dell'opposto. «Non è un problema - spiega - ho buone sensazione anche giocando da opposto dunque a questo aspetto non ci ho mai pensato. E' una grande opportunità giocare nella Rebecchi Nordmeccanica, la squadra campione d'Italia e poi nella Champions, per me sarà una grande esperienza. Il fatto di essere in una squadra con così tanta concorrenza non può che essere uno stimolo, non vedo l'ora di iniziare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley - Sansonna: «Mettiamo un punto e ricominciamo»

SportPiacenza è in caricamento