Questo sito contribuisce all'audience di

Rebecchi Nordmeccanica, ancora uno sforzo per lo scudetto

La calma e la tranquillità, è risaputo, sono le virtù dei forti. Anche di quelli molto forti, come la Rebecchi Nordmeccanica che da più di un anno a questa parte non ha rivali in Italia. Sabato a Busto alle 20.30 va in scena gara3 di finale...

Il sorriso della Rebecchi Nordmeccanica (foto Rovellini)
La calma e la tranquillità, è risaputo, sono le virtù dei forti. Anche di quelli molto forti, come la Rebecchi Nordmeccanica che da più di un anno a questa parte non ha rivali in Italia. Sabato a Busto alle 20.30 va in scena gara3 di finale scudetto e Piacenza, già avanti 2-0, si gioca il primo di tre match ball consecutivi. I tifosi e tutto l’ambiente sono, giustamente, in fibrillazione, tanto che i biglietti per gli ospiti messi a disposizione dalla Yamamay sono andati ben presto esauriti.

NESSUNA FRETTA - Ma in casa Rebecchi Nordmeccanica il clima è sereno fin da mercoledì scorso al PalaBanca. I commenti di tecnico e giocatrici sono identici da giorni: «Non importa quando chiudiamo la serie, l’importante è vincere lo scudetto».
Non si autoimpone pressioni Piacenza e non vuole recitare il ruolo dello sprinter creandosi l’obbligo di definire tutto in tre gare. Premesse fondamentali per giocare la sfida che potrebbe regalare il Tricolore nel modo più sereno possibile, ovviamente per quanto possa essere serena una finale scudetto.

PRESSIONI - Certamente in questo momento tutte le pressioni sono sulle spalle di Busto. La situazione si è invertita rispetto ai primi due incontri: la squadra di Caprara si è meritata il doppio vantaggio e adesso tocca alla Yamamay fare qualcosa di diverso per allungare la serie di finale. Di certo le lombarde saranno trascinate da un PalaPiantanida che è uno dei palazzetti più caldi di tutta Italia. Infatti non a caso la Rebecchi Nordmeccanica in A1 non è mai riuscita a vincerci. Il tutto esaurito è certo da giorni e i tifosi si faranno sicuramente sentire. Un ostacolo in più da superare per le biancoblù, che si attendono un Busto molto più aggressivo rispetto a gara2.

SCATTO - Nessuno si illude, sarà una battaglia e sarebbe strano il contrario, considerato che si tratta di una finale. Ma Piacenza è pronta e ha già dimostrato di poter battere le avversarie in più modi: soffrendo e rischiando come nella prima sfida ma anche dominando come nell’incontro di mercoledì.
Serve un ultimo scatto e la Rebecchi Nordmeccanica è nelle condizioni ideali per compierlo. Ma solo al traguardo si potrà festeggiare.
Sabato dalle 20.30 segui il live dal nostro inviato

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Eccellenza, Promozione e Prima: stop alle Coppe. Seconda e Terza: la stagione sarà completa

  • Spadafora: «Abolito il vincolo sportivo per giovanili e dilettanti». Sibilia: «Si minaccia l'esistenza del calcio»

  • Per gli Interprovinciali confermato il programma attuale, i Provinciali dovrebbero terminare la fase locale prima di Pasqua

  • Giana Erminio-Piacenza: 2-0, terza sconfitta consecutiva per i biancorossi

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Un Piacenza decimato dal Covid ha ripreso gli allenamenti, difficile che venga rinviata la gara con la Giana Erminio

Torna su
SportPiacenza è in caricamento