Questo sito contribuisce all'audience di

Volley - Piacenza passeggia con Urbino

Dieci minuti di equilibrio, un’ora di dominio. Poche parole per riassumere la vittoria della Rebecchi Nordmeccanica all’esordio nei play off: i dieci minuti sono quelli iniziali, in cui la...

Gianni Caprara e Francesca Ferretti




Dieci minuti di equilibrio, un’ora di dominio. Poche parole per riassumere la vittoria della Rebecchi Nordmeccanica all’esordio nei play off: i dieci minuti sono quelli iniziali, in cui la superiorità di Piacenza si intuisce ma non trova riscontro nel punteggio. Poi basta, sul palco resta solamente la formazione di Caprara mentre Urbino rimane lontano dalle attenzioni del pubblico. Non si siede in platea perché il regolamento non lo consente, ma poco ci manca. Il divario tra le due formazioni è troppo evidente, ma questo non è colpa delle emiliane. Che fanno di tutto per rendere lo spettacolo interessante alzando il livello prima a muro, quindi in attacco e infine al servizio.

TESTA - La difficoltà più grande è mantenere la concentrazione a buoni livelli. Quando ti trovi avanti 14-2 diventa durissima restare con la testa in partita. La Rebecchi Nordmeccanica ha il merito di non distrarsi, anche quando si capisce che la gara non avrà storia. Il problema è che siamo ancora a metà del primo set e bisogna mettere a terra più di 50 palloni. Bosetti, Meijners, De Kruijf e Leggeri lo fanno con grande continuità, Van Hecke parte male ma ha tutto il tempo di rientrare senza che nessuno si accorga dell’avvio complicato.

SBAGLI - La Robur commette anche qualche errore di troppo, ma l’impressione lampante è che si tratti di errori dovuti alla difficoltà di non poter rappresentare il minimo ostacolo per le avversarie. Negrini è complessivamente la più prolifica, ma l’unica che fornisce risposte adeguate è la Santini nel primo set. Poi basta, nonostante Micoli cerchi risposte da una panchina che non ne può dare.
Finisce con l’applauso del PalaBanca per l’ingresso del secondo libero Virginia Poggi sul terreno di gioco per uno scambio, quindi un’ora dopo essersi seduti sui seggiolini è già tempo di tornare a casa. Domenica appuntamento per gara2, se Piacenza giocherà ancora a questo ritmo diventa difficile capire in che modo Urbino potrà impensierirla.

REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA - ROBUR TIBONI URBINO 3-0
(25-18, 25-13, 25-9)
REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA: Poggi (L), Valeriano, Leggeri 9, De Kruijf 11, Van Hecke 5, Meijners 16, Ferretti 1, Sansonna (L), Bramborova 1, Bosetti 14. Non entrate Manzano, Caracuta, Vindevoghel. All. Caprara
ROBUR TIBONI URBINO: Carocci (L), Giombetti, Zecchin, Negrini 10, Thibeault 3, Santini 8, Escobar 3, Kostic 4, Brcic 2, Leggs 2. Non entrate Casoli, Guidi. All. Micoli
ARBITRI: Prati, Padoan
NOTE - Spettatori 2500, incasso 13000, durata set: 25', 22', 21'; tot: 68'.

Il film della partita
Aggiornamento - Piacenza adesso decide che vuole chiudere la pratica. L'attacco di Urbino è sempre in difficoltà, la Rebecchi Nordmeccanica invece mette palla a terra con buona continuità e sul 7-2 Micoli ferma il gioco. Non c'è partita e l'ace di Meijners porta le squadre al riposo sul 12-2, i due successivi valgono il 14-2. ormai non c'è più partita e il punto della Bosetti vale lo scontato 25-9

Aggiornamento - Ormai anche la seconda frazione è segnata: la serie al servizio di Van Hecke amplia il vantaggio, poi il muro di De Kruijf e l'ace (fortunoso) di Meijners porta Piacenza avanti 21-11, poi Bosetti chiude per il 25-13

Aggiornamento - Finalmente dopo un primo set a basso ritmo Piacenza sembra innestare la marcia superiore e con due begli scambi si porta a condurre 5-3. Ma un muro su Bosetti e l’errore in fast della Leggeri bastano per riportare avanti 6-5 le ospiti. Poi è ancora la Bosetti a piazzare il diagonale dell’8-8 e da questo momento la Rebecchi allunga fino al 12-8 di Leggeri. Si sveglia anche la Van Hecke dopo un set senza punti: attacco e muro per il 14-9

Aggiornamento - Urbino resta attaccato al treno piacentino, fino a quando la Leggeri non trova il muro del 20-17 che porta le ospiti a fermare il gioco. Non serve, perché la centrale ferma ancora la Kostic per il 22-17 che porta Micoli a inserire la Escobar, quindi tocca alla Meijners mettere a terra il definitivo 25-18

Aggiornamento - Il primo set sembra deciso, ma Urbino non ci sta e il muro sulla Van Hecke consegna alle ospiti il 15-17, con la Negrini brava poi a mettere a terra il meno 1 dalla seconda linea

Aggiornamento - E’ Lucia Bosetti che parte alla grande in casa biancoblù, nel 6-5 di Piacenza tre punti sono suoi. L’avvio però è lento, come conferma il pallone lasciato cadere dalle padrone di casa su un appoggio di Urbino e che vale il 9-8 ospite. Poi due muri della De Kruijf consegnano il 12-9 alla formazione di Caprara. E ancora l'olandese firma in fast il 14-9 con Micoli che ferma il gioco

Rebecchi Nordmeccanica in campo al PalaBanca per gara1 dei quarti di finale play off contro Urbino. Piacentine nettamente favorite, non fosse altro per il doppio successo negli scontri diretti stagionali e per la prima posizione al termine della stagione regolare che ha permesso alle biancoblù di trovarsi di fronte Urbino, ottava in graduatoria.
Caprara conferma il sestetto consueto, mandando in campo Ferretti in regia, Van Hecke opposto, Leggeri e De Kruijf al centro con Bosetti e Meijners di banda e Sansonna libero.
Segui la diretta su www.sportpiacenza.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Eccellenza, Promozione e Prima: stop alle Coppe. Seconda e Terza: la stagione sarà completa

  • Spadafora: «Abolito il vincolo sportivo per giovanili e dilettanti». Sibilia: «Si minaccia l'esistenza del calcio»

  • Per gli Interprovinciali confermato il programma attuale, i Provinciali dovrebbero terminare la fase locale prima di Pasqua

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Giana Erminio-Piacenza: 2-0, terza sconfitta consecutiva per i biancorossi

  • Piacenza - Per Simonetti, Pedone, Galazzi e Ghisleni è una partita da dimenticare. Le pagelle

Torna su
SportPiacenza è in caricamento