Questo sito contribuisce all'audience di

Per Alessia Arfini prestigioso quarto posto a Jesolo

La piacentina, in coppia con Francesca Fontana, si ferma ai piedi del podio dopo una prima fase ad altissimi livelli

Alessia Arfini (a destra) con Francesca Fontana

Ancora un passo in avanti per la piacentina Alessia Arfini, che chiude al quarto posto la tappa nazionale di beach volley a Jesolo, giocata per la prima volta in coppia con la bergamasca Francesca Fontana. Esordio ad alti livelli, con un girone di qualificazione chiuso senza problemi, con un doppio 2-0 di fronte a Letavi-Mairhof e Bonsanti-De Stefano.

Dopo il meritato riposo arrivano gli ottavi di finale e il risultato non cambia: nuovo 2-0, il terzo consecutivo, questa volta a soccombere sono Angili-Bergna. La Arfini arriva così in semifinale, a un passo dalle medaglia. Ma nella gara che assegnerebbe il pass per la sfida decisiva la piacentina e la sua compagna Fontana devono alzare bandiera bianca di fronte a Fontemaggi-Mennecozzi, che nei momenti decisivi dell’incontro si dimostrano più affiatate.

In palio c’è ancora il bronzo e nella finale per il terzo posto l’avvio di Arfini-Fontana è positivo. Vinto il primo set però la coppia si inceppa, non riesce più a esprimere le proprie potenzialità e lascia strada a Monaco-Rizzo, chiudendo il torneo in quarta posizione.

In casa piacentina c’è comunque soddisfazione per il buon livello mostrato in una manifestazione di spessore e senza avere alle spalle un allenamento in comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fano-Piacenza 2-4: i biancorossi ritrovano il successo in trasferta

  • Rocambolesco pari tra Mantova e Fiorenzuola, il big match termina 3-3

  • Piacenza - Marco Scianò: «Ricompattiamo l'ambiente, solo così si possono ottenere dei risultati»

  • Il Caorso: «Ricevuto insulti razzisti». Il Villanova: «Ricostruzione falsa» e si va per vie legali. FOTO

  • LIVE Gas Sales-Monza 3-2. Fei supera Zlatanov, è il bomber più prolifico di sempre

  • Il Pro Villanova: «Nessuna offesa razzista, a Caorso non è la prima volta che succede un fatto del genere»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento