rotate-mobile
Volley A1 femminile

Volley - Rebecchi Nordmeccanica, regalati il sogno

La prima partita lo ha dimostrato, la seconda lo ha confermato: per superare Conegliano ci vuole la migliore Rebecchi Nordmeccanica. Giovedì (inizio alle 20.30) al PalaBanca sarà una nuova battaglia, se possibile ancora più dura e complicata di...

La prima partita lo ha dimostrato, la seconda lo ha confermato: per superare Conegliano ci vuole la migliore Rebecchi Nordmeccanica. Giovedì (inizio alle 20.30) al PalaBanca sarà una nuova battaglia, se possibile ancora più dura e complicata di una già incredibile gara2, in cui le biancoblù prima hanno perso, quindi sembravano essersi incanalati sui binari giusti per poi inciampare nuovamente in attesa del colpo di reni finale. Il pieno al distributore di emozioni è normale in una finale scudetto, ma adesso la formazione di Caprara ha in mano tre carte vincenti e deve giocarne almeno una al momento giusto.

Si inizia giovedì sera al PalaBanca, in un impianto che deve far registrare il tutto esaurito. Non è semplice quando si gioca ogni due giorni, soprattutto se le partite sono programmate in mezzo alla settimana. Ma l’occasione è troppo ghiotta e tutta Piacenza deve dare il proprio contributo.

DURISSIMA - I primi due incontri hanno dimostrato che non sarà semplice. Anzi, che sarà complicatissimo, per questo prima di sedersi sui seggiolini è d’obbligo la visita dal cardiologo per valutare lo stato delle coronarie. Chi sperava in una finale in discesa guardando la posizione dell’Imoco al termine della regular season o i due successi ottenuti dalle biancoblù durante il campionato si è dovuto ricredere. La squadra di Gaspari è solida, quadrata e attentissima a muro e in difesa; riuscire a mettere palla a terra quando le venete sono in palla diventa un’impresa. Però la Rebecchi Nordmeccanica ha capito in questi due confronti che prima o poi Conegliano lascia uno spiraglio aperto: in quello le emiliane dovranno entrare, approfittandone poi per spalancare il portone facendo entrare tutta la cavalleria.

STORIA - Per la prima volta nella propria storia la Piacenza del volley in rosa ha la possibilità di tingersi di tricolore. Lo meriterebbe, in una stagione in cui ha già vinto la Coppa Italia arrivando anche a un passo dalla Challenge Cup. Un’annata in cui ha fatto capire, soprattutto negli ultimi mesi, di essere la formazione migliore di tutte, la più concreta, la più attenta, in sintesi la più forte. Adesso deve confermarlo nel momento più importante, perché la storia ha atteso a lungo, ora la Rebecchi Nordmeccanica deve guadagnarsi il suo momento di gloria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley - Rebecchi Nordmeccanica, regalati il sogno

SportPiacenza è in caricamento