menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La gioia di Maja Ognjenovic (f. Rovellini)

La gioia di Maja Ognjenovic (f. Rovellini)

Volley - Nordmeccanica, prenditi la semifinale

La vittoria arrivata dopo oltre due ore di gioco in una sfida tiratissima, con le due squadre ad alternarsi in continuazione al comando, ha mostrato sostanzialmente due cose. La prima: anche domenica nella decisiva gara3 (si inizia alle 17.30, chi...

La vittoria arrivata dopo oltre due ore di gioco in una sfida tiratissima, con le due squadre ad alternarsi in continuazione al comando, ha mostrato sostanzialmente due cose. La prima: anche domenica nella decisiva gara3 (si inizia alle 17.30, chi vince affronta Bergamo in semifinale) la Nordmeccanica contro Scandicci deve prepararsi a un incontro intensissimo. La seconda: ancora una volta Piacenza dovrà superare due avversari, le toscane e una pressione che in questa fase sta creando non pochi problemi alle biancoblù. Si è visto venerdì, quando la formazione di Gaspari ha faticato parecchio a mettere in mostra il gioco consueto proprio a causa di una tensione che ha bloccato gambe e braccia di qualche giocatrice. Aspetto con cui le padrone di casa dovranno convivere pure in gara3, visto che i pronostici sono tutti dalla parte di Piacenza.

APPROCCIO DIFFERENTE
Nonostante una prestazione tecnicamente non buona, come hanno ammesso gli stessi protagonisti alla fine della partita, il successo con le toscane ha fatto capire una cosa importante: Bauer e compagne possono battere il sestetto di Chiappafreddo pur non giocando al massimo. E, soprattutto, possono farlo sopperendo a una serata negativa di quella che fino ad oggi è quasi sempre stata il punto di riferimento in attacco: Flortije Meijners. C’è da sperare che l’olandese torni a essere la solita trascinatrice, ma anche se non dovesse farcela (non dimentichiamo che è reduce da un infortunio) la Nordmeccanica ha dimostrato di potersi conquistare le semifinali scudetto.
«Rispetto a venerdì - ha spiegato Gaspari alla fine di gara2 - nella partita di domenica dovremo avere un altro approccio. Loro proveranno a partire fortissimo e noi non possiamo farci trovare impreparati. Bisogna giocare un po’ più sciolti e chiedo al pubblico di spingerci perché ne abbiamo veramente bisogno».

POCHI PALLONI PER DECIDERE LA GARA
In meno di quarantotto ore, il tempo fra gara2 e la sfida decisiva, i due tecnici non potranno preparare grandi stravolgimenti. Probabile dunque che ancora una volta la sfida si decida su agonismo, grinta e su pochi scambi. Complessivamente venerdì sera Piacenza ha messo a terra tre palloni in più delle toscane (110-107), un’inezia se consideriamo le due ore e 10 minuti di gioco. Però tanti sono bastati per conquistare il successo e allungare la serie: anche domenica la differenza potrebbero farla i particolari, la Nordmeccanica deve farsi trovare pronta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento