menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il gruppo della Nordmeccanica dopo il successo di giovedì contro Scandicci (f. Rovellini)

Il gruppo della Nordmeccanica dopo il successo di giovedì contro Scandicci (f. Rovellini)

Volley - Nordmeccanica a caccia del primato solitario

Una notte di riposo, con l’adrenalina ancora tutta da smaltire, due allenamenti ed è già ora di salire sul pullman diretto verso Vicenza. La Nordmeccanica non può nemmeno brindare per il primato in classifica che trova già un nuovo avversario...

Una notte di riposo, con l’adrenalina ancora tutta da smaltire, due allenamenti ed è già ora di salire sul pullman diretto verso Vicenza. La Nordmeccanica non può nemmeno brindare per il primato in classifica che trova già un nuovo avversario pronto a scaraventarla giù dal trono. Giusto così, perché dopo quattro giornate il primo posto non conta proprio nulla e Piacenza ha l’obbligo di tenere la testa bassa per guardare i tanti ostacoli che si troverà di fronte.

La sfida alle venete (domenica alle 18) sulla carta non è di quelle da segnare con il circoletto rosso, ma la formazione di Gaspari non dimentica che ha perso l’unico incontro della stagione a Firenze, di fronte a una formazione che in teoria non avrebbe le qualità delle piacentine. E anche giovedì ha rischiato di arrivare al tie break contro uno Scandicci molto solido. «Non ci sono gare facili quest’anno» urlano da tempo i tecnici, e adesso sembrano avere convinto proprio tutti.

L’Obiettivo Risarcimento ha conquistato un solo successo, in casa di Montichiari, per poi subire un triplo pesante 3-0, l’ultimo a domicilio di Busto Arsizio. La Nordmeccanica dal canto suo ha un doppio obiettivo: vincere da tre punti e salire da sola in testa alla classifica approfittando del turno di riposo di Casalmaggiore. Se poi nell’anticipo del sabato dovesse arrivare un regalo dalla sfida fra Novara e Modena, con la squadra di Pedullà ancora imbattuta ma con una gara in meno, ancora meglio. Perché è vero che trovarsi in testa dopo un mese di campionato conta poco o nulla, però per dirla alla Catalano è sempre meglio essere primi che dover inseguire. Per avere maggiore tranquillità, più certezze e anche per potersi permettere qualche piccolo rallentamento più avanti, quando si inizierà a sgomitare seriamente nel momento caldo della stagione.
Intanto Piacenza continua a correre: in campo ma anche fuori, perché dopo la trasferta di Vicenza la squadra sarà nuovamente impegnata in Champions, visto che mercoledì è attesa dalla trasferta in Romania a domicilio del Blaj. Ma questa è un’altra storia e farsi distrarre sarebbe deleterio: sotto con l’Obiettivo Risarcimento, c’è un primato da consolidare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento