rotate-mobile
Volley A1 femminile

Champions: a Mosca non basta una buona Piacenza

Premessa d’obbligo: un esordio in Champions League più complicato difficilmente si sarebbe potuto immaginare. Caprara aveva messo in guardia: «Dovremo giocare molto meglio rispetto a quanto fatto con Forlì». E forse, aveva fatto capire, potrebbe...

Premessa d’obbligo: un esordio in Champions League più complicato difficilmente si sarebbe potuto immaginare. Caprara aveva messo in guardia: «Dovremo giocare molto meglio rispetto a quanto fatto con Forlì». E forse, aveva fatto capire, potrebbe anche non bastare. Dalla trasferta a domicilio della Dinamo Mosca la formazione piacentina torna con una sconfitta 3-1 (25-21, 25-27, 25-23, 25-19) ma con la consapevolezza di non essere così distante dai vertici europei. Le russe possono contare sul duo composto da Obmochaeva e Kosheleva, protagoniste con la Nazionale all’ultima rassegna continentale, che dimostrano sul campo di avere una marcia in più: 23 punti a testa con percentuali vicine al 50 per cento. Nemmeno troppo difficile per atlete a cui capita spesso di passare sopra al muro.

RITMO - Piacenza fatica a prendere il ritmo nella prima frazione, in cui si trova quasi subito sotto e prova a rincorrere senza però mai raggiungere le avversarie. L’impressione è che Mosca sia superiore, ma dal cambio di campo la musica cambia e la Rebecchi Nordmeccanica dimostra di cosa è capace. Migliora la copertura, riduce il numero di muri diretti subiti (sei nella prima frazione) e cresce complessivamente. Mette in pratica quanto si sapeva alla vigilia: con atlete così alte di fronte bisogna anche mettere in preventivo di dover rigiocare la palla tre o quattro volte a ogni azione. Leggeri e compagne sono brave a non innervosirsi, mantengono alto il livello e con un ace della Bramborova, entrata proprio per il servizio, volano 20-15. Sembra finita, invece la Dinamo fa capire perché è una delle big in campo internazionale pareggiando a 24. Qui Piacenza dimostra tutte le proprie qualità tecniche e mentali: Bosetti prima e Van Hecke poi riportano le ospiti in vantaggio, quindi la Meijners mette a terra il 27-25.

DECISIVO - La chiave sta tutta nel terzo set in cui si ripete a ruoli invertiti il copione della frazione precedente. Dinamo che mostra la schiena alle avversarie fino al 18-14 frutto di un’incomprensione fra Ferretti e Leggeri poi, quando il set sembra segnato, ecco che la Rebecchi Nordmeccanica non solo pareggia a 22, ma supera anche le avversarie a 23. E’ il momento decisivo: portarsi 2-1 potrebbe segnare l’incontro, invece proprio sulla linea d’arrivo le padrone di casa piazzano l’allungo vincente.
La partita non è ancora terminata, ma si capisce fin dalle prime battute che ormai la gara è in mano alle russe. Così i 17 punti di Bosetti e i 15 di Meijners non bastano per portare a casa la vittoria, ma fanno capire che tutti dovranno fare i conti con Piacenza.

DINAMO MOSCA – REBECCHI NORDMECCANICA 3-1
(25-21, 25-27, 25-23, 25-19)
DINAMO MOSCA: Vetrova, Kosheleva 23, Krivets 8, Obmochaeva 23, Marchenko 14, Morozova 10; Tretyakova (L), Goncharova. Ne: Markova, Zhitova, Popovic e Akulova. All. Ilic
REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA: Bosetti 17, Leggeri 4, Van Hecke 13, Meijners 15, De Kruijf 10, Ferretti 1; Sansonna (L), Bramborova 1, Manzano, Caracuta, Valeriano. Ne: Vindevoghel. All. Caprara
ARBITRI: Partiainen (Fin) e Sokol (Pol)

L'INTERVISTA - CAPRARA: «SONO MOLTO SODDISFATTO»
«Sono molto soddisfatto di questa prova - esordisce coach Caprara - Le ragazze hanno giocato al massimo delle proprie possibilità almeno per tre set. Nel quarto siamo un po’ calati, ma non dimentichiamo chi avevamo di fronte. La Dinamo è un’ottima formazione. Certo, la nostra ricezione a un certo momento non è stata più brillante come nei primi parziali e loro, da squadra navigata, ne hanno approfittato immediatamente».

L’allenatore entra poi nei particolari: «Per quelli che siamo oggi, cioè una squadra che lavora insieme soltanto da qualche settimana e ancora con notevoli margini di miglioramento, francamente credo che non ci si poteva aspettare di più. Abbiamo vinto un set, tenuto testa in altri due. Insomma, questa partita rappresenta per noi una buona base di partenza per il futuro a breve termine».


Il film della gara
Aggiornamento - La Meijners al servizio riduce il gap fino al 20-16, ma le russe ormai sono lanciate verso il successo

Aggiornamento - La ricezione ormai non funziona più, la Bosetti lascia cadere una palla che termina dentro al campo e le russe volano 19-12

Aggiornamento - Rebecchi Nordmeccanica costretta a rincorrere a inizio quarto set. Le padrone di casa partono meglio e si portano 6-3, ma la formazione di Caprara sfrutta sempre una grande attenzione in difesa per contrattaccare fino al 7-9. Un errore della Bosetti in ricezione porta la Dinamo avanti 15-11, con Caprara che inserisce la Valeriano.


Aggiornamento terzo set - Dinamo Mosca - Rebecchi Nordmeccanica 2-1 (25-21, 25-27, 25-23) La Dinamo dimostra di non aver accusato il colpo, riparte alla grande e alla prima sosta si trova avanti 8-6. L’ace della Bosetti vale l’8-8 e il muro di Piacenza ferma le russe per il vantaggio ospite. Ma la Dinamo riparte e l’ace sulla Bosetti costringe Caprara a chiamare tempo con la padrone di casa avanti 13-10.
Si gioca punto a punto, ma è difficile recuperare il gap di tre lunghezze che la Dinamo si è guadagnata. Un’incomprensione fra Ferretti e Leggeri vale il 18-14, poi la Dinamo allunga ancora suggerendo a Caprara di inserire Caracuta per Ferretti. Il set sembra definito, invece Piacenza risale e proprio nel finale agguanta le avversarie a quota 22 e le supera, ma allo sprint le russe chiudono 25-23.

Aggiornamento secondo set - Dinamo Mosca - Rebecchi Nordmeccanica 1-1 (25-21, 25-27) Ancora una volta la Rebecchi Nordmeccanica parte meglio delle avversarie, la difesa cresce ulteriormente, così come migliora l’attenzione sulle coperture a muro, fondamentale contro una formazione altissima come la Dinamo. Al primo stop Piacenza è avanti 8-6, grazie anche a qualche colpo di classe delle attaccanti emiliane.
Il pallonetto della Meijners vale il 10-8, poi sbagliano anche le russe regalando l’11-8 alle ospiti. Piacenza allunga sfruttando le centrali: attacco di De Kruijf e il muro di Leggeri valgono il massimo vantaggio sul 15-11.La Meijners in pipe mette a terra il pallone del 17-14 dopo un’azione interminabile, ma le russe sono sempre lì e non hanno intenzione di mollare un attimo. Ancora dentro la Bramborova al servizio e questa volta la ricezione delle padrone di casa va in crisi consentendo alla De Kruijf di chiudere il 19-15, prima dell’ace dell’opposto piacentino per il 20-15 .
La Dinamo non molla, raccoglie due difese e quando riesce a riattaccare è letale. Un errore della De Kruijf riapre il set: 22-21 Piacenza (da 20-15) con Caprara che chiama tempo. Le piacentine si trovano tre set point a disposizione ma li sprecano subendo l’ace del 24 pari. Bosetti sfrutta bene il muro per il 25-24, la Van Hecke imita la sua compagna per il 26-25, poi la Meijners chiude a muro: 27-25.

Aggiornamento primo set - Dinamo Mosca-Rebecchi Nordmeccanica 1-0 (25-21). La Rebecchi Nordmeccanica parte meglio, ma è sufficiente un piccolo black out in attacco (due muri su Bosetti e una schiacciata out della Van Hecke) per trovarsi a rincorrere, con le russe avanti 8-6. Un muro di Leggeri e un servizio della capitana riportano sotto le ospiti, ma dal 10-9 le padrone di casa provano ancora a scappare. Piacenza non molla e prova a restare attaccata al set crescendo in difesa e rigiocando, ma a quota 16 le russe sono avanti di tre lunghezze.
Sul 18-16 entra la Bramborova al servizio per la Leggeri, ma serve a poco. Il problema, si sapeva, è quello di superare l’altissimo muro delle russe. Piacenza rigioca anche due o tre volte nella stessa azione cercando l’occasione giusta, ma non è semplice,. E proprio un muro sulla Van Hecke consegna il 20-16 alle padrone di casa.
Piacenza non molla e una pipe della Bosetti trova impreparata la difesa delle russe: 20-18. Il muro avversario però continua a fare male: Ferretti prova ad alternare le attaccanti ma il risultato non cambia, con la Dianmo che vola 23-19 prima di chiudere 25-21 con 5 muri punti complessivi nella prima frazione.


Rebecchi Nordmeccanica in campo a Mosca per l'esordio assoluto di una formazione piacentina femminile nella Champions League di volley. Il primo ostacolo per la formazione di Caprara è la Dinamo, avversaria di valore assoluto che può vantare fra le proprie atlete tre campionesse d'Europa. Il tecnico di Piacenza propone in avvio lo stesso sestetto che ha esordito in campionato vincendo 3-0 contro Forlì: Ferretti in regia, Van Hecke opposto, Leggeri e De Kruijf centrali, Bosetti e Meijners di banda con Sansonna libero.
Segui il live della gara su www.sportpiacenza.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Champions: a Mosca non basta una buona Piacenza

SportPiacenza è in caricamento