Giovedì, 18 Luglio 2024
Nuoto

Super Carini, al Settecolli primato personale nei 100 farfalla: «Ci ho creduto». E sabato va a caccia del pass olimpico

Il piacentino chiude in 52.00 la finale B e lima 29 centesimi al suo miglior tempo di oltre sette anni fa. Domani l'appuntamento principale sulla doppia distanza

E’ un Giacomo Carini scoppiettante quello che scende in acqua nella prima giornata del Trofeo Settecolli a Roma. Il nuotatore piacentino ha fatto registrare il primato personale nei 100 farfalla, vincendo la finale B con il crono di 52.00. Un tempo che gli avrebbe consentito di conquistare l’argento nella finale A, alle spalle dell’olandese Nyls Korstanje e davanti a Edoardo Valsecchi che ha chiuso in 52.01. Per l’atleta delle Fiamme Gialle/Vittorino da Feltre un miglioramento di ben 29 centesimi rispetto a quanto fatto segnare nella stagione 2016-2017; Carini non nuotava sotto i 53 secondi proprio dall’anno in cui fece registrare il personale.

Nelle qualificazioni del mattino il piacentino, inserito in ottava batteria, aveva chiuso al quarto posto in 52.49, undicesimo tempo complessivo che non gli aveva permesso di entrare nella gara per le medaglie. Poi in serata l’exploit che ha permesso a Giacomo di sorridere. «Negli ultimi anni  - ha spiegato - mi sono concentrato sui 200 farfalla, ma anche la distanza più breve mi è sempre piaciuta. In questo periodo ho iniziato a crederci di più e i risultati stanno arrivando».

Il tutto senza dimenticare l’obiettivo principale: i 200 farfalla in cui Carini è a caccia del minimo olimpico per bissare la presenza ai Giochi dopo quella di Tokyo. Il portacolori delle Fiamme Gialle/Vittorino sabato deve confermare l’ottimo stato di forma mostrato nella giornata odierna: fasi eliminatorie alle 9, finale poco dopo le 16 con l’obiettivo olimpico posto al traguardo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Super Carini, al Settecolli primato personale nei 100 farfalla: «Ci ho creduto». E sabato va a caccia del pass olimpico
SportPiacenza è in caricamento