menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il muro di Natalia Brussa nella sfida con Casalmaggiore (f. Rovellini)

Il muro di Natalia Brussa nella sfida con Casalmaggiore (f. Rovellini)

Brussa: «La Nordmeccanica Rebecchi sta crescendo bene»

Nuovo appuntamento per la Nordmeccanica Rebecchi, che venerdì pomeriggio affronta al PalaBanca (inizio alle 17.30) le russe del San Pietroburgo. Test internazionale per la formazione di Chiappini dopo il 2-2 fatto registrare...


Nuovo appuntamento per la Nordmeccanica Rebecchi, che venerdì pomeriggio affronta al PalaBanca (inizio alle 17.30) le russe del San Pietroburgo. Test internazionale per la formazione di Chiappini dopo il 2-2 fatto registrare quarantotto ore fa nella sfida a Casalmaggiore. Dalla gara con le casalasche sono emerse situazioni positive e altre su cui lavorare, come è naturale che sia in questo momento della stagione. Importante soprattutto ridurre la durata dei black out che in alcune occasioni hanno condizionato i set delle campionesse d’Italia in carica.
Contro San Pietroburgo in campo ci sarà sicuramente Natalia Brussa, unico opposto di ruolo (anche se Chiappini inserisce a volte pure Sorokaite) in attesa del ritorno della Van Hecke, impegnata ai Mondiali con il Belgio.
«Stiamo crescendo bene - spiega Natalia - queste amichevoli ci servono parecchio e ne siamo consapevoli. Sappiamo cosa dobbiamo migliorare e nei test contro formazioni di pari categoria possiamo concentrarci sugli aspetti importanti. Sono situazioni che vediamo molto bene da dentro, magari sono un po’ meno lampanti da fuori».
Il cammino stagionale però è appena iniziato e la strada è ancora lunga.
«Ci sono tantissimi aspetti su cui bisogna continuare a lavorare, ma quello che stiamo facendo porta i frutti sperati».
Mancano ancora tre settimane al primo appuntamento ufficiale della Supercoppa, ma si può già fare una prima analisi sul momento della Nordmeccanica Rebecchi.
«Possiamo migliorare tantissimo in difesa, senza dubbio nel fondamentale non siamo una formazione agguerrita. Ma è un aspetto che bisogna allenare e far crescere insieme al gruppo. Arriverà anche questo se proseguiamo sulla strada che abbiamo intrapreso».

La Brussa è già stata a Piacenza alcuni anni fa. Ma era un’altra squadra, con altri obiettivi e una società diversa. Adesso è tutto cambiato.
«Vero, a iniziare dal palazzetto visto che giocavamo al PalAnguissola. Mi ero trovata benissimo e sono stata contenta di ritrovare alcune di quelle persone rimaste nel gruppo. Per il resto ci sono enormi differenze, ma posso dire che la Nordmeccanica Rebecchi è una società in cui si fanno le cose in grande e soprattutto si guarda molto in alto. Questo è positivo e stimolante».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento