rotate-mobile
Volley A1 femminile

Rebecchi Nordmeccanica - Cerciello: «Mi piace vincere»

«A me non dispiacerebbe vincere un altro scudetto». Antonio Cerciello liquida così, con un sorriso decisamente serio, la domanda "lei preferisce la Coppa Campioni o un altro scudetto?", domanda a sua volta nata da una prima considerazione fatta...

«A me non dispiacerebbe vincere un altro scudetto». Antonio Cerciello liquida così, con un sorriso decisamente serio, la domanda "lei preferisce la Coppa Campioni o un altro scudetto?", domanda a sua volta nata da una prima considerazione fatta dal presidente onorario della Rebecchi Nordmeccanica: «A me piace vincere e mio figlio, insieme a Giovanni Rebecchi, Giorgio Varacca e Gianni Caprara, hanno allestito una formazione in grado di farlo». L'occasione è la conferenza stampa di presentazione di Liesbet Vindevoghel, attaccante belga classe 1979 (189 centimetri) che si trova a Piacenza per sancire l'accordo raggiunto con la Rebecchi Nordmeccanica. Liesbet è solo l'ultima arrivata alla corte di Caprara, insieme a lei il mercato fulmineo ha portato anche le centrali Robin De Kruijf ed Elisa Manzano, l'opposto Lise Van Hecke e la palleggiatrice Valeria Caracuta, mentre per la Engle ci sarà ancora da aspettare. «Stiamo trattando un'ultima giocatrice - dice Varacca a fine incontro - ma non c'è niente di ufficiale da dire».

VINDEVOGHEL - Le prima parole sono del vicepresidente Giovanni Rebecchi: «Siamo contenti di avere qui con noi una giocatrice di questo calibro, competitiva e con grande esperienza. Ci attende un campionato difficile, intenso e impegnativo sotto il profilo fisico a causa del doppio appuntamento campionato-Champions League. Per anni abbiamo visto Liesbet da avversaria, ora ce l'abbiamo nel nostro roster». E tra l'attaccante belga e la Rebecchi Nordmeccanica è stato un «sì» a prima vista. «La serietà di una società, gli obiettivi e la voglia di fare pallavolo - dice la Vindevoghel - sono diventate ormai delle condizioni necessarie per noi giocatrici, la Rebecchi Nordmeccanica risponde a queste caratteristiche ed è per questo che l'ho scelta. Ovvio che poi faccia ancora più piacere il fatto di essere chiamata dalla squadra campionessa d'Italia, è una bella sfida e il gruppo che i dirigenti stanno allestendo è davvero molto competitivo soprattutto per gli allenamenti. Non ho mai giocato la Champions ma sono sicura che tutte daranno il massimo».

COPERTA LUNGA - Il direttore generale Giorgio Varacca invece sottolinea la qualità della rosa che il club sta mettendo a disposizione del tecnico Gianni Caprara. «Siamo attrezzati ed equilibrati con tre centrali di altissimo livello, tre martelli e due palleggiatrici di primo piano. Inoltre abbiamo abbassato l'età media passando ai 26-27 anni attuali, questo si è reso necessario perché la stagione sarà lunga e impegnativa su più fronti, non dimentichiamoci che si parte con la SuperCoppa Italiana contro Conegliano. Inoltre abbiamo cercato di proiettarci avanti, senza dover necessariamente cambiare roster tutti gli anni, con un'età media di questo livello possiamo ragionare per il futuro. Difficoltà? Sul mercato essere campioni d'Italia agevola sotto certi aspetti mentre ce ne sono altri che complicano le trattative. Il mercato italiano è sempre più difficile a causa della competizione delle squadre estere, siamo stati costretti ad agire così velocemente nonostante uno scudetto vinto meno di un mese fa, perché altrimenti se si aspettava si rischiava di trovare ben poco, tuttavia siamo molto contenti del lavoro fatto perché abbiamo sistemato la squadra come volevamo».

OCCHI PUNTATI - La parola poi va al presidente Vincenzo Cerciello. «Abbiamo cercato di fare una squadra in cui tutte le ragazze fossero delle possibili titolari e non delle riserve, ora il roster è completo (o quasi) sia per affrontare lo scudetto sia per la coppa. L'età media è stata abbassata perché volevamo una squadra pronta per un volley più fisico e a breve comunicheremo anche lo staff tecnico. Nella prossima stagione - chiude il presidente del club - partiremo con i favori del pronostico perché siamo la squadra è campione in carica e giocoforza avremo gli occhi di tutti puntati addosso, e così sarà anche in Europa. Ad oggi solo noi, con Busto, abbiamo completato il mercato e siamo pronti a prenderci oneri e onori della prossima stagione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rebecchi Nordmeccanica - Cerciello: «Mi piace vincere»

SportPiacenza è in caricamento